Experiment#7 “PER LA CAUSA PALESTINESE”

0
379

tratto da: INVICTA PALESTINA

 

REUTERS PICTURES OF THE DECADE. A young Palestinian protestor is arrested by Israeli border police in Jerusalem’s Old City, April 6, 2001 after clashes broke out following Friday’s Muslim prayers. REUTERS/Evelyn Hockstein (JERUSALEM)

Una fotografia. Il tutto in una fotografia, sei militari israeliani che portano via un ragazzino palestinese. Il pisciarsi addosso dalla paura di essere stato preso.

Zichietto – 26 giugno 2020

 

Una fotografia. Il tutto in una fotografia, sei militari israeliani che portano via un ragazzino palestinese. Il pisciarsi addosso dalla paura di essere stato preso. Il suo spavento, non mi vergogno a dirlo, mi ha ricordato un episodio che mi capitò da ragazzino, avrò avuto dieci, dodici anni, quando nel mio quartiere, per dei cazzo di petardi, un agente dopo avermi rincorso, mi prese a calci nel culo. Terrore assoluto!

 

Mai raccontato a casa, ci mancherebbe, avrebbero dato ragione all’adulto con scuse a seguire per il procurato disturbo. Poi per mia fortuna non sono cresciuto in Palestina e ho avuto la possibilità di rifarmi nei giochi, nei passatempi e nello scorrazzare per il mio quartiere prima, e in città poi.

Non solo errori o traumi, la vita è fatta di passaggi, di cambiamenti, di migliorie nell’ emotività, di crescita (si spera) ma soprattutto è fatta anche di punti fermi e questo aiuta a guardare le cose, il mondo che ti gira intorno, in particolare in questi ultimi tempi visto come ruota malamente.

Il mio punto fermo è che sono diventato antisionista convinto, accanito, con l’occhio da animale. Questo può far ridere vista la distanza che intercorre tra il paesello dove vivo (l’ Italia) e i territori occupati. Per me l’ essere a favore o meno della causa palestinese è uno spartiacque da dentro o fuori, è testa o croce, bianco o nero, è riconoscere l’ amico fraterno dal comune conoscente. E’ il mio derby. E’ consapevolezza. Mi accorgo subito di chi vacilla, del qualunquista, dell’ egoista, del pressappochista.

Un’ occupazione illegale che quotidianamente massacra un popolo nell’impunità assoluta, questo accade in Palestina. Odio gli indifferenti, gli equidistanti che generano delle sprovvedute conclusioni come se si parlasse di due paesi in guerra (due pietre lanciate da dei bambini, contro la quarta potenza militare del mondo che ha, oltretutto, migliaia di testate nucleari non avendo mai firmato gli accordi di non-proliferazione), ancor di più odio chi è filo-sionista dichiarato e non, perché scelgono la via più facile e codarda: stare dalla parte del più forte, del vincitore, di chi si impone con la forza.

Perché questo è il colone israeliano. Uno che reclama una terra che gli è stata donata da Dio (pensate un po’!), uno che armato fino ai denti se ne infischia di tutto e arriva a sequestrare anche dei bambini se è necessario. Questa è la “democrazia” sponsorizzata dalla vulgata occidentale, un paese (abusivo) Israele che non ha neanche una Costituzione e di conseguenza lì non esistono i diritti basilari, un paese che vieta agli arabi di poter acquistare terreni, dove la tortura è legalizzata e che pratica con veemenza e diabolico piacere l’apartheid, un paese che non ha confini così da potersi annettere sempre più territori palestinesi a colpi di bulldozer, distruggendo case e ulivi.

Tornando all’Italia l’Informazione su tale massacro è di una complicità imbarazzante, i telegiornali sembrano fatti da dei repubblicani americani, i personaggi più noti, spacciati per “sapienti” sono su posizioni filo-sioniste. Tutti, ma proprio tutti! Perché è impopolare il contrario, vieni marchiato a vita.

Io dalla piccola metratura del mio vivere, mi guardo bene dalla vulgata occidentale, assassina e imperialista. Ammiro questo ragazzino nella foto e spero un giorno di rinascere palestinese e di difendere la mia terra, la mia casa.

La mia casa.

 

Experiment#7 “Per la causa palestinese”

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.