GAZA PIANGE IL PRIMO MORTO DELL’ANNO: IERI I SOLDATI ISRAELIANI GLI AVEVANO SPARATO PERCHE’,….

venerdì 3 gennaio 2014

 immagine1

GAZA PIANGE IL PRIMO MORTO DELL’ANNO: IERI I SOLDATI ISRAELIANI GLI AVEVANO SPARATO PERCHE’, SECONDO LORO, LANCIAVA SASSI OLTRE LA RECINZIONE DI CONFINE

Adolescente di Gaza muore per le ferite dopo la sparatoria al confine di giovedi

 

Pubblicato oggi (aggiornato) 2014/03/01 00:04

GAZA (Ma’an) – Un adolescente palestinese è morto presto venerdì per le ferite subite dalle forze israeliane il giorno prima nel nord della Striscia di Gaza, i medici hanno detto a Ma’an.

Fonti mediche palestinesi hanno identificato l’adolescente, che è stato colpito giovedi al confine con Israele vicino a Jabaliya, il 18enne Adnan Abu Khater.

Giovedi ‘ pomeriggio, il giovane era stato colpito e ferito dalle forze israeliane dopo che egli “stava danneggiando” la recinzione di confine, una portavoce dell’esercito israeliano ha detto al momento. Ha detto che dopo aver rifiutato di fermarsi, i soldati israeliani lo hanno colpito alla gamba con il fuoco vivo. Il sito di notizie israeliano Ynet ha riportato che stava “lanciando sassi” alla barriera di separazione.

Su pressioni venerdì sul fatto che Abu Khater fosse stato in effetti colpito a una gamba, una portavoce dell’esercito ha detto: “Questo è quello che so, perché questo è ciò che i soldati hanno riferito”

La morte del teenager è giunta mentre attacchi aerei israeliani hanno colpito la Striscia di Gaza, colpendo un terreno agricolo vicino al campo profughi di al-Maghazi nel centro di Gaza, la città di Beit Hanoun, nel nord, e un altro quartiere nella parte orientale di Gaza City, fonti palestinesi hanno detto. Non sono stati segnalati feriti dai colpi.

L’esercito israeliano ha detto che gli attacchi aerei erano in risposta ad un razzo da Gaza che ha colpito il sud di Israele, senza causare lesioni o danni.

Il 20 dicembre, una morte simile a quella di Abu Khater era stata documentata. Due palestinesi stavano raccogliendo rottami di metallo e plastica nel nord della Striscia di Gaza – a quasi un chilometro di distanza dal confine – quando il 27enne Odeh Hamad è stato ucciso dalle forze israeliane, suo fratello ha detto. Un comunicato dell’esercito israeliano ha detto che Hamad è stato ucciso perché ha cercato di porre un ordigno esplosivo al confine.

Le forze israeliane spesso sparano agli agricoltori e ad altri civili all’interno della striscia di Gaza se si avvicinano alle ampie fasce di terra vicino al confine, che l’esercito israeliano ha ritenuto off -limits per i palestinesi. La “zona cuscinetto di sicurezza” si estende tra 500 metri e 1500 metri nella Striscia, trasformando le aziende agricole locali in no-go zone.

La scorsa settimana, uno sconvolgimento della violenza a Gaza ha lasciato due morti e diversi feriti. Il 24 dicembre, attacchi aerei israeliani hanno ucciso una bambina palestinese di 3 anni e ferito molti altri, dopo che un cecchino palestinese ha ucciso un dipendente della Protezione civile israeliana che lavorava alla frontiera. Due giorni dopo, altri due palestinesi sono rimasti feriti in attacchi aerei israeliani, dopo che due razzi sparati da Gaza hanno colpito zone israeliane aperte, non provocando lesioni o danni.

Sabato scorso, il fuoco di un carro armato israeliano aveva ferito altri due palestinesi nel centro di Gaza, in un attacco che è stato confermato dall’esercito israeliano, ma che comunque ha fatto i titoli internazionali.

Un accordo di cessate il fuoco a mediazione egiziana era stato raggiunto a novembre 2012 tra le fazioni palestinesi e Israele per porre fine a più di una settimana di combattimenti che avevano lasciato più di 170 palestinesi morti e più di mille feriti. Sei israeliani sono stati uccisi durante i combattimenti. Dopo l’accordo, le forze israeliane hanno sparato a decine di abitanti di Gaza nelle zone di frontiera, e hanno lanciato frequenti incursioni. La Striscia di Gaza è stata oggetto di un grave blocco economico imposto da Israele dal 2006.

Tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

……………………………………………………………………………………………………..

ARTICOLO ORIGINALE

http://www.maannews.net/eng/ViewDetails.aspx?ID=662355

Gaza teen dies of wounds after Thursday border shooting

Published today (updated) 03/01/2014 13:40

immagine1

(MaanImages/File)
GAZA CITY (Ma’an) — A Palestinian teenager died early Friday of wounds sustained by Israeli forces the day before in the northern Gaza Strip, medics told Ma’an.

Palestinian medical sources identified the teen, who was shot Thursday at the Israeli border near Jabaliya, as 16-year-old Adnan Abu Khater.

Ashraf al-Qudra, a spokesman for the emergency services in Gaza, said in a statement that Abu Khater died of his wounds after soldiers shot him in the leg east of Jabaliya, according to AFP.

Medical sources originally told Ma’an that Abu Khater was 18.

On Thursday afternoon, the youth was shot and injured by Israeli forces after he “was damaging” the border fence, an Israeli army spokeswoman said at the time. She said that after he refused to stop, Israeli soldiers hit him in the leg with live fire.

The Israeli news site Ynet reported he was “throwing stones” at the separation barrier.

The teen’s death came as Israeli airstrikes targeted the Gaza Strip, hitting agricultural land near al-Maghazi refugee camp in central Gaza, the town of Beit Hanoun in the north, and another neighborhood in eastern Gaza City, Palestinian sources said.

No injuries from the strikes have been reported.

The Israeli army said the airstrikes were in response to a rocket from Gaza that hit southern Israel, causing no injuries or damages.

On Dec. 20, a similar death to Abu Khater’s was documented. Two Palestinians were collecting scrap metal and plastic in the northern Gaza Strip — nearly a kilometer away from the border — when 27-year-old Odeh Hamad was shot dead by Israeli forces, his brother said. An Israeli army statement said Hamad was shot because he tried to lay an explosive device at the border.

Israeli forces frequently shoot at farmers and other civilians inside the Gaza Strip if they approach large swathes of land near the border that the Israeli military has deemed off limits to Palestinians.

The “security buffer zone” extends between 500 meters and 1500 meters into the Strip, effectively turning local farms into no-go zones.

Last week, an upheaval in violence in Gaza left two dead and several injured. On Dec. 24, Israeli airstrikes killed a 3-year-old Palestinian girl and injured several others after a Palestinian sniper killed an Israeli Civil Defense employee working at the border.

Two days later, two more Palestinians were injured in Israeli airstrikes, after two rockets fired from Gaza hit open Israeli areas, causing no injuries or damage.

On Saturday, Israeli tank fire injured two more Palestinians in central Gaza in an attack that was unconfirmed by the Israeli army but nonetheless made international headlines.

An Egyptian-mediated ceasefire agreement was reached in November 2012 between Palestinian factions and Israel to end over a week of fighting which left over 170 Palestinians dead and more than a thousand injured. Six Israelis were also killed during the fighting.

Since the agreement, Israeli forces have shot dozens of Gazans in border areas, and have launched frequent incursions.

The Gaza Strip has been under a severe economic blockade imposed by Israel since 2006.

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam