Gaza: carburante esaurito in 2 giorni. La centrale elettrica si ferma di nuovo

0

News – 26/3/2012

 

Gaza – InfoPal. A due giorni dal rifornimento di carburante, la centrale di Gaza si è fermata di nuovo ieri sera.

Il carburante era giunto da Israele, in quantità limitata, attraverso il valico di Kerem Abu Salem (Kerem Shalom).

E’ almeno un mese che la crisi di mancanza di gasolio, e i tagli alla corrente elettrica stanno piegando la popolazione civile di Gaza, con un impatto tragico sulle vite, sui settori di vitali importanza per la gente come sanità e istruzione, per non parlare delle ripercussioni sulla produzione locale.

L’Autorità per l’Energia della Striscia di Gaza ha reso noto che la centrale elettrica ieri ha cessato ogni attività, rinnovando il proprio impegno ad ottimizzare l’utilizzo delle restanti risorse al fine di alleviare, per quanto possibile, il peso della crisi sui cittadini.

E’ stato chiesto a tutte le parti in causa di intervenire immediatamente al fine di risolvere la crisi di carburante in modo permanente, ribadendo che le ripetute interruzioni dell’attività della centrale ne stanno pregiudicando il corretto funzionamento oltre a creare disfunzioni nell’operatività.

Venerdì scorso, le autorità dell’occupazione israeliane avevano fornito alla centrale di Gaza 430mila litri di diesel industriale, una quantità che non permette il funzionamento dell’impianto nemmeno per 24 ore.

Articoli correlati:

Governo di Gaza: ‘Noi siamo disponibili a discutere con l’Egitto dell’affare carburante’

© Agenzia stampa Infopal
E’ permessa la riproduzione previa citazione della fonte “Agenzia stampa Infopal – www.infopal.it”

http://www.infopal.it/gaza-esaurito-il-carburante-in-2-giorni-la-centrale-elettrica-si-ferma-di-nuovo/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.