GERUSALEMME. Riaperta la Spianata, ma la tensione è alle stelle

384

31 ott 2014

In un clima esacerbato dalla notizia della morte, in circostanze poco chiare, del presunto attentatore di Glick, l’accesso dei fedeli alle moschee di al Aqsa e della Roccia è limitato da una serie di restrizioni imposte da Israele. La città è blindata e si temono nuovi scontri. Fatah ha indetto il ‘Giorno della rabbia’

immagine1

Foto Nena News

della redazione

Roma, 31 ottobre 2014, Nena News – Le autorità israeliane ieri sera hanno riaperto l’ingresso alle moschee di al Aqsa e della Roccia, dopo un giorno di chiusura e di scontri a Gerusalemme est. L’accesso alla spianata sarà comunque vietato agli uomini con meno di 50 anni. Tel Aviv ha subito pressioni dai Paesi arabi e dagli Stati uniti per consentire l’entrata ai fedeli musulmani oggi che è venerdì, giorno sacro per l’islam. In città la tensione è alle stelle.

La chiusura era stata decisa in seguito al ferimento del rabbino Yehuda Glick, noto attivista dell’ultradestra e protagonista di incursioni sulla Spianata della moschea, che mercoledì è stato raggiunto da alcuni colpi d’arma da fuoco esplosi da un uomo in motocicletta. Il presunto colpevole, indicato dagli israeliani nel 32enne Mutaz Hijazi, è stato ucciso ieri dai militari durante l’arresto nella sua casa del quartiere di Silwan, che stanotte sarà demolita. La sua morte ha scatenato la rabbia dei palestinesi, con scontri a Gerusalemme est.

L’uccisione del presunto attentatore lascia molte ombre sull’accaduto. Hijazi non è stato interrogato, non ha potuto difendersi e, secondo i familiari, sarebbe stato torturato prima di essere ucciso. Il tutto è accaduto sul terrazzo della casa del giovane. Secondo l’agenzia palestinese Ma’an, i soldati invece di arrestarlo, gli hanno sparato e infine hanno costretto la Mezza Luna Rossa a consegnarli il corpo. Stanotte si sono tenuti i funerali, ma le autorità israeliane hanno consentito la partecipazione di al massimo 45 persone.

Si è trattato di un “atto di terrorismo”, ha detto sempre all’agenzia al Ma’an il segretario generale di Fatah a Gerusalemme, Adnan Ghaith, riferendosi alle modalità con cui è stato ucciso Hijazi. Un’esecuzione sommaria che ha scatenato la rabbia del palestinesi, scesi in strada per protestare. E oggi Fatah ha proclamato il “giorno della rabbia” contro le autorità israeliane e le loro violazioni dei luoghi sacri della città.

immagine2

Foto Nena News

“I crimini di Israele prendono sistematicamente e sempre più di mira Gerusalemme, attraverso omicidi, detenzioni, aggressioni, demolizioni di case e divieti di ingresso ai fedeli alla spianata della moschea di al Aqsa” ha detto Ghaith, aggiungendo che è stata proprio la continua aggressività contro i palestinesi in città a provocare l’attentato contro Glick, uomo dell’ultradestra ebraica che predica la distruzione delle moschee di Al-Aqsa e della Roccia per ricostruirvi il Tempio.

Il rabbino Glick, infatti, è alla guida di un gruppo – I Fedeli del Monte del Tempio – che fa blitz sulla Spianata e che 24 anni fa con una di queste incursioni provocò scontri in cui morirono 20 palestinesi. La sua linea fanatica e intransigente e il prossimo voto in Knesset (il Parlamento israeliano) su una legge che prevede la divisione del sito sacro in due aree, una per i musulmani e una per gli ebrei, sono l’humus in cui probabilmente è maturato l’attentato a Glick.

Oggi Gerusalemme è una città blindata. I palestinesi pregano guardati a vista dai militari israeliani dispiegati in forze nella Città Vecchia. Circa 2.800 tra soldati e poliziotti presidiano i quartieri della città, mentre Fatah e la Islamic Jihad hanno esortato i palestinesi a restare sulla Spianta e a partecipare alle marce di protesta. Nena News

– See more at: http://nena-news.it/gerusalemme-riaperta-la-spianata-ma-la-tensione-e-alle-stelle/#sthash.uat6bvAv.dpuf

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.