Eva Illouz // Olocausto, militarismo e consigli di Machiavelli: COME LA PAURA HA PRESO IL SOPRAVVENTO SU ISRAELE

678

tratto da: https://frammentivocalimo.blogspot.com/2021/01/eva-illouz-olocausto-militarismo-e.html

Traduzione sintesi

Israele può essere lo stato meglio difeso al mondo, ma l’esistenza del suo popolo si basa su un ethos di paura costante.

Nel suo famoso manuale per i governanti, dedicato a Lorenzo di Medici, Niccolò Machiavelli consigliò al suo principe di imparare come suscitare amore e paura nei suoi sudditi. Essere amati e temuti allo stesso tempo era il modo migliore per esercitare il potere, ma se si deve scegliere meglio essere temuti. La paura (instillata negli altri) è senza dubbio l’emozione più apprezzata dai tiranni che la usano per costruire i loro regimi.

Nella sua breve storia Israele è stato coinvolto in circa 10 conflitti o guerre militari e in innumerevoli operazioni che hanno incluso bombardamenti, attacchi aerei e incursioni nel territorio. Sebbene Israele non sia l’unico paese ad essere coinvolto in conflitti prolungati, è tra i pochi stati che hanno intrapreso un conflitto armato con tutti i suoi vicini, che ha un conflitto militare a bassa intensità in corso con una popolazione intrecciata con la sua e che considera Il 20 percento dei suoi cittadini allineati con i nemici (potenziali o effettivi). Israele è unico in quanto è definito dai nemici al di fuori dei suoi confini, dai nemici vicini ai suoi non-confini e dalla presenza (reale e immaginaria) di nemici all’interno dei suoi confini. Pochi paesi sono costruiti con la stessa solidità di Israele sulla distinzione tra amico e nemico. Questa distinzione è profonda nella società, nella politica e nella moralità israeliane.

L’Olocausto ha cambiato per sempre la coscienza ebraica, sia in Israele che nella diaspora. Il genocidio degli ebrei europei ha attribuito un significato quasi metafisico all’antisemitismo, facendo apparire l’odio per gli ebrei eterno, inevitabile e totale, una parte dell’ordine dell’universo. I grandi nemici hanno assunto varie forme nel corso della storia ebraica, ma tutti sono parte di una catena infinita del male: Amalek, i romani, l’Inquisizione cristiana, i pogrom. Una catena storica al cui apice è Hitler. È così che è stata creata la narrazione centrale che plasma la coscienza ebraica moderna: il mondo ha iniziato a essere definito dalla sua intenzione e determinazione a distruggere gli ebrei.

Questa percezione ha gradualmente modellato l’atteggiamento dei sionisti verso gli arabi. Nel 1923 il leader revisionista Ze’ev Jabotinsky non considerava l’opposizione della popolazione araba al sionismo come antisemita, invece la vedeva come la resistenza naturale di una popolazione nativa a una forza colonialista. Man mano che il conflitto militare in Palestina diventava più intenso e l’antisemitismo iniziava a essere percepito come la forza centrale che guidava la storia ebraica, il rifiuto arabo del sionismo finì per essere visto come una continuazione dell’antisemitismo storico. L‘idea “ci vogliono buttare in mare” nasconde un misto di vera ostilità anticolonialista araba e la creazione del subconscio ebraico modellata da traumi antisemiti.

Il motivo centrale del pensiero della leadership sionista era la sopravvivenza. Nell’aprile 1956, come parte di una serie di battaglie contro soldati egiziani e fedayeen, Roi Rotberg, una guardia di sicurezza di 21 anni del Kibbutz Nahal Oz, fu ucciso e il suo corpo mutilato. L’elogio pronunciato dal capo di stato maggiore delle forze di difesa israeliane Moshe Dayan è diventato uno dei più influenti nella storia israeliana: “Non diamo la colpa agli assassini. Cosa possiamo dire contro il loro terribile odio verso di noi? … Siamo una generazione di insediamenti e senza l’elmo d’acciaio e il fuoco del cannone, non saremo in grado di piantare un albero e costruire una casa. I nostri figli non avranno vite se non scaviamo rifugi e senza il filo spinato e la mitragliatrice non saremo in grado di pavimentare strade e attingere acqua. Milioni di ebrei, massacrati in assenza di un paese, ci stanno guardando dalle ceneri della storia israeliana e ci ordinano di stabilirci e ricostruire un paese per il nostro popolo… Non indietreggiamo alla vista dell’odio che consuma e riempie le vite di centinaia di migliaia di arabi che ci circondano, anticipando il momento in cui potranno versare il nostro sangue. Non abbassiamo lo sguardo, perché le nostre braccia non si indeboliscano. Questo è il destino della nostra generazione.”

Il discorso di Dayan è un ottimo esempio di quello che sarebbe diventato un modello di pensiero significativo nella psiche israeliana. Dayan pone al centro della coscienza israeliana gli ebrei che sono stati uccisi in tutto il mondo nel corso della storia. La nazione deve agire con loro in mente. Gli arabi diventano un monolite, pieno di odio, che continua e riflette l’antica minaccia di distruzione. La lingua di Dayan identifica il potente esercito nazista con i fedayn mal armati che hanno attaccato i coloni israeliani. Così il filo spinato e le mitragliatrici diventano inevitabili, parte di una necessaria lotta per la sopravvivenza.

Nelle parole dello storico Idith Zertal, il nemico arabo subì la nazificazione, anche se questo nemico non era collegato al massacro degli ebrei europei. Nel 1982, mentre spiegava perché aveva intrapreso la prima guerra in Libano, il primo ministro Menachem Begin dichiarò: L’alternativa è Treblinka e abbiamo deciso che non ci sarà un’altra Treblinka”. Pertanto, il Libano non era solo una missione militare, ma un’opportunità per la storia degli ebrei.

L’autodifesa sionista iniziò con una serie di milizie che combattevano su tre fronti: contro i nativi arabi, contro le autorità britanniche e altri gruppi clandestini ebraici (Lehi, Haganah, ecc., ). Questi tre fronti simultanei hanno reso il combattimento militare una componente chiave della nascente identità sionista. La maggior parte delle lotte nazionali finisce una volta che lo stato è stato creato. I soldati vengono smobilitati e cedono le loro armi a quello stato, che passa al compito di costruire o ricostruire una società civile, ma questo non era il caso di Israele, poiché la sicurezza militare e i servizi segreti sono diventati l’anima e la spina dorsale dell’apparato statale, plasmando la politica pubblica così come il linguaggio ordinario e la prospettiva dei cittadini, instillando ciò che il sociologo Baruch Kimmerling ha definito ” militarismo cognitivo.”

Due esempi saranno sufficienti per illustrare come la “sicurezza” abbia plasmato lo stile del governo israeliano e la cultura israeliana in modo profondo e duraturo: come mostra Ronen Bergman nel suo straordinario libro “Rise and Kill First”, gli omicidi mirati erano incorporati nello stato di Israele fin dall’inizio. Secondo lui, attraverso il Mossad, Israele ha assassinato più persone di qualsiasi altro paese occidentale dalla seconda guerra mondiale. Funzionari britannici, scienziati tedeschi (ex nazisti che lavorano con gli egiziani per sviluppare missili), membri dell’OLP, Hamas, Hezbollah, scienziati nucleari iraniani sono stati tutti regolarmente e quasi regolarmente assassinati da Israele per impedire loro di sviluppare armi contro Israele, o per prevenire un’azione contro Israele.

Il secondo esempio è la demografia, che nella maggior parte dei paesi è vista come una questione economica, in Israele è diventata una questione di sicurezza. “Minaccia demografica è diventata un’espressione ordinaria, facilmente comprensibile: il numero di nascite ebree necessarie per sostituire quelle non ebree (una visione che ricorda i suprematisti bianchi per i quali la demografia è anche una minaccia per la sicurezza).

La sicurezza, il combattimento militare e la violazione della legge formano un’unica matrice nel cuore e nell’anima della politica e della psiche israeliane. Israele è uno dei paesi che spende di più per l’industria della sicurezza. Ha le industrie più avanzate di sorveglianza, sicurezza e cybersecurity del mondo, alcune delle quali sono specializzate nell’aiutare sia gli stati canaglia che i ricchi a eludere la legge e a commettere vari crimini. Le agenzie di difesa israeliane possono rintracciare i residenti dell’Autorità Palestinese senza limitazioni significative.

La sicurezza non è solo una vasta gamma di armi, tecnologie e tecniche. È prima di tutto un’idea, un concetto e un modo per orientarsi nel mondo. I concetti che sono costantemente presenti nella coscienza e nelle azioni creano “percorsi” di pensiero, sentimento e azione. La “sicurezza” divide il mondo tra nemici e amici.

Uno stato e una cultura che fanno della sicurezza la loro opzione predefinita trasformeranno anche la paura in una parte intrinseca della coscienza nazionale. Immagina di camminare per strada con disinvoltura, pensando al prossimo vestito che comprerai, poi davanti al negozio vedrai due guardie armate di mitragliatrici. Questo cambierà automaticamente il corso del tuo pensiero: sarai improvvisamente informato di minacce terroristiche che probabilmente non stavi prendendo in considerazione solo pochi istanti prima. Le mitragliatrici contemporaneamente ti faranno preoccupare per una minaccia alla quale non avevi pensato e ti rassicurano.

Uno stato militarizzato funziona esattamente in questo modo: la sua costante attenzione alla forza e al potere, le emergenze militari, le minacce, le armi, il linguaggio militare, la celebrazione della vittoria e la commemorazione delle vittime militari producono un’atmosfera di vulnerabilità e paura. Le forze di sicurezza sembrano essere l’unico rifugio. Una volta che la paura è al centro della psiche collettiva, il linguaggio della difesa diventa inevitabile e naturale. Il pensiero diventa automaticamente “noi contro loro”, “non ci sarà mai pace”.

Il mondo o è per noi o contro di noi. Questo è l’unico prisma attraverso il quale molti israeliani osservano la politica internazionale. È così che un leader rivoltante come Donald Trump può essere visto come un alleato e il suo comportamento oltraggioso viene ignorato o visto con benevolenza. Questo perché appartiene al campo degli amici. La sua “amicizia” gli garantisce l’immunità ai nostri occhi, nonostante sia un presidente la cui statura morale è la più bassa che l’America abbia mai avuto.

• • •

La mentalità della sicurezza divide il mondo in nemici e amici e la sua legittimità si nutre della paura che crea. Questo è anche il modo di pensare instillato nei soldati, specialmente in quelli che sono a contatto con i palestinesi. La testimonianza di un ex soldato ne fornisce una prova diretta.

Nadav Weiman è vicedirettore e capo del dipartimento di difesa della ONG anti-occupazione Breaking the Silence. Dal 2005 al 2008 ha prestato servizio come cecchino in un’unità d’élite della Brigata Nahal. Quando l’ho incontrato di recente, gli ho chiesto di raccontarmi cosa ricordava del servizio militare e della sua percezione dei palestinesi.

Weiman: Non li abbiamo chiamati palestinesi, ma arabi. Gli arabi sono un’entità, non individui o persone con desideri. Sono un’entità e questa entità è il nemico e devi aver paura di tutti loro. Hai davvero paura. Ci viene costantemente detto che i palestinesi sono terroristi, che educano i loro figli all’omicidio. Ero al liceo durante la seconda intifada [2000-2005], a Tel Aviv gli autobus stavano esplodendo intorno a noi, amici di mio fratello sono stati uccisi nell’esercito. Quindi i miei amici e io abbiamo pensato che i Palestinesi fossero tutti terroristi fino a prova contraria. Anche una donna incinta che ti passa accanto potrebbe nascondere qualcosa nella sua pancia, persino un bambino che va a scuola: la sua borsa potrebbe contenere esplosivi”.

Una volta che la paura è al centro della psiche collettiva, il linguaggio della difesa diventa inevitabile e naturale. Il pensiero diventa automaticamente “noi contro loro”, “non ci sarà mai pace”. Il mondo o è per noi o contro di noi. Questo è l’unico prisma attraverso il quale gli israeliani osservano la politica internazionale. Weiman è arrivato all’esercito con questo concetto o lo ha acquisito durante il servizio militare?

Sono entrato nell’esercito con questo concetto. Sono cresciuto a Ramat Aviv Gimmel [un quartiere ricco e secolare], nel nord di Tel Aviv, e non ho mai parlato con i palestinesi. Avevo amici degli Israel Sea Scouts a Giaffa e non mi rendevo conto che fossero palestinesi. Quindi per me i palestinesi erano qualcosa di lontano, una specie di nemico che è al di là delle montagne dell’oscurità. Durante la seconda Intifada, la nostra più grande paura era affrontare un attacco terroristico. Sotto questo aspetto [i palestinesi] sono malvagi e sono nostri nemici. Poi nell’esercito ti insegnano ciò dalla mattina alla sera. Ci sono lezioni come ‘conoscere il tuo nemico’ che ti insegnano chi è il tuo nemico. Impari a conoscere le diverse organizzazioni palestinesi e quali tipi di armi hanno. Allora chi me l’ha insegnato? Da un lato, la realtà me lo ha insegnato così come la paura nella quale sono cresciuto e la mia famiglia molto militarista. D’altra parte nell’esercito mi hanno insegnato che non esiste qualcosa come un palestinese “innocente” o “colpevole”: Un palestinese è “coinvolto” o “non coinvolto”. Quando arrestiamo i palestinesi, li chiamiamo terroristi e mai li chiamiamo per nome, se mai Jonny. Una sorta di nome [generico] che lo tiene distante. Sembra che si stia catturando qualcuno nel selvaggio West. Quindi la lingua ti tiene distante da esso e la realtà plasma l’odio e la rabbia per i palestinesi che vogliono solo ucciderci. Arriva il momento in cui finisci il tuo addestramento militare … Sei in cima al mondo … Poi raggiungi i territori occupati. Vai alla base, sei un soldato armato e all’improvviso tutti i palestinesi che vedi ti guardano con uno sguardo di paura e di odio. Hanno terribilmente paura di me perché sono un soldato. In un secondo la situazione può divampare e io posso fare quello che voglio, ma mi odiano anche perché sono un soldato di occupazione.

Weiman racconta come la paura pervada l’intero servizio militare e gli abbia permesso di fare ciò che un cecchino dovrebbe fare: sparare al nemico. Senza questa paura sarebbe infatti molto più difficile disumanizzare i palestinesi o ignorare la paura che provano. La paura è un mezzo di guerra.

• • •

Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha capito intuitivamente che la paura è al centro dell’anima israeliana, e ha usato questa comprensione inesorabilmente, manipolativamente, non per l’interesse collettivo (come David Ben-Gurion, probabilmente, ha fatto) ma per i suoi interessi elettorali. Il commentatore politico Peter Beinart lo ha riassunto in modo molto appropriato: Per Benjamin Netanyahu, Israele deve sempre affrontare lo stesso nemico. Chiamalo Amalek, chiamalo Haman, chiamalo Germania nazista, ma tutti vogliano la stessa cosa: la distruzione del popolo ebraico“.

La paura è lo strumento politico più sicuro di Netanyahu, e questo potrebbe spiegare come sia diventato il primo ministro più longevo nella storia israeliana.

La paura ha fatto parte della strategia politica di Netanyahu fin dall’inizio. Quando ha definito il primo ministro Yitzhak Rabin come traditore, nel 1995, sapeva già come creare un clima di paura intorno agli accordi di Oslo. Nel suo discorso del 2015 davanti al Congresso degli Stati Uniti, quando ha condannato l’accordo nucleare con l’Iran, Netanyahu ha dichiarato che i giorni nei quali gli ebrei erano stati passivi di fronte a un nemico assassino erano finiti. Ogni volta che viene sollevata la questione dell’Iran, demonizza la Repubblica Islamica tirando fuori l’analogia con l’Olocausto. Per sconfiggere i palestinesi è arrivato al punto di inventare che il mufti di Gerusalemme, Hajj Amin al-Husseini, è stato colui che ha suggerito ai nazisti l’idea della Soluzione Finale.

Alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco nel 2018, Netanyahu ha parlato dell’Olocausto e al Forum Mondiale sull’Olocausto ha parlato di sicurezza, fondendo perfettamente questa idea con la Shoah. Una volta presentate le sfide politiche e diplomatiche come minacce di annientamento, Netanyahu ha cancellato la possibilità di discussioni strategiche serie. Ha creato due campi: uno che difende la sopravvivenza dello stato, un altro che lo minaccia. Così ha considerato pericolosi i membri arabi della Knesset e le organizzazioni per i diritti umani e ha fatto quello che fanno abitualmente i leader fascisti: tracciare una linea retta tra i nemici esterni e quelli interni. Ha portato la paura all’interno dei confini di Israele e ha definito la sinistra e i loro partner arabi un nemico non diverso da altri nemici, esterni e attuali. La paura è diventata il principale contenuto politico della destra israeliana. Più la sua politica si scontra con la realtà della demografia palestinese, più la destra infonde un sentimento di paura.

Come la crisi del coronavirus rende ancora più chiara, la paura, sia immaginata che reale, è un potente strumento politico. Trionfa e scavalca tutte le emozioni e le considerazioni. Spazza via l’intera polifitica, chi sa gestirla è in grado di comandare. La paura è il comandante in capo di tutte le emozioni. Pertanto i cittadini devono avere una mente straordinariamente sobria per vedere oltre il bluff dei manipolatori della paura e per distinguere tra minacce reali e minacce inventate. I cittadini, come quelli in Israele, che vivono all’ombra di grandi traumi storici e sono mentalmente ed emotivamente addestrati a vivere e a combattere la paura, tuttavia non hanno e non possono avere la maturità politica di cittadini veramente democratici. Si arrenderanno sempre alla loro paura.

Nell’Israele di oggi, la paura è così dominante che anche coloro che sono contro Netanyahu ricorrono all’uso al linguaggio della sicurezza. Persino il leader di Kahol Lavan, Benny Gantz, che ha cercato di posizionarsi come l’alternativa morale a Netanyahu, si è vantato di, durante la guerra del 2014 quando era il capo di stato maggiore dell’IDF, aver minacciato di portare la Striscia di Gaza “all’età della pietra” e dell’uccisione dei 1.364 palestinesi. Ciò sottolinea la completa perdita di una bussola morale nell’arena politica.

• • •

La paura sulla quale gioca incessantemente Netanyahu è molto diversa dalla paura provata dalla gente comune che vive sotto la minaccia di missili e razzi lanciati da Gaza. La paura che invoca è incessantemente manipolata e manipolatrice. Mescola fatti e finzione. È integrata in storie di annientamento e vittoria.

Per capire quella che possiamo chiamare “vera paura”, molto diversa da quella fittizia, prima dello scoppio della pandemia mi sono recata al Kibbutz Nir Yitzhak, situato nella la stessa zona, adiacente a Gaza, dove Roi Rotberg fu ucciso quasi 70 anni fa. Ho intervistato tre donne del kibbutz, Esty, Hava e Ofra, che vivono lì da quando avevano vent’anni. Sono arrivati nella regione 45 anni fa, nel 1975, con il movimento giovanile socialista-sionista Hashomer Hatzair. Il loro intento era di sistemare la terra e creare una presenza ebraica negli angoli più remoti del paese. Nella cucina spaziosa e pulita di Esty, abbiamo avuto una lunga conversazione intorno a una tazza di tè caldo,

Ho chiesto loro come fossero cambiati nel tempo i loro sentimenti sulla vita e in particolare sul vivere vicino al confine con Gaza.

Hava: “Posso dire che facevo sempre l’autostop e non eravamo affatto spaventati. Anche gli arabi guidavano su questa strada e non abbiamo mai avuto paura. Penso che uno dei motivi per cui ho scelto di vivere qui sia stata la distanza [dal centro] e la quiete. Era tranquilla. Adesso non lo è. Penso che sia successo gradualmente. Gaza era aperta, andammo a visitarla intorno al 1976. Poi iniziarono a spuntare degli insediamenti e agli arabi non fu più permesso di usare le nostre strade. È stato tutto graduale, non improvviso. Penso che quando gli insediamenti di Gaza furono evacuati [nel 2005], fu allora che iniziarono le sparatorie”.

Ofra: “È iniziato in piccolo. Non avevamo sistemi di allarme antiaereo; gli attacchi non erano annunciati in TV, non eravamo ancora protetti”.

Come suggerisce la straordinaria testimonianza di Nadav Weiman di Breaking the Silence, la paura può trasformare il nemico in un’entità incomprensibile, un animale nascosto nell’oscurità, invisibile e pericoloso, qualcuno che non possiamo né vedere, né afferrare né capire.

