GAZA, DUE MESI “CON” VITTORIO

Il quotidiano Il Manifesto ha appreso da fonti di Hamas che entro la fine di giugno sarà resa nota la relazione ufficiale delle autorità della Striscia sulle responsabilità dell’assassinio di Vik. Subito dopo comincerà il processo

DI MICHELE GIORGIO

Gaza, 15 giugno 2011, Nena News – «I bambini giocheranno in questi spazi, abbiamo ristrutturato il bagno e qui c’è la cucina». Saber Zanin si sposta rapido da una stanza all’altra del “Forsan al Ghad for Youth Association” di Beit Hanun. Poco prima aveva guidato una manifestazione di una trentina di palestinesi e volontari occidentali dell’International solidarity movement  (Ism) ai margini della «zona cuscinetto», le terre agricole più fertili di Gaza dove per «motivi di sicurezza» l’esercito israeliano non permette l’accesso ai palestinesi, neppure ai proprietari dei terreni. Una misura accompagnata dal fuoco di armi automatiche contro chi si azzarda a violare il divieto che ha ridotto alla fame diverse centinaia di famiglie contadine. «Vittorio Arrigoni lottava con noi. Abbiamo fatto assieme tante manifestazioni lungo la zona cuscinetto, per me era un fratello», ricorda Saber mostrandoci sul suo laptop alcune foto di Vittorio scattate nei mesi scorsi. Oggi in ricordo dell’attivista italiano sequestrato ed ucciso due mesi fa a Gaza, avrà inizio il campo estivo «Stay Human, Restiamo Umani». «Accoglieremo 60 bambini e ragazzi tra i 6 e i 16 anni – spiega Saber –, oltre a giocare e a divertirsi apprenderanno la vicenda politica ed umana di Vittorio. Non solo, riceveranno nozioni di diritto umanitario, per prepararsi a seguire le orme del nostro fratello ucciso». A sponsorizzare il campo estivo sono una decina di Ong italiane che operano nella Striscia di Gaza. Saber ha la possibilità di realizzare un sogno. «Vittorio proteggeva i bambini palestinesi, sarà contento che questa iniziativa sia stata dedicata a lui».

Due mesi senza Vik. Al contrario, due mesi sempre con Vik perché a Gaza amici e compagni non lo dimenticano. Le sue parole sono pietre, la sua immagine è parte della memoria collettiva. Daniela Riva, una cooperante del Gvc di Bologna, ha trascorso gli ultimi anni nella Striscia impegnata nella realizzazione di progetti di sviluppo. Vittorio era un suo caro amico. «Quando crollavo davanti a chi non capiva il mio coinvolgimento per Gaza – ricorda Daniela – Vik mi ripeteva che avrei dovuto rispondere che essere coinvolta in una lotta di giustizia e libertà significa essere viva, c’è altro per cui vale la pena vivere o morire?… Quando mesi fa (il fuoco dei soldati israeliani) uccise un agricoltore che avevo incontrato appena qualche minuto prima, Vittorio mi disse di non provare a versare una lacrima al funerale, ma di tenere la testa alta. Non si piange per i martiri. Lo feci. Ho cercato di farlo anche al suo funerale ma qualche lacrima è scesa comunque…». Ricordi, attimi intensi di commozione per un giovane strappato alla vita ad appena 36 anni che con onestà e costanza, attraverso la rete, ha inviato per anni informazioni quotidiane da Gaza sotto blocco israeliano. Non tralasciando gli aspetti economici e sociali. News che ieri hanno trovato una ulteriore conferma. Un rapporto dell’Unrwa (Onu) registra nella seconda metà del 2010 a Gaza un tasso di disoccupazione del 45,2 %, uno dei più alti al mondo. Il livello degli stipendi continua ad abbassarsi. «Si tratta di tendenze allarmanti» ha detto il portavoce dell’Unrwa Chris Gunness. «È difficile da comprendere la logica di una politica elaborata a tavolino (da Israele, ndr) che impoverisce deliberatamente – ha aggiunto Gunness – e che condanna ad una vita di miseria centinaia di migliaia di persone». «Se lo scopo della politica di chiusura (di Gaza) era di indebolire Hamas – ha concluso il portavoce – queste cifre dimostrano che essa è fallita mentre ha avuto grande successo nel punire quanti possono essere annoverati fra i poveri più poveri del Medio Oriente».

I genitori di Vittorio, la sorella, gli amici, tutti coloro che lo hanno conosciuto di persona e in internet o che lo avevano ascoltato con interesse durante i suoi tour in giro per l’Italia, attendono impazienti di conoscere la verità sul suo assassinio. Quel momento potrebbe essere vicino. Fonti autorevoli del ministero della giustizia e dei servizi di sicurezza del governo di Hamas – che hanno chiesto di rimanere anonime – hanno riferito al manifesto che la procura militare emetterà entro la fine di giugno un comunicato ufficiale sull’andamento delle indagini e rinvierà a giudizio almeno due persone coinvolte a vario livello nel sequestro e nell’assassinio di Vittorio. Una di queste è Mahmoud al Salfiti, l’unico sopravvissuto dei tre membri della sedicente cellula salafita (fuoriuscita dal gruppo Tawhid wal Jihad) responsabile del rapimento. Gli altri due, il giordano Abdel Rahman Breizat e Bilal Omari rimasero uccisi in un conflitto a fuoco a Nuseirat con reparti scelti di Hamas qualche giorno dopo aver ucciso l’attivista italiano.

Le fonti del ministero della giustizia hanno spiegato che le indagini chiuse a metà maggio sono state riaperte in seguito ad altri due tentativi falliti di rapimento di due giovani cittadini americani: un cooperante (residente da lungo tempo nella Striscia) e un attivista dell’Ism (quest’ultimo nei pressi del “Gallery”, il caffé frequentato da Vittorio e da vari attivisti locali e internazionali). Mente del sequestro è stato il giordano Breizat che aveva preparato il piano circa un mese e mezzo prima, non mancando di usare diversi abitanti di Gaza vicini a Vittorio, in gran parte inconsapevoli delle sue intenzioni. In origine, hanno aggiunto le fonti, il piano non prevedeva l’uccisione dell’italiano. Tuttavia quando i rapitori si sono resi conto che sarebbero stati scoperti nel giro di qualche ora, hanno deciso di far perdere le loro tracce. Ad uccidere Vittorio è stato Breizat, perché era convinto che lasciando in vita il sequestrato sarebbero stati individuati subito (Vik conosceva di persona almeno due dei rapitori, in particolare Bilal Omari con il quale frequentava una palestra di Gaza city).

Per la conferma di queste indiscrezioni che attendere l’apertura del processo. In quel momento si potrà accedere agli atti e conoscere finalmente le dichiarazioni rese durante gli interrogatori dagli imputati. Regna il mistero nel frattempo intorno agli otto oggetti di Vittorio scomparsi dopo il sequestro, in particolare il suo laptop. Le autorità di Hamas aveva riferito in un primo momento che erano stati recuperati e venivano custoditi al comando centrale della polizia. Adesso invece lo negano. Nena News

questo articolo e’ stato pubblicato il 15 giugno 2011 dal quotidiano Il Manifesto

http://www.nena-news.com/?p=10734

Contrassegnato con i tag:

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam