Famiglia Corrie: “Obbligo sfidare Israele”

0

21 mag 2014

Oggi a Gerusalemme i genitori di Rachel presentano appello alla Corte Suprema contro la sentenza che stabilì che l’attivista era “morta per sbaglio”.

immagine1

Cindy e Craig Corrie

di Chiara Cruciati – Il Manifesto

Roma, 21 maggio 2014, Nena News – La fami­glia Cor­rie non si arrende e con­ti­nua a chie­dere giu­sti­zia ad uno Stato che finora ha agito solo per garan­tirsi impu­nità. Il caso Rachel Cor­rie torna all’attenzione dell’opinione pub­blica israe­liana: oggi l’avvocato dei geni­tori Craig e Cindy, Hus­sein Abu Hus­sein, pre­sen­terà alla Corte Suprema l’appello con­tro la sen­tenza emessa dalla corte distret­tuale di Haifa nell’agosto 2012. Una sen­tenza choc che defi­niva l’uccisione di Rachel da parte di un bull­do­zer mili­tare israe­liano a Rafah, Sud di Gaza, «uno spia­ce­vole inci­dente». Nes­suna responsabilità per l’esercito di Tel Aviv, ma negligenza dell’attivista statunitense che, secondo i giu­dici, fu la sola «col­pe­vole» della sua stessa morte per­ché «qual­siasi per­sona di buon senso avrebbe lasciato l’area».

Rachel, 23 anni, fu uccisa il 16 marzo 2003 in piena Seconda Inti­fada — l’anno prima Israele aveva rioc­cu­pato Gaza e Cisgior­da­nia, Ope­ra­zione «Mura­glia di Difesa». Morì schiac­ciata da un Cater­pil­lar D9-R israe­liano men­tre faceva da scudo umano con atti­vi­sti dell’International Soli­da­rity Move­ment, per evi­tare la demo­li­zione di case pale­sti­nesi al con­fine con l’Egitto. Il pro­cesso per la sua morte si è aperto nel marzo 2010: 15 udienze con­clu­sesi due anni dopo con l’auto-assoluzione dello Stato. Nes­sun col­pe­vole, Rachel è morta «per sba­glio», sta­bilì il tri­bu­nale di Haifa.

«L’appello che pre­sen­tiamo si fonda sulle gravi carenze nel ver­detto della corte che ha igno­rato o mal interpretato i fatti – spiega al mani­fe­sto Craig Cor­rie – Allo Stato sono stati con­cessi van­taggi procedurali, men­tre le prove e le testi­mo­nianze por­tate dalla parte civile non sono state tenute in considerazione. Le dichia­ra­zioni rac­colte mostrano con chia­rezza man­canze nella catena di comando e le bugie dei sol­dati. Rachel era visi­bile al bull­do­zer, così come gli altri atti­vi­sti, tutti con la pet­to­rina aran­cione. Ma, nono­stante la pre­senza di civili, gli ordini di demo­li­zione non sono stati interrotti».

Quanto alle prove por­tate in tri­bu­nale, la par­zia­lità di quelle for­nite dall’esercito è palese: «Il con­te­nuto del ver­detto del 2012 è total­mente a favore dello Stato, nono­stante le chiare discre­panze nelle testi­mo­nianze – con­ti­nua Craig Cor­rie – Non esi­ste la prova che l’area fosse stata dichia­rata «zona mili­tare chiusa». Lo stesso capi­tano Rabia’a, respon­sa­bile dell’operazione, ha detto di non sapere se l’ordine fosse stato dato e che lui non era nella posi­zione di dichia­rare l’area zona mili­tare». «Altro ele­mento è il video girato dall’esercito durante l’operazione — aggiunge la madre di Rachel – dura otto minuti, la tele­ca­mera è fissa sul bull­do­zer e sugli attivisti. Poi, poco prima dell’omicidio, cam­bia inqua­dra­tura e per 4–5 minuti riprende solo il traf­fico di Gaza. Nessuno ha mai chie­sto all’operatore per­ché ha spo­stato la tele­ca­mera e cosa ha invece visto con i pro­pri occhi. Inol­tre, quel video è stato mostrato in bianco e nero, così da ren­dere meno visi­bile l’arancione delle pet­to­rine. Ecco, gran parte del nostro appello si fonda pro­prio sull’utilizzo par­ziale delle prove e sulle vio­la­zioni delle misure pre­vi­ste dal diritto internazionale: che si tratti di zona mili­tare o meno, di tempo di guerra o meno (la corte di Haifa basò l’assoluzione sul fatto che si trat­tava di zona e tempo di guerra, ndr) è vie­tato usare la forza con­tro civili inermi se non rappresentano alcuna minaccia. È il caso di Rachel: disar­mata, in piedi di fronte a edi­fici distrutti, il suo corpo solo con­tro un bull­do­zer».

Dif­fi­cile che la Corte Suprema risponda a breve all’appello dei Cor­rie che però non inten­dono demor­dere, forti del soste­gno di organizzazioni e indi­vi­dui in tutto il mondo: «Sarà dif­fi­cile otte­nere qual­cosa — continua Cindy — ma sen­tiamo l’obbligo di sfi­dare Israele, non solo nel nome di Rachel, ma per tutte le vit­time ano­nime di que­sta mac­china repres­siva. Israele tenta di disumanizzarle, è un mes­sag­gio al mondo: abbiamo il potere di ucci­dere chi vogliamo e nes­suno può farci nulla, nes­suno può con­si­de­rarci responsabili».

«Cosa acca­drebbe se vin­ces­simo?». Craig sor­ride, poi guarda in basso. «Tante cose cambierebbero. Sarebbe una vit­to­ria per gli atti­vi­sti, i pale­sti­nesi, i giornalisti, coloro che sono minac­ciati dall’impunità di cui gode Israele. La nostra vit­to­ria sarebbe la vit­to­ria di coloro che non hanno mai avuto giu­sti­zia. E un mes­sag­gio chiaro allo Stato israe­liano, dai suoi ver­tici ai sol­dati sul campo: chi viola il diritto internazionale, pagherà».

– See more at: http://nena-news.it/famiglia-corrie-obbligo-sfidare-israele/#sthash.P5KyTNZK.dpuf

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.