FIGLI DI UN DIO (EBRAICO) MINORE

martedì 25 marzo 2014

 immagine3

FOTO: Una vita di discriminazione per i Beduini del Negev

In onore della Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Discriminazione Razziale, il Forum coesistenza del Negev per l’uguaglianza civile e Activestills evidenziano gli immensi spazi vuoti tra i villaggi beduini riconosciuti e le città ebraiche nel Negev. La conclusione è chiara: mentre i diritti fondamentali dei residenti beduini sono stati riconosciuti dal governo, sono ancora violati in maniera regolare.

 

Testo: Michal Rotam / Forum coesistenza del Negev per l’uguaglianza civile

Foto: Yotam Ronen / Activestills.org

Negli ultimi dieci anni, il governo israeliano ha deciso di riconoscere 13 villaggi beduini del Negev in precedenza non riconosciuti . Mentre il riconoscimento di due dei villaggi è ancora nella sua fase iniziale, gli altri undici sono già stati geograficamente riconosciuti. Tuttavia, nonostante il cambiamento di politica, che avrebbe dovuto fornire servizi, infrastrutture e pianificazione dettagliata di questi villaggi, non molto è cambiato sulla maggior parte dei terreni.

In pratica, nella stragrande maggioranza questi villaggi ancora mancano di infrastrutture, i servizi sono scarsi e inadeguati per il gran numero di residenti, e la politica di demolizione di case e di impedire ai beduini di ricevere i permessi di costruzione continua.

Allo stesso tempo, negli ultimi dieci anni, tre nuove città ebree sono state istituite nella zona del Negev – due delle quali sono state fondate dagli ebrei religiosi. Altre quattro città ebraiche sono attualmente in fase di progettazione avanzata. Queste città, popolate da un numero relativamente piccolo di residenti, godono di una varietà di servizi erogati dallo Stato, e ricevono permessi di costruzione per nuove strutture, nonché le estensioni di quelli esistenti. Inoltre, i piani per almeno dodici maggiori città sono ormai all’ordine del giorno. La maggior parte, se non tutti, sono designati per la popolazione ebraica di Israele.

Demolizioni di case

Data la negazione di permessi di costruzione nella maggior parte dei villaggi riconosciuti, i loro residenti sono sottoposti a una politica governativa di demolizioni di case, simile alla situazione nei villaggi non riconosciuti. Entrambe le nuove case, che sono costruite a causa della crescita della popolazione, così come le case che sono state anche solo un po ‘rinnovate, sono considerate illegali e sono demolite dall’ israeliana Amministrazione del Territorio e dal Ministero degli Interni. Quando si tratta di demolizioni, lo stato sostiene che nessuna soluzione alternativa esiste per gli abitanti, che sono spesso lasciati senza riparo, con qualunque effetto personale siano riusciti a salvare prima della demolizione. D’altra parte, la politica di demolizione delle case non si applica ai nuovi insediamenti ebraici, nessuna politica di demolizione di case è attuata, e le costruzioni e le fattorie abusive sono legalizzate con effetto retroattivo.

Acqua

L’allaccio all’acqua corrente, che è riconosciuto come un diritto umano dalle Nazioni Unite, non è un problema banale nei villaggi riconosciuti beduini del Negev. Dieci degli 11 villaggi riconosciuti hanno solo le stazioni centrali di collegamento, e per portare l’acqua alle case, i residenti devono sostenere in proprio i costi di posa di condotte e infrastrutture. I costi di manutenzione e di trasporto dell’ acqua devono essere pagati dai residenti; a causa della bassa pressione dell’acqua, i residenti che vivono lontano dalla stazione di acqua devono accumulare acqua nei serbatoi. Tuttavia, nelle città ebraiche nel Negev, ogni casa è collegata ad acqua corrente e gode di condotte che raggiungono le loro case.

Strade asfaltate, scarichi di fogne, smaltimento dei rifiuti, ed elettricità

La maggior parte delle strade asfaltate nei villaggi riconosciuti portano solo alla scuola locale e alla clinica. Mentre il villaggio di Tarabin A-Sana ha aperto le strade, e le strade a Derijat sono in costruzione, gli altri nove villaggi non hanno strade asfaltate e marciapiedi. Quando piove, la guida diventa quasi impossibile, e alcuni dei villaggi diventano completamente isolati. In alcuni dei villaggi, come Umm Batin e Abu Tlul, anche la strada per la scuola locale o la clinica non è asfaltata.

Dieci degli 11 villaggi riconosciuti non sono collegati ad un sistema di smaltimento delle acque reflue. Per mancanza di qualsiasi altra opzione, i liquami sono disposti in modo che danneggiano l’ambiente e la qualità della vita dei residenti. Nonostante il fatto che gli undici villaggi riconosciuti sono attribuiti a due consigli regionali, alcuni di loro non godono di servizi di raccolta dell’immondizia. Mentre quattro dei villaggi godono questi servizi, ci sono tre villaggi che non lo fanno. Ogni città ebraica del Negev gode di smaltimento dei rifiuti, così come di centri di riciclaggio.

Nella maggior parte dei villaggi riconosciuti, si possono trovare piloni elettrici che portano energia elettrica per le scuole e le cliniche locali. Eppure, in dieci degli 11 villaggi, le case dei residenti non sono collegate alla rete elettrica nazionale, e quindi devono utilizzare i pannelli solari e generatori per produrre energia elettrica in proprio (questo è simile al caso dei villaggi non riconosciuti) . In alcuni dei villaggi, come Umm Batin e Abu Tlul, anche le scuole e le cliniche sono alimentate da generatori.

Scuole

Mentre tutti gli 11 villaggi riconosciuti hanno scuole elementari e scuole medie, solo sei paesi hanno le loro scuole superiori. Ad esempio, in A-Sayed, non c’è una scuola superiore e gli alunni devono percorrere ogni giorno la via per la vicina cittadina di Hura. Il liceo di Abu Tlul, un villaggio con 4.500 abitanti, opera in strutture improvvisate.
Anche se la creazione di più scuole nei villaggi è un passo positivo, c’è ancora una mancanza di aule, soprattutto perché servono anche i villaggi vicini.

Dopo più di un decennio dall’istituzione del Consiglio regionale e il riconoscimento dei villaggi, secondo la maggior parte dei criteri che abbiamo esaminato, la situazione dei villaggi è rimasta piuttosto simile alla situazione dei villaggi non riconosciuti beduini nel Negev. I diritti fondamentali dei residenti dei villaggi beduini che sono stati riconosciuti dallo Stato sono ancora violati.

Tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

…………………………………………………………………………

ARTICOLO ORIGINALE

http://972mag.com/photos-a-life-of-discrimination-for-the-negevs-bedouin/88714/

By 

PHOTOS: A life of discrimination for Negev Bedouin

In honor of International Day for the Elimination of Racial Discrimination, the Negev Coexistence Forum For Civil Equality and Activestills highlight the immense gaps between the recognized Bedouin villages and the Jewish towns in the Negev. The conclusion is clear: while the basic rights of the Bedouin residents have been recognized by the government, they are still violated on a regular basis.

Text: Michal Rotam / Negev Coexistence Forum For Civil Equality

Photos: Yotam Ronen / Activestills.org

immagine1

The entrance to Jewish village of Carmit, Negev, Israel.

Over the past decade, the Israeli government decided to recognize 13 previously unrecognized Bedouin villages in the Negev. While the recognition of two of the villages is still in its initial stage, the other eleven have already been geographically recognized. However, despite the change in policy, which was supposed to provide services, infrastructure and detailed planning for these villages, not much has changed much on the ground.

In practice, in the vast majority of these villages still lack infrastructure; the services are poor and inadequate for the large number of residents; and the policy of house demolitions as well preventing Bedouin from receiving building permits continue.

At the same time, over the last decade, three new Jewish towns were established in the Negev area – two of which were settled by religious Jews. Another four Jewish towns are currently in the advanced planning stages. These towns, populated by a relatively small number of residents, enjoy a variety of services allocated by the government, and receive building permits for new structures as well as extensions to existing ones. In addition, plans for at least twelve more towns are now on the agenda. Most, if not all, are designated for Israel’s Jewish population.

immagine2

The entrance to the Bedouin village of Umm Batin, Negev, Israel.

House demolitions

Given the denial of building permits in most of the recognized villages, their residents are subjected to a government policy of house demolitions, similar to the situation in the unrecognized villages. Both new houses, which are built due to population growth, as well as houses that were have been even slightly renovated, are considered illegal and are demolished by the Israeli Land Administration and the Ministry of Interior. When it comes to the demolitions, the state claims that no alternative solution exists for the dwellers; they are often left shelterless, with whatever personal belongings they managed to save before the demolition. On the other hand, the house demolition policy does not apply to the new Jewish settlements, no house demolition policy is implemented, and illegal buildings and farms are legalized retroactively.

immagine3

A house demolition in the Bedouin village of A-Sayed, Negev, Israel.

IMMAGINE4

Construction in the Jewish village of Gvaot Bar, Negev, Israel.

Water

Connection to running water, which is recognized as a human right by the United Nations, is not a trivial issue within the recognized Bedouin villages of the Negev. Ten out of the 11 recognized villages only have central connection stations, and in order to bring the water to the houses, the residents must incur the costs of laying their own pipelines and infrastructure. The maintenance and water carriage costs must also be paid by the residents, and due to the low water pressure, the residents who live far from the water station must accumulate water in tanks. However, in Jewish towns in the Negev, every house is connected to running water and enjoys pipelines that reach their homes.

IMMAGINE5

A view of the lawns and trees in the Jewish town of Retamim, Negev, Israel.

 IMMAGINE15

Water station in the Bedouin Village of Umm Batin, Negev, Israel.

Paved Roads, sewage, garbage disposal, and electricity

Most of the paved roads in the recognized villages lead only to the local school and clinic. While the village of Tarabin A-Sana has paved roads, and in Derijat roads are under construction, the other nine villages have no paved roads or sidewalks. When it rains, driving becomes almost impossible, and some of the villages become completely isolated. In some of the villages, like Umm Batin and Abu Tlul, even the road to the local school or clinic is not paved.

 IMMAGINE6

The Hebron river flowing in the middle of the Bedouin village of Umm Batin, Negev, Israel.

Ten of the 11 recognized villages are not connected to a sewage disposal system. For lack of any other option, sewage is disposed in ways that harm the environment and the quality of life of the residents. Despite the fact that the eleven recognized villages are ascribed to two regional councils, some of them does not enjoy garbage collection services. While four of the villages do enjoy these services, there are three villages that do not. Every Jewish town of the Negev enjoys garbage disposal, as well as recycling centers.

 IMMAGINE7

The garbage container in the Bedouin village of Bir Hadaj, Negev, Israel.

IMMAGINE8

The recycling post at Yatir outpost, near Umm al-Hiran, Negev, Israel. The settlers at Yatir outpost await the forced evacuation of Umm al-Hiran.

In most of the recognized villages, one can find electric pylons that bring electricity to the local schools and clinics. Yet, in ten of the 11 villages, the residents’ homes are not connected to the national electricity grid, and therefore must use solar panels and generators in order to produce electricity on their own (this is similar to the case of the unrecognized villages). In some of the villages, like Umm Batin and Abu Tlul, even the schools and clinics are powered by generators.

IMMAGINE9

A view of the Bedouin village of A-Sayed, Negev, Israel.

IMMAGINE10

A view of the Jewish town of Shomaria, Negev, Israel.

Schools

While all 11 recognized villages contain elementary schools and middle schools, only six villages have their own high schools. For instance, in A-Sayed, there is no high school and the pupils must travel each day to the nearby township of Hura. The high school in Abu Tlul, a village with 4,500 residents, operates in makeshift structures.

IMMAGINE11

The elementary school basketball court at Gvaot Bar, Negev, Israel.

IMMAGINE12

The yard at the Ort high school in the Bedouin village of Abu Talul, Negev, Israel.

Although the establishment of more schools in the villages is a positive step, there is still a lack of classrooms, especially since they serve the nearby villages as well.

IMMAGINE13

The school’s transportation point in the Jewish village of Gvaot Bar, Negev, Israel.

IMMAGINE14

The elementary school’s transportation point in the Bedouin village of Bir Hajag, Negev, Israel.

After more than a decade since the establishment of the regional council and the recognition of the villages, according to most of the criteria we have examined, the situation of the villages remained pretty similar to the situation of the Bedouin unrecognized villages in the Negev. The basic rights of the residents of the Bedouin villages that were recognized by the state are still violated.

Click here to read the full report in Hebrew.

Contrassegnato con i tag: , , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam