FATELI SBARCARE! – di la Casa di Amadou

0

23/06/2019

IMPERATIVI. Fateli sedere! Fateli sbarcare! Gli imperativi della solidarietà moltiplicano i sagrati delle chiese dove i cristiani non fanno sconti al vangelo del Corpus Domini e, come quelli della parrocchia di Lampedusa, mettono in gioco i loro corpi “perché nei corpi dei rifugiati abbiamo riconosciuto il Corpo di Cristo!”.

Ieri un brandello di umanità ha imposto al nostro governo di “concedere” ad un uomo in fin di vita di venir sbarcato e salvato e stamattina in tutte le chiese risuonava l’imperativo di Gesù: “Fateli sedere e date loro da mangiare!”

I cristiani di tutti i tempi, oggi come di fronte ai cinquemila della moltiplicazione dei pani, spesso preferiscono usare l’imperativo del respingere: “lasciateli ritornare a casa loro”, anche se questa “casa” è un lager libico, ma il nostro Dio non ha mai mandato via nessuno.

ALLA CITA DORMIREMO SUL SAGRATO finchè tutti verranno salvati mentre uniamo la nostra indignazione con il volto rosso di vergogna per le disgustose parole di un ministro della repubblica che ha risposto all’imperativo dell’ONU: “fateli sbarcare” con il suo imperativo della disumanità: “Da giorni questa nave straniera galleggia in mezzo al mare, ma per me possono stare anche fino a Natale (Matteo Salvini).

L'immagine può contenere: una o più persone e persone in piedi
L'immagine può contenere: 5 persone, persone che sorridono, persone in piedi, albero, barba, spazio all'aperto e natura

22/06/19  21.21

AL QUARTO GIORNO anche i 26 capi scout del campo di Formazione regionale AGESCI si sono uniti a FATELI SBARCARE, presidio che chiede a Marghera come a Lampedusa, che finisca l’odissea dei 43 profughi della Sea Watch. Con due scatti vogliono mostrare la loro solidarietà: nella gioia di sostenere una manifestazione a difesa della umanità dei migranti e nella sofferenza per un’ingiustizia insopportabile per la nostra coscienza umana e cristiana.

L'immagine può contenere: 7 persone, persone che sorridono, persone sedute, albero, scarpe, spazio all'aperto e natura
L'immagine può contenere: 7 persone, persone che sorridono, albero, bambino, pianta, spazio all'aperto e natura

22/06/19  12.33

SIAMO AL TERZO GIORNO di FATELI SBARCARE! È stato un appello del parroco di Lampedusa a mobilitare anche a Marghera chi dormirà sul sagrato della chiesa finché non verranno soccorsi i 43 rifugiati della Sea Watch. “Chiediamo in tutta Italia di unirirsi a noi davanti alle vostre parrocchie”, scrive don Carmelo. ALLA CITA la risposta di italiani e rifugiati è nata dopo il convegno della Diocesi nella Giornata del rifugiato, con la testimonianza di don Zerai sul dovere di accogliere chi fugge dall’inferno. “Abbiamo scelto il sagrato dove la gente si incontra al termine della messa domenicale e i migranti hanno eletto come sosta, riparo e in cui hanno manifestato le loro esigenze. Non è un’occupazione ma una presenza, una testimonianza di accoglienza” (don Carmelo LA Magral). CHIUNQUE PUÒ UNIRSI E DOVUNQUE si può solidarizzare per denunciare questa disumanità. Contattare il 3668211680.

L'immagine può contenere: 5 persone, persone che sorridono, albero, spazio all'aperto e natura
L'immagine può contenere: 10 persone, persone che sorridono, persone in piedi e spazio all'aperto

21/06/19  18.53

SUL SAGRATO CONTRO LA DISUMANITÀ, SOLIDALI CON I NAUFRAGHI DELLA SEA WATCH.

Anche noi, come a Lampedusa, dormiamo da ieri davanti il sagrato della Parrocchia della Resurrezione alla Cita.

Siamo qui, finché non faranno sbarcare i 43 naufraghi bloccati in mezzo al mare da 8 giorni, ci troverete qui.
Aspettiamo anche te, vieni a dormire con noi, insieme siamo più forti.

ℹ️ Chiamaci al 3668211680 (Alpha) se vuoi ulteriori informazioni.

 

FATELI SBARCARE! – di la Casa di Amadou

 

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.