“Eravamo molto ingenui, pensavamo che, restando nell’atrio, sarebbe andato tutto bene. Mi sono resa conto del pericolo quando un bambino è stato ucciso nel [Kibbutz] Nahal Oz, quando era a casa sua, protetta [con mura fortificate].. Questo è stato circa cinque anni fa. Non conosco i nomi delle operazioni [a Gaza]. È diventato parte della nostra normale routine. Quindi hanno iniziato a proteggere gli edifici e hanno aggiunto un mamad [spazio protetto] in ogni casa. Prima ancora hanno ricoperto di cemento tutti gli edifici dei bambini, gli asili. E ogni volta che si verifica un incidente, dobbiamo portare i bambini lì”.

Esty: “Ogni volta che succede qualcosa, anche qualcosa di piccolo, mi paralizzo. Non esco di casa; mi siedo vicino al mamad. Pianifico in anticipo le pause per il bagno e la doccia. Mi paralizzo.”

Ofra: “Non esco dal kibbutz quando vado a passeggio. Ho paura di trovarmi all’esterno quando succede. Quindi cammino nel cortile, lungo la recinzione. E anche allora, dopo un incidente, mi ci vuole circa una settimana per tornare a fare passeggiate. È spaventoso. Sei completamente impotente. Alcune volte i missili sono finiti appena sopra le nostre teste. Senti questo fischio. Non posso descriverlo. È come un dolore fisico. È prima dell’allarme rosso. Sembra che tu stia avendo un attacco di cuore. E poi senti boom. Chiudo gli occhi e aspetto solo che cada, così sappiamo dove è caduto. Una volta è caduto molto vicino a casa mia, vicino al bestiame. Veramente vicino. Ci fu silenzio per alcuni istanti. Ho paura di muoverti perché non so cosa troverò quando apro la porta.”

La paura, la vera paura, afferra queste donne trasformando le loro vite. Le loro case hanno iniziato a portare le tracce della paura. Le loro abitudini all’interno della casa, le finestre, le passeggiate quotidiane, le riunioni di famiglia, tutto questo è diventato paura: la propria vita può essere portata via all’improvviso, in qualsiasi momento.

• • •

Ami Ayalon era un soldato modello, un generale maggiore dell’IDF. Dopo l’assassinio di Yitzhak Rabin nel 1995, Ayalon divenne capo del servizio di sicurezza dello Shin Bet, e fece alcune incursioni nella politica del centro-sinistra. L’ho intervistato nella sede di Akim, un’organizzazione senza scopo di lucro che aiuta le persone disabili, di cui è presidente.

Ayalon: Per gli israeliani, gli eventi passati, l’esilio babilonese, l’esilio dalla Spagna, i pogrom, l’Olocausto sono incorporati nel presente. È l’unico stato al mondo dove i suoi cittadini non sono certi della sua sopravvivenza nel prossimo futuro. Il concetto di minaccia esistenziale è una realtà quotidiana per molti israeliani. Fa parte del DNA che plasma la percezione della sicurezza. In un momento di paura non eleggiamo un leader che ci offra istruzione, salute o cultura migliori. Eleggiamo leader che siano più bravi a uccidere i nostri nemiciLo Stato di Israele è il più difeso al mondo da qualsiasi minaccia, i nostri confini sono chiusi. Non esiste altro Stato così protetto in termini di parametri quantificabili, ma i cittadini israeliani si sentono meno sicuri dei cittadini della maggior parte dei paesi. Questo divario tra difesa [l’aspetto quantificabile della sicurezza] e sicurezza [il sentimento esistenziale di sicurezza] è la base del nostro comportamento, che modella la percezione israeliana della sicurezza”.

La paura, dice Ayalon, è la chiave della psiche collettiva israeliana anche se, allo stesso tempo, il paese ha il sistema di sicurezza difensivo più forte del mondo. Ciò significa che la paura degli israeliani non ha alcuna relazione con le effettive difese che proteggono Israele. Va oltre:

“In una realtà di paura i cittadini preferiranno sempre la sicurezza ai diritti [umani e civili], soprattutto se non sono i diritti della maggioranza, ma degli” altri”. I tribunali hanno utilizzato questa politica nelle guerre, comprendendo che i diritti possono essere “accantonati” per la sicurezza, ma la guerra al terrore non ha una fine precisa. Quindi, ogni volta, prendiamo un po’ più dei loro diritti … Un leader razionale dovrebbe riconoscere che una società spaventata crolla su se stessa, quindi fare di tutto per creare un senso di sicurezza, ma i leader devono essere ri-eletti. Quindi, in un momento di paura, non eleggiamo un leader che ci offre un sistema sociale e politico migliore: votiamo per leader che sono più bravi a uccidere i nostri nemici, che sono più bravi a ‘premere il pulsante rosso’.”

• • •

Il principale contributo di Netanyahu alla politica israeliana è la fusione di due tipi di paura. Il politologo americano Corey Robin fa la distinzione tra la paura che crea l’unità nazionale (in tempo di guerra, per esempio) e la paura che si basa sulle spaccature e le disuguaglianze all’interno di una società. Netanyahu è riuscito a utilizzare il primo tipo di paura per generare il secondo tipo di paura: la paura del nemico arabo genera la paura della sinistra.

La paura consente il dominio attraverso il caos e la trasformazione del caos e del disordine in un modo di governo. Maggiore è il senso di caos in un paese (perché i servizi pubblici sono trascurati, perché i gruppi sociali sono sempre più contrapposti, perché alcuni gruppi sono definiti come nemici), più acuta diventa la necessità di un leader forte che allevierà la paura e l’ansia. Governare nel caos è quindi un risultato chiave della paura come emozione pubblica.

Come suggerisce la straordinaria testimonianza di Nadav Weiman di Breaking the Silence, la paura può trasformare il nemico in un’entità incomprensibile, un animale nascosto nell’oscurità, invisibile e pericoloso, qualcuno che non possiamo né vedere, né afferrare né capire. In questo modo, è molto più facile uccidere, torturare, molestare, arrestare o terrorizzare qualcuno che viene definito il nemico, quando la parola è svuotata di qualsiasi contenuto diverso dalla paura che suscita in me.

La paura privilegia sempre la destra della politica, poiché la destra è sempre quella che non esita a sospendere i diritti umani e le libertà civili per affermare il proprio potere. Come ha scritto Brian Michael Jenkins in un articolo del 2013, “An Incremental Tyranny”, “La democrazia non preclude la sottomissione volontaria al dispotismo. Una popolazione spaventata richiede protezione”.

Ofra: È incredibile, i cambiamenti che il kibbutz ha subito. Una volta erano totalmente di sinistra. ora sono a destra o al centro.

Esty: “A causa di ciò che analizziamo in modo diverso, incolpano sempre l’altra parte.”

• • •

L‘esercito è sempre stato profondamente coinvolto nella società israeliana. Tuttavia la novità è che negli ultimi tre decenni la fusione tra industria high-tech, industria della sicurezza ed esercito ha raggiunto quasi la perfezione, rendendo il militarismo cognitivo ancora più profondo. Ciò rappresenta un drammatico allontanamento dalla cultura delle società democratiche. Come suggerisce Rosa Brooks, studiosa giuridica ed ex analista del Pentagono, nel suo illuminante libro del 2016, “How Everything Became War and the Military Became Everything”, le società umane nel corso della storia hanno tracciato linee chiare tra guerra e pace, tra militari e civili, questo è tanto più vero in una società democratica. Nelle cosiddette società primitive, i gruppi usano pitture di guerra e rituali di iniziazione per trasformare gli uomini in guerrieri e, quando tornano nella società civile, devono sottoporsi a rituali di reintegrazione. Infatti ciò che è permesso in tempo di guerra diventa moralmente e legalmente inaccettabile in tempo di pace. Uccidere gli altri in tempo di pace è un crimine, ma in tempo di guerra si può ottenere una medaglia”.

Una cultura politica abituata alla paura tollererà e persino ordinerà violazioni dei diritti umani fondamentali per motivi di sicurezza. Così finirà di creare una cultura politica proto-fascista. L’ effetto più significativo e letale della paura è che ci impedisce di capire che anche il nemico ha paura, proprio come noi. La paura blocca la comprensione che anche il nemico vive nella paura e che gli israeliani creano condizioni di terrore e paura per gli altri.

• • •

Nisreen Alyan è un avvocato e direttore della Clinic for Multiculturalism and Diversity presso l’Università Ebraica. Rappresenta gli arabi che vivono a Gerusalemme est.

“Quando vivi a Gerusalemme Est”, dice, “devi essere in grado di dimostrare che la tua residenza principale è lì, altrimenti potresti essere cacciato di casa. Immagina di aver paura di perdere la tua casa. Hai costantemente paura di trovarti nel posto sbagliato.” Ai residenti di Gerusalemme est manca un diritto umano fondamentale, qualcosa che la maggior parte delle persone in tutto il mondo dà per scontato: il diritto alla cittadinanza. il diritto di sentirsi sicuri nella proprietà della propria casa. Sono apolidi e quindi senza alcuna protezione e difesa. In questo stato di espropriazione politica, corrono il rischio di perdere le loro case, la vera fonte dell’identità per la maggior parte delle persone.

Un sondaggio del 2010 ha mostrato che tra gli ebrei israeliani, il 54% era preoccupato che loro o i loro parenti potessero essere attaccati dagli arabi durante la loro routine quotidiana, mentre il 43% non era preoccupato. Tra i palestinesi, il 75% era preoccupato di poter essere attaccato, o che le loro proprietà fossero confiscate o la loro casa rasa al suolo dalle forze israeliane, mentre il 25% ha affermato di non essere preoccupato. La stragrande maggioranza dei palestinesi vive con la costante paura di essere espropriata del diritto fondamentale: avere una casa, avere un lavoro o avere uno Stato.

• • •

Alcune – forse la maggior parte – delle persone trasformano la loro paura in odio, specialmente quando quella paura viene manipolata incessantemente da leader interessati a seminare divisione, a prendere più potere e a giustificare l’autoritarismo e la supremazia religiosa ed etnica. Altre persone riescono ad andare oltre le proprie paure, oltre i meccanismi automatici di pensiero e di sentimento che la paura produce. Le tre donne che ho intervistato, Ofra, Esty e Hava, offrono un esempio lampante di ciò.

Il tuo atteggiamento nei confronti degli arabi è cambiato nel corso degli anni? Sia come individui che come comunità?

Ofra: “Sono diventata più filo-arabo”.

Hava: Penso che dobbiamo parlare con loro. Le persone non sono d’accordo con me, ma continuo a pensare che salvare il posto in cui vivo possa avvenire solo se parliamo con loro”.

Ofra: Tutto quello che ti abbiamo detto qui, la protezione e il denaro [speso dal governo per questo], manca ai Palestinesi. Nessuna protezione, nessuna comunità, nessun aiuto medico, niente”.

Hava: “Perché non dovrebbero essere arrabbiati?”

Esty: “Non hanno più niente da perdere.”

Ofra: Penso che siano straordinariamente creativi. Oggi un mucchio di palloncini incendiari attaccati a un pallone da calcio è stato inviato [da Gaza]. La prima cosa che ho detto ai miei nipoti è stata: “G Non toccate”. Hanno fatto cadere un pallone con esplosivi nel parco giochi, per fortuna i bambini non erano presenti. Questo è il genere di cose che mi rende ansiosa da quando sono nati i nipoti.”

Hava: Quando hanno iniziato con i palloncini, mi sono chiesta come mai non fosse successo prima. La risposta è: non hanno niente da perdere. È così creativo usare un palloncino, così semplice. E dove spari [per rappresaglia] quando questo pallone atterra qui?”

Ofra: A volte sento persone che dicono ‘dobbiamo colpirli duramente.’ Non rispondo nemmeno più. Che cosa è rimasto laggiù da colpire?

Di tutte le emozioni politiche, la paura è la peggiore, perché mette i nostri beni più preziosi – libertà e democrazia – nelle mani di leader indegni, perché soffoca il pensiero complesso, perché cancella la moralità e incoraggia l’ipocrisia. I leader indegni governano attraverso la paura. Non è un caso che Caligola, l’abominevole e crudele imperatore romano del I secolo, sia ricordato per aver detto dei suoi cittadini: ” Che odino pure, finché temono.”

Eva Illouz è titolare della cattedra Rose Isaac in sociologia presso l’Università ebraica ed è ricercatrice senior presso il Van Leer Institute. Questo articolo è il primo di una serie che tratta di emozioni antidemocratiche.

 

https://frammentivocalimo.blogspot.com/2021/01/eva-illouz-olocausto-militarismo-e.html

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.