Famiglia palestinese che vive in una grotta è stata sgomberata dalle autorità israeliane

1
783

tratto da: https://www.palestinechronicle.com/palestinian-family-living-in-a-cave-face-eviction-by-israeli-authorities/

Ahmed Amarneh e la sua famiglia vivono in una casa grotta dopo che è stato rifiutato loro il permesso di costruire una casa. (Foto: tramite Twitter)

11 agosto 2020

Secondo l’agenzia di stampa AFP, le autorità israeliane hanno minacciato di demolire la grotta della Cisgiordania in cui una famiglia palestinese ha cercato rifugio dopo che gli è stato negato il permesso di costruire una casa.

La casa di Ahmed Amarneh potrebbe essere la prima costruita all’interno di una grotta che le autorità di occupazione israeliane hanno minacciato di distruggere.

Amarneh, un ingegnere civile di 30 anni, vive con la sua famiglia nel villaggio di Farasin nel nord della Cisgiordania, dove Israele insiste sul fatto che deve approvare qualsiasi nuova costruzione residenziale e demolisce le case costruite senza permessi.

“Ho provato due volte a costruire [una casa], ma le autorità di occupazione mi hanno detto che era vietato costruire nella zona”, ha detto Amarneh all’AFP.

Gli accordi di pace di Oslo degli anni ’90 hanno conferito ai palestinesi l’autogoverno in alcune parti della Cisgiordania.

Tuttavia, circa il 60% della Cisgiordania, denominata Area C, rimane sotto il pieno controllo civile e militare israeliano. Farasin si trova in questa zona.

Le Nazioni Unite considerano l’Area C come un territorio palestinese occupato.

Ma Israele ha sempre più assegnato terra lì per la costruzione di insediamenti che sono illegali secondo il diritto internazionale.

Convinto che non avrebbe mai ottenuto l’approvazione israeliana per costruire una casa nel suo villaggio, Amarneh ha messo gli occhi su una grotta ai piedi che domina Farasin.

Amarneh ha detto di aver immaginato che, essendo un’antica formazione naturale, Israele non potesse sostenere che la grotta fosse stata costruita illegalmente, mentre l’Autorità Palestinese (AP) ha accettato di registrare la terra a suo nome. Ha sigillato l’ingresso della grotta con un muro di pietra e ha installato una porta di legno al centro.

Amarneh ha detto all’AFP che vive lì da un anno e mezzo, ma a luglio ha ricevuto un avviso di demolizione dalle autorità di occupazione israeliane, insieme ad altre 20 famiglie palestinesi a Farasin.

Il ramo militare israeliano responsabile degli affari civili in Cisgiordania, COGAT, ha detto che avvisi di demolizione AFP sono stati notificati ad alcune residenze Farasin a causa di “strutture costruite illegalmente, senza i necessari permessi e approvazioni”.

Queste demolizioni sono iniziate lunedì, con le truppe israeliane che hanno distrutto una casa a Farasin e un serbatoio d’acqua, ha detto un fotografo dell’AFP.

Amarneh, la cui casa non è stata presa di mira lunedì, aveva detto all’AFP di essere “sorpreso” di apprendere di aver costruito qualcosa illegalmente.

“Non ho costruito la caverna. Esiste fin dall’antichità “, ha detto, tenendo la sua giovane figlia tra le braccia. “Non capisco come possano impedirmi di vivere in una grotta. Gli animali vivono nelle caverne e non vengono buttati fuori. Quindi, lascia che mi trattino come un animale e fammi vivere nella grotta. “

(Al-Araby Al-Jadeed, PC, social media)

Palestinian Family Living in a Cave Face Eviction by Israeli Authorities

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

1 commento

  1. Non vanno bene i palloncini incendiari ma non va bene neppure negare una casa ad un palestinese

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.