GAZA. DOPO ESCALATION L’OMBRA DI UNA NUOVA OFFENSIVA MILITARE ISRAELIANA (aggiornamenti 29 maggio)

0
328

 

29 mag 2018

Dopo gli ultimi bombardamenti israeliani e l’uccisione di tre suoi militanti, questa mattina il Jihad islami ha sparato 27 colpi di mortaio verso Sderot. Israele ha risposto con la sua artiglieria e nuovi pesanti raid aerei. Oggi da Gaza parte una “flotilla” con a bordo 35 feriti di questi ultimi giorni.

 

AGGIORNAMENTI

ore 16.40 – Cinque feriti israeliani, di cui due per choc

Sono cinque gli israeliani feriti dal lancio di missili di Gaza. Tre sono soldati, uno si è ferito mentre correva in un bunker e due, pur registrati come feriti, hanno sofferto di choc

ore 16.25 – Sono 17 i palestinesi arrestati dalla Marina israeliana

Diciassette palestinesi a bordo del peschereccio che stamattina è salpato da Gaza sono stati arrestati dalla Marina israeliana, fermati a 12 miglia nautiche dalla costa. Secondo gli Accordi di Oslo i palestinesi della Striscia possono muoversi entro le 20 miglia nautiche, ma questo limite non è mai stato rispettato: Israele blocca ogni imbarcazione che si porti tra le tre e le sei miglia nautiche.

ore 15.25 – Lieberman: “Israele non farà passare la cosa”

Il ministro della Difesa israeliano Lierbeman ha parlato poco fa della situazione in corso a Gaza: “Oggi a mezzogiorno, abbiamo attaccato massicciamente e con forza l’infrastruttura terroristica, compreso un tunnel, nella Striscia di Gaza. Hamas e la Jihad islamica hanno già pagato un prezzo alto, il conto gli è stato presentato. Non abbiamo intenzione di far passare la cosa”. Intanto, la stampa riporta di un israeliano ferito leggermente dal lancio di un missile nel sud di Israele.

ore 15.20 – We Are Not Numbers: “L’imbarcazione palestinese è stata agganciata dalla Marina israeliana”

Secondo quanto riporta l’associazione We Are Not Numbers, l’imbarcazione palestinese è stata agganciata dalla Marina israeliana e sarà trascinata nel porto israeliano di Ashdod, dove probabilmente l’equipaggio sarà arrestato

ore 15.15 – Esercito israeliano: colpiti oggi 35 siti a Gaza ore 15 – Notizie dalla flotilla di Gaza: “Le navi israeliani ci circondano ma stiamo bene”

Un quarto d’ora fa sono giunte notizie dalla barca partita stamattina dal porto di Gaza per rompere l’assedio israeliano: “La Marina israeliana ci circonda ma l’equipaggio sta bene”

ore 14.20 – Sirene di allarme nel sud di Israele

Stanno suonando le sirene degli allarmi anti-missile nelle comunità a sud di Israele

ore 13.35 – Scuola a Deir al Balah danneggiata dai raid israeliani

Secondo quanto riportato dal ministero dell’Educazione palestinese, una scuola a Deir al Balah è stata colpita da frammenti di missili lanciati dall’esercito israeliano. Ha riportato danni. All’interno c’erano gli studenti impegnati negli esami annuali finali

ore 13.30 – La flotilla ha raggiunto le 9 miglia nautiche

Secondo i media palestinesi le imbarcazioni palestinesi salpate oggi dal porto dei pescatori di Gaza city hanno raggiunto le nove miglia nautiche di distanza dalla costa. La marina israeliana si sta avvicinando

ore 12.15 – Video: flotilla partita dal porto di Gaza

Ahmad Awni@Ahmadelmalahy

Video..
Freedom ships sail from the Gaza port to the outside world to break the siege.

ore 12 – Esercito: attività in corso In un tweet l’esercito israeliano parla di “attività in corso nella Striscia di Gaza. Le esplosioni udite sono dovute a tale attività”

IDF

@IDFSpokesperson

The IDF is currently operating in the Gaza Strip. The explosions heard are related to this activity. Details to follow

ore 11.45 – Raid israeliani in corso nel centro della Striscia di Gaza. Colpito anche il sud, a Khan Younis

View image on TwitterView image on TwitterView image on Twitter

وكالة شهاب

@ShehabAgency

صور للغارات الجوية التي نفذتها طائرات الاحتلال على موقع فجر التابع لسرايا القدس جنوب دير البلح وسط قطاع غزة

ore 11.40 – Piccoli pescherecci salpano dal porto di Gaza per rompere l’assedio

gaza2

Foto: Twitter

gaza1

Foto: Twitter

ore 11.30 – Netanyahu: “Risponderemo con forza”

Dalla Galilea il primo ministro israeliano ha parlato dell’escalation a Gaza: “L’esercito israeliano reagirà con grande forza, Israele pretenderà un pezzo pesante per chiunque tenti di danneggiarlo”.

ore 11.25 – Condanna da Ue e Usa per i colpi di mortaio sparati da Gaza

L’ambasciatore dell’Unione Europea, Emanuele Giaufret, e il Coordinatore speciale Onu per il Medio Oriente, Nickolay Mladenov, hanno condannato questa mattina il lancio di mortai da Gaza verso il territorio isreliano, di cui alcuni hanno colpito un albero in un asilo.

ore 10.35 – Un palestinese ucciso nella notte

Secondo quanto riporta l’agenzia palestinese Ma’an News, la scorsa notte un raid israeliano a nord ovest di Beit Lahiya ha ucciso un palestinese e ne ha ferito un secondo. La vittima è Muhammad Masoud al-Radie, 25 anni, militante dell’ala militare di Hamas, le Brigate al-Qassam.

ore 9.15 – Nuovi colpi di mortaio palestinesi e bombardamenti israeliani. Netanyahu convoca gabinetto sicurezza

Resta molto alta la tensione tra Israele e Gaza. Ci sono stati altri colpi di mortaio sparati dai palestinesi con conseguente stato di allerta proclamato di nuovo a Sderot e altre località del sud di Israele. Le forze armate dello Stato ebraico continuano da parte loro a bombardare la Striscia di Gaza.

………………………………………………………………………………………

della redazione

Roma, 29 maggio 2018, Nena News –Gaza è vicina baratro di una nuova ampia offensiva militare israeliana mentre sono ancora visibili i segni di quella altamente distruttiva di quattro anni fa (Margine Protettivo). Dopo giorni di attacchi e ritorsioni, bombardamenti aerei israeliani e alcuni tentativi di attacco da parte di cellule palestinesi lungo le linee di demarcazione, questa mattina il Jihad islami ha sparato 27 colpi di mortaio in direzione della cittadina di Sderot e del sud di Israele dove sono scattate le sirene di allarme e gli abitanti sono entrati nei rifugi. Uno è caduto non lontano da un asilo. Non ci sono stati danni alle persone. Israele ha immediatamente risposto con la sua artiglieria e nuovi raid aerei in particolare su Zaitun e Shajayeh, alla periferia di Gaza city.

Il Jihad avevo promesso di vendicare i suoi tre uomini uccisi domenica da una cannonata israeliana lungo le barriere di demarcazione e ha messo in atto il lancio di razzi più nutrito verso Israele da quattro anni a questa parte. Alcuni dei razzi sono stati intercettati dai sistemi di difesa Iron Dome.

L’escalation arriva mentre i palestinesi si preparano questa mattina alle 11 (le 10 in Italia) a salutare al porto di Gaza city la partenza di imbarcazioni (pare due) con a bordo 35 feriti dall’esercito israeliano in queste settimane di proteste, studenti e laureati disoccupati.L’obiettivo dell’iniziativa, che gli organizzatori descrivono come totalmente pacifica, è rompere ilblocco navale imposto dalla Marina militare israeliana che apre il fuoco su chiunque cerchi di oltrepassare le tre miglia nautiche dalla costa (sebbene gli Accordi di Oslo pongano il limite a 20 miglia). E’ molto probabile che le unità navali israeliane interverranno per bloccare le imbarcazioni palestinesi.

Le condizioni di vita a Gaza si aggravano con il passare dei mesi. Il tasso di disoccupazione è alle stelle, al 44%, che sale tra le donne fino al 71,5% e tra i giovani fino a 29 anni, 61,9%. L’elettricità resta scarsa, limitata a poche ore al giorno. Il sistema sanitario è al collasso, quasi privo di medicinali salvavita, e ora deve fare i conti anche con la massa di feriti dal fuoco dei tiratori scelti israeliani contro le manifestazioni di protesta della Grande Marcia del Ritorno.

La “spedizione navale” di questa mattina giunge nell’ottavo anniversario dell’assalto di un commando israeliano al traghetto turco “Mavi Marmara” diretto a Gaza. I morti furono dieci. Sull’accaduto non ha mai potuto investigare una commissione indipendente dell’Onu a causa dell’opposizione di Israele e Usa. Nena News

 

 

GAZA. DOPO ESCALATION L’OMBRA DI UNA NUOVA OFFENSIVA MILITARE ISRAELIANA (con aggiornamenti)

http://nena-news.it/gaza-dopo-escalation-lombra-di-una-nuova-offensiva-militare-israeliana/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.