FOTO: nuove demolizioni ad al-Jiftlik, Valle Giordano

0

THURSDAY, 15 MARCH 2012 06:55 MARTA FORTUNATO (ALTERNATIVE INFORMATION CENTER)

Ibrahim seduto sui resti della sua casa (foto, Marta Fortunato)

“Ero a casa con alcuni ospiti, ho visto i bulldozer israeliani arrivare e ho fatto velocemente uscire tutti. Non ci hanno nemmeno dato il tempo di prendere i nostri averi, hanno distrutto tutto” ha raccontato disperato Ibrahim Mubarak Yousef Bsharat, seduto sulle rovine della sua casa.

Ieri pomeriggio l’esercito israeliano è entrato nel villaggio di al-Jiftlik (Valle del Giordano) con 12 jeep militari ed un bulldozer e ha demolito tre case sfrattando 22 persone.

La prima demolizione è avvenuta alle 16 nella comunità agricola di Abu al-Ajaj, nel villaggio di al-Jiftlik. I soldati hanno circondato la casa della famiglia dichiarato l’area ‘zona militare chiusa’.
foto_2

Soldati israeliani bloccano l’accesso alla comunità di Abu al-Ajaj (foto, Marta Fortunato)

Ayman Meteb Mahmoud Ideas, la moglie e i suoi cinque figli hanno avuto 30 minuti di tempo per svuotare la casa, ma come ha riferito il proprietario della struttura demolita, “molte cose sono rimaste all’interno. La mia cucina, e tutti gli utensili sono seppelliti sotto le macerie”.
foto_3

Bullldozer israeliano distrugge la casa di Ayman (foto, Marta Fortunato)

Il resto è stato messo in salvo vicino ai resti della casa: cuscini, vestiti, giochi per bambini, tutto è accatastato in sacchetti, valigie aperte o semplicemente appoggiato per terra. Ayman aveva ricevuto un ordine di demolizione a fine dicembre.
foto_4

Oggetti messi in salvo prima della demolizione (foto, Marta Fortunato)

foto_5

Una delle figlie di Ayman seduta sui resti della sua casa appena distrutta (foto, Marta Fortunato)

Poco dopo le jeep dell’amministrazione civile e dell’esercito israeliano si sono dirette verso la casa di Ibrahim e l’hanno demolita senza permettere alla famiglia di salvare i propri averi.  “Avevo ricevuto un ordine di stop di costruzione e da quel momento avevo smesso di costruire” ha raccontato il proprietario all’Aic – che cos’ho fatto di male? Vivevo in questa casa da quattro anni, ora dove andrò a vivere?”. Tutto è stato distrutto dai bulldozer, il letto matrimoniale è seppellito sotto le macerie, i trucchi, la spazzola, gli effetti personali, sono tutti a terra, aperti, schiacciati.
foto_6

Mobiletto del bagno della casa di Ibrahim (foto, Marta Fortunato)

L’ultima demolizione è avvenuta prima del tramonto nell’area di Makhroq nel villaggio di al-Jiftlik. Una casa di metallo, utilizzata d’estate dalla famiglia di Sulaiman Tawfiq Daraghmeh, è stata distrutta dai bulldozer israeliani. Dato che il proprietario non era presente, non è stato possibile salvare quanto si trovava all’interno.
Con le demolizioni di ieri, il numero di strutture abitative distrutte negli ultimi tre giorni nella Valle del Giordano è salito a 6. Il 13 marzo infatti le autorità israeliane erano entrate nel villaggio di Fasayil al-Wasta ed avevano raso al suolo 3 tende e 5 baracche per animali.

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.