Gaza – L’esercito israeliano apre il fuoco su manifestanti al valico di Erez (con video)

martedì 10 maggio 2011

International Solidarity Movement
Striscia di Gaza


Oggi l’esercito israeliano ha sparato su 50 attivisti palestinesi e internazionali che, al valico di Erez a Beit Hanoun, protestavano contro la chiusura imposta da Israele alla “buffer zone” (zona cuscinetto) .
Alla dimostrazione, organizzata da Local Initiative di Beit Hanoun, si sono uniti attivisti dell’International Solidarity Movement – Gaza.
La protesta, guidata dagli agricoltori e da altri membri della comunità di Beit Hanoun, alle ore 11.45 è stata costretta ad arretrare a causa degli spari delle mitragliatrici che sono partiti dopo l’essersi approssimati al muro israeliano e alle sue torri di controllo.
Proiettili hanno colpito il terreno intorno ai manifestanti che si ritiravano.
“Stiamo lottando per i nostri diritti. Questa è resistenza popolare e pacifica”, ha detto Saber Al Zaaneen, coordinatore di Local Initiative di Beit Hanoun .
“Hanno sparato direttamente contro i manifestanti. Grazie a Dio nessuno è rimasto ferito. Questo dimostra qual’è l’aggressività degli israeliani rispetto a queste manifestazioni. “
Questa illegale zona cuscinetto è stata originariamente stabilita per 50 metri all’interno della Striscia di Gaza, secondo gli accordi di Oslo, ed è poi stata aumentata unilateralmente da Israele.
Ora, secondo Israele, raggiunge i 300 metri ma spesso, e in pratica, si estende fino a 2 chilometri, impedendo ai residenti della Striscia diGaza di accedere a grandi porzioni del loro territorio costiero, tra il 30-40% dei terreni agricoli.

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam