GANTZ, NETANYAHU, BENNETT E LA POLITICA ISRAELIANA IN UNA SITUAZIONE DI STALLO – di Miko Peled

400

tratto da: https://www.invictapalestina.org/archives/41760

10/02/2021

Gli israeliani vivono nell’illusione che si presenti un altro eroe, un altro generale vittorioso con la polvere di una recente guerra ancora tra i capelli, che vedrà la follia della guerra e avrà la saggezza di costruire la pace.

Fonte: English Version

Miko Peled – 25 gennaio 2021

Foto di copertina: Attrezzisti appendono un cartellone del Partito Bianco e Blu che mostra il suo leader Benny Gantz e il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, come parte della campagna del partito il 17 febbraio 2020 a Tel Aviv, Israele. Foto di Amir Levy, Getty Images

Le imminenti elezioni israeliane, le quarte in due anni, portano poche promesse di cambiamento. Queste elezioni riportano alla mente il famoso detto che: cercare di fare qualcosa più e più volte aspettandosi risultati diversi è un segno di follia. Chiunque si aspetti che l’attuale spettro politico sionista dia origine a una coalizione progressista o anche leggermente liberale vive in un mondo immaginario. Anche gli israeliani si rendono conto che la possibilità di cambiamento non esiste. L’unico scopo per chiedere elezioni a questo punto è consentire a Benyamin Netanyahu di rimanere in carica.

Quando Netanyahu ha firmato l’attuale accordo di coalizione, che gli ha permesso di rimanere Primo Ministro, era ovvio che non aveva intenzione di mantenere la sua parola e che alla prima occasione avrebbe infranto gli accordi di coalizione e sciolto la coalizione. Nuove elezioni significano che il suo alleato della coalizione, l’ex capo generale delle Forze di Difesa Israeliane Benny Gatnz, non prenderà mai il suo posto come Primo Ministro.

Ora, Netanyahu ha ottenuto ciò che voleva e il generale Gantz ha dimostrato essere pietosamente senza spina dorsale, non sorprende per un generale che ha fatto carriera grazie all’uccisione indiscriminata e all’oppressione del popolo palestinese. Allo stato attuale delle cose, anche gli israeliani più ottimisti si rendono conto che le prossime elezioni sono una colossale perdita di tempo e denaro.

All’interno del mondo politico sionista, c’è unanimità sulla questione della Palestina. È praticamente convenuto nell’intero ambiente politico sionista che tutta la Palestina storica dal fiume Giordano al Mar Mediterraneo e dal confine con il Libano a nord, comprese le alture del Golan, al Golfo di Aqaba a sud appartiene a Israele.

La differenza tra la destra e la cosiddetta sinistra sionista è che la prima non nasconde le sue intenzioni e poco gli importa di quello che il mondo potrebbe pensare o dire. Mentre la seconda è leggermente imbarazzata dal suo stesso razzismo e violenza e, quindi, finge di avere a cuore i diritti dei palestinesi e di voler davvero raggiungere la pace un giorno.

 Anche il sionista più liberale non cederà mai sulla questione della terra e incolperà sempre i palestinesi per qualsiasi mancato raggiungimento di un accordo.

Ci sono diversi motivi per cui Netanyahu è riuscito a mantenere il potere per così tanto tempo. Ha una notevole capacità di negoziare, fa promesse e poi le infrange, e la sua profonda conoscenza degli attori politici e del processo politico in Israele gli dà un vantaggio unico. È senza alcun dubbio il miglior affarista del settore e la sua totale mancanza di scrupoli lo aiuta a ottenere ciò che vuole ogni volta.

Netanyahu è in grado di ottenere ciò che vuole indipendentemente da chi siede nella sua coalizione e anche se è un fanatico militante di destra, dopo le ultime elezioni ha scelto di creare una coalizione con quello che per gli standard sionisti è considerato un blocco politico di centro-sinistra.

È stato in grado di farlo perché sa benissimo che quello che viene chiamato il “blocco di destra”, che è composto principalmente da militanti di destra religiosi, sarà sempre al suo fianco, e quindi è stato coperto sia dalla destra che dalla sinistra.

Il leader dell’alleanza politica Blu e Bianca, ex capo di stato maggiore dell’esercito israeliano, Benny Gantz parla ai suoi sostenitori durante la fase finale della sua campagna elettorale a Tel Aviv, Israele, 15 settembre 2019. Foto di Faiz Abu Rmeleh, Anadolu Images

Anche se i coloni militanti di destra occasionalmente criticano Netanyahu, sanno molto bene che hanno bisogno di lui per realizzare il loro progetto politico.

Gli israeliani ironizzano della propria tendenza a cercare qualche nuovo generale in pensione con un’armatura scintillante che sarà il loro salvatore politico ogni volta che verranno indette le elezioni. Molti israeliani sono ancora presi dall’ammirazione per il defunto primo ministro Yitzhak Rabin, che era un glorificato criminale di guerra e alla fine firmò i (cosiddetti) accordi di pace di Oslo.

Gli israeliani vivono nell’illusione che si presenti un altro eroe, un altro generale vittorioso con la polvere di una recente guerra ancora tra i capelli, che vedrà la follia della guerra e avrà la saggezza di costruire la pace.

Tuttavia, il mito del defunto Primo Ministro Rabin come guerriero trasformato in pacificatore è sorpassato. Rabin non era un guerriero; era un criminale di guerra e non un pacificatore. Ha fatto tutto il possibile per assicurarsi che i palestinesi non vedessero mai concretizzarsi il loro diritto all’autodeterminazione. Allo stesso modo, non ci sarà mai nessun generale israeliano che soddisferà questa fantasia.

Naftali Bennett può ottenere un’enorme vittoria politica

Ci sarà un nuovo generale che verrà e prenderà il sopravvento, avanzando velocemente attraverso la palude politica israeliana e salvando Israele da se stesso? La risposta è no. C’è, tuttavia, un’alternativa a Netanyahu che si è presentata recentemente. Questa alternativa viene dal blocco militante religioso di destra e il suo nome è Naftali Bennett.

Secondo un articolo del quotidiano israeliano Haaretz, paragonando Bennett a Netanyahu, “entrambi traggono ispirazione dalla destra negli Stati Uniti e in Israele, dalla Bibbia e dai saggi della scrittrice e filosofa statunitense di origine russa Ayn Rand, convinti che i forti abbiano ragione. Ma come portatore di kippa e imprenditore di successo, Bennett batte di gran lunga il suo rivale. Netanyahu potrebbe sapere come citare la Bibbia e Ayn Rand, ma Bennett li realizza con le sue azioni e il suo stile di vita.”

Sempre più opinionisti in Israele concordano sul fatto che, come afferma questo articolo, “Bennett è senza dubbio il politico israeliano più rilevante emerso negli ultimi dieci anni”. Rispetto al Primo Ministro Netanyahu, la cui corruzione lo ha portato all’incriminazione, Bennett è visto come un politico pulito, onesto e premuroso, che a modo suo paga.

Naftali Bennett è attualmente il presidente di HaYamin HeHadash, o partito “Nuova destra”, e negli ultimi sondaggi di opinione si prevede che vincerà 22 dei 120 seggi parlamentari alla Knesset. Se queste previsioni fossero vere, sarebbe un’enorme vittoria politica, ma non abbastanza per spodestare Netanyahu. In passato, Bennett ha servito sotto Netanyahu come Ministro dell’Istruzione e successivamente come Ministro della Difesa.

Tuttavia, si è reso caro al pubblico israeliano nel suo ruolo auto-nominato come l’uomo incaricato di guidare la lotta contro COVID-19, un ruolo a cui Netanyahu si è rifiutato di nominarlo ufficialmente. Oggi è visto come il principale candidato nella corsa alla carica di Primo Ministro, cosa senza precedenti per un politico che rappresenta non solo la destra radicale ma anche la destra religiosa sionista.

Bennet è uno dei tanti politici che provengono dalla destra religiosa militante radicale in Israele che ha il volto e la voce di un politico decente e concreto. Mentre lo si ascolta parlare, si potrebbe facilmente dimenticare che rappresenta un’ideologia politica che è ancora più piena di odio e violenta di qualsiasi cosa abbiamo mai visto prima uscire da Israele. È un’ideologia che non solo nega ai palestinesi i diritti sulla Palestina, ma crede che i palestinesi dovrebbero avere il diritto di rimanere in Palestina solo in condizioni dettate da un’ideologia sionista-religiosa radicale.

In altre parole, i palestinesi devono accettare pacificamente la distruzione del loro paese, la cancellazione della loro identità, e vivere come residenti senza diritti come gli “arabi di Israele”. È anche un’ideologia, se così si può chiamare, che crede che un tempio ebraico dovrebbe sostituire il Duomo della Roccia e la Moschea di Al-Aqsa che sono stati simboli storici di Gerusalemme e della Palestina per quasi 1500 anni.

Naftali Bennet ei suoi seguaci credono che Israele venga prima di tutto e che gli ebrei abbiano diritti che sostituiscono quelli di chiunque altro risieda nella Palestina storica. In realtà, negano completamente che esista una storia che possa identificare la Palestina come un paese o i palestinesi come un popolo. Con questo, Bennet e i suoi seguaci negano una storia gloriosa che, secondo un libro recentemente pubblicato dallo storico Nur Maslha, risale a quasi 4.000 anni fa, la storia attuale, non la mitologia biblica sionista.

Se si dovesse cercare di prevedere il risultato delle prossime elezioni israeliane previste per marzo 2021, si potrebbe tranquillamente affermare che qualunque cambiamento possa verificarsi, sarà piccolo e insignificante. Il Primo Ministro Netanyahu con un servizio di oltre un decennio al suo attivo sembra ancora essere il favorito ed è molto probabile che rimanga al suo posto per il prossimo futuro.

Miko Peled è uno scrittore e attivista per i diritti umani nato a Gerusalemme, attualmente residente negli Stati Uniti. È autore dei libri The General’s Son: The Journey of an Israeli in Palestine e Injustice: The Story of the Holy Land Foundation.

 

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

 

Gantz, Netanyahu, Bennett e la politica israeliana in una situazione di stallo

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.