Funerali di Tamimi: “Nemmeno la rabbia ci è consentita”

Monday, 12 December 2011 07:44 Mya Guarnieri, Alternative Information Center

Persone in lutto portano il corpo Mustafa Tamimi per le strade di Ramallah. (Foto: Joseph Dana)

Domenica mattina, migliaia di persone in lutto hanno sfilato lungo le strade di Ramallah per la processione funebre di Mustafa Tamimi, 28 anni, palestinese ucciso dall’esercito israeliano venerdì scorso. Il corteo ha proseguito fino al villaggio di Nabi Saleh, dove centinaia di persone hanno preso parte alla  sepoltura di Tamimi.

L’esercito ha sparato lacrimogeni contro alcune delle persone in lutto, ha picchiati i manifestanti disarmati e ha arrestato sette attivisti.

Dopo la processione a Ramallah, centinaia di persone in lutto hanno proseguito fino a Nabi Saleh, il villaggio di Tamimi e il luogo dove è stato colpito lui da un candelotto lacrimogeno durante la manifestazione settimanale contro l’occupazione israeliana e contro le colonie illegali che continuano ad avanzare ed invadere le terre palestinesi. Venerdì, durante la manifestazione settimanale nel villaggio, Tamimi è stato colpito in faccia a distanza ravvicinata  ed è morto il mattino dopo a causa delle lesioni riportate.

Coloro che hanno partecipato al funerale a Nabi Saleh hanno riferito che l’esercito israeliano si è riunito sulle colline circostanti e che una jeep blindata militare usata per sparare gas lacrimogeni, una “jeep per gas lacrimogeni”, come l’ha definita Abir Kopty – era in attesa all’ingresso del villaggio, quando il corteo funebre è arrivato.

Quando i partecipanti hanno urlato contro i soldati accusandoli di aver ucciso Tamimi, l’esercito ha imprecato contro di loro.

Dopo la sepoltura Tamimi, i giovani del villaggio si sono diretti verso la sorgente che appartiene al Nabi Saleh, ma che di fatto è stata rubata dal vicino insediamento di Halamish. L’esercito ha sparato gas lacrimogeni e acqua puzzolente contro i manifestanti disarmati.
“In Palestina, non è permessa nemmeno la rabbia” ha scritto Abir Kopty su Twitter.

Per paura di violenti scontri con l’esercito israeliano, alcuni residenti di Nabi Saleh hanno invitato i giovani a fermare la protesta. Tuttavia essi hanno continuato a manifestare e secondo quanto raccontato da alcuni testimoni oculari, i soldati hanno picchiato un manifestante al punto che è stata necessaria un’ambulanza.

Dopo l’arrivo dell’ambulanza, Diana Alzeer ha scritto su Twitter che l’esercito ha continuato a picchiare i manifestanti disarmati. Emilie Baujard, un giornalista francese, ha riferito che sette manifestanti sono stati arrestati. Leehee Rothschild ha affermato tra i detenuti c’erano anche molti israeliani.

Diversi testimoni hanno detto che i soldati hanno cercato di soffocare l’attivista israeliano Jonathan Pollak, il quale è stato portato in ospedale.

Abir Kopty e altri testimoni hanno riferito che dei sette che sono stati arrestati, tre erano israeliani, uno palestinese, e i rimanenti internazionali.

http://www.alternativenews.org/italiano/index.php/topics/news/3321-funerali-di-tamimi-qnemmeno-la-rabbia-ci-e-consentita

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam