GAZA. “RESTIAMO UMANI” – di Meri Calvelli

0

15 apr 2019

A otto anni dalla scomparsa di Vittorio, le condizioni di vita nella Striscia di Gaza assediata sono sempre più difficili. “La popolazione è stremata – scrive Meri Calvelli, direttrice del Centro di scambio culturale Vik di Gaza City – ma non cede alla sopraffazione

di Meri Calvelli*

Roma, 15 aprile 2019, Nena News – Ricorderemo Vittorio che è sempre con noi a Gaza, in quella Gaza che non riesce ad abbattere le frontiere e a varcare i confini per la libertà. Come nel 2011 le proteste si fanno sentire, la popolazione è stremata ma non cede alla sopraffazione che è costretta a vivere dentro la grande prigione a cielo aperto.

La vita quotidiana è sempre più difficile, i giovani vogliono fuggire, non per lasciare la propria terra ma per avere un’opportunità di vita e di futuro. In questi anni, chi è riuscito ad uscire, ha cercato la comunicazione, le opportunità e le strategie capaci di dar vita a nuove possibilità per Gaza. In tanti, soprattutto giovani e donne, scappano per cercare di apprendere il più possibile e di conoscere il mondo esterno; la conoscenza di culture diverse con le quali poter interagire, crescere e progredire cercando di trovare soluzioni alla follia dell’occupazione e della guerra senza fine imposta da menti chiuse e perverse.

Uscendo si porta fuori una parte di cultura e identità da salvare, si trasformano le capacità in arte che diventa fondamentale per lo scambio e la conoscenza. L’arte della diplomazia culturale diventa un valore importante e universale per le nuove generazioni per costruire e lasciare una eredità diversa alla società; attraversare i confini per trasportare arte, musica, sport, mezzi importanti di scambio di idee al di là delle differenze religiose per essere partecipi e protagonisti di modelli di cooperazione e di solidarietà . Sono queste, le iniziative individuali, con cui ognuno di noi, in questo periodo buio e pieno di violenza, può dimostrare la capacità di ricerca e di giustizia tra i popoli per un mondo diverso liberato da stretti confini, appartenenti ad una unica razza, per restare umani, così come Vittorio ha creduto fino alla fine.

Con VIK sempre nel cuore

* Direttrice del Centro di scambio culturale Vik di Gaza City

 

 

 

GAZA. “RESTIAMO UMANI” – di Meri Calvelli

http://nena-news.it/gaza-restiamo-umani/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.