FOTO: In centinaia alla Palestine Marathon

23 Apr 2013

Foto di Ryan Rodrick Beiler (Alternative Information Center)

immagine1

Sotto lo slogan “Diritto al movimento”, 650 palestinesi e internazionali hanno completato la prima Maratona di Palestina per le strade di Betlemme, domenica 21 aprile. L’articolo 13 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani delle Nazioni Unite stabilisce: “Ogni individuo ha diritto alla libertà di movimento e di residenza entro i confini di ogni Stato”. Nella foto, i corridori passano lungo il Muro di Separazione sulla Hebron Road, dato che la principale strada che Gerusalemme arriva ad Hebron passando per Betlemme è oggi bloccata dalla barriera che circonda la Tomba di Rachel e una base militare israeliana.

 immagine2

Corridori con una t-shirt in sostegno al prigioniero palestinesi in sciopero della fame, Samer Issawi, passano accanto ai poliziotti dell’Autorità Palestinese.

 immagine3

Un altro corridore lungo il Muro di Separazione. Dato che gli organizzatori della corsa non hanno trovato un modo per percorrere 42 km interrotti all’interno dell’Area A, chi ha completato la maratona ha dovuto percorrere più volte lo stesso percorso attraverso Betlemme, i campi profughi di Aida e Dheisha e vicino al villaggio di Al Khader. Sia Aida che Al Khader sono luoghi di scontri frequenti tra manifestanti le forze israeliane.

 immagine4

Adulti e bambini hanno preso parte all’evento che si è svolto su vari livelli: i 5 km, i 10 km, la mezza maratona e la maratona.

 
immagine5
Una giovane palestinese corre i 5 km, nonostante le temperature fredde e la pioggia.
Palestine Marathon, Bethlehem, West Bank, 21.4.2013

La maratona di domenica ha ricordato anche quella di Gaza, cancellata un mese fa dopo che Hamas ha impedito alle donne di competere. Purtroppo ai 26 corridori di Gaza non è stato possibile entrare in Cisgiordania perché Israele ha negato i permessi di uscita.

 
immagine7
Due internazionali battono le mani all’arrivo. Gli organizzatori stimano che circa 250 internazionali abbiano preso parte alla corsa. Maia Andersen, dalla Danimarca, ha detto: “L’evento porta l’attenzione in modo pacifico sulla situazione: ogni persona dovrebbe essere in grado di muoversi senza essere fermata da muri e checkpoint”.
immagine8

Secondo Signe Smidt, una delle organizzatrici danesi della maratona, “ognuno ha il diritto di muoversi, ma non tutti hanno tale opzione. La restrizione al movimento è una delle principali sfide per il popolo palestinese sotto occupazione. Non hanno uno Stato e le loro terre sono controllate da un esercito straniero che gestisce blocchi stradali, checkpoint, zone militari, un muro illegale e un complesso sistema di leggi discriminatorie”.

 
immagine9
I corridori giungono alla linea d’arrivo di fronte alla Chiesa della Natività.
immagine10
Il vincitore della mezza maratona festeggiato dai sostenitori.
immagine11
Abdel Nasser Awajneh, palestinese di Gerico, ha vinto la maratona in tre ore, nove minuti e 47 secondi.
immagine12

Giovani palestinesi ballano la danza tradizionale, dabke, per celebrare l’evento. Come ha commentato la 20enne Marianne Nazy di Betlemme, “finalmente la Palestina non rappresenta solo i nostri problemi con Israele. Abbiamo sport e musica. Ci sono tante cose in Palestina!”.

Alternative Information Center

INVIATO DA AICITALIANO IL MAR, 04/23/2013 – 10:37

http://www.palestinarossa.it/?q=it/content/aic/foto-centinaia-alla-palestine-marathon

Contrassegnato con i tag:

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam