GERUSALEMME RIAPRE LE SORGENTI NATURALI, MA NON AI PALESTINESI

0

15 ottobre 2019

https://www.haaretz.com/israel-news/.premium-jerusalem-opens-natural-spring-to-visitors-unless-they-re-palestinian-1.7991344?fbclid=IwAR3jNlOnhx6HxC1ldGDRhbNfYTOX107TweCn3AG60DB-jJ5AIOCHtMXua28

La sorgente di Ein Hanya, situata all’interno dei confini di Gerusalemme e vicino al villaggio di Al-Walaja in Cisgiordania, è stata chiusa ai palestinesi e pattugliata dalla polizia per tre giorni durante le festività ebraiche del Sukkot.

La sorgente naturale di Ein Hanya durante la festa ebraica di Sukkot, 15 ottobre 2019. Emil Salman

Martedì la polizia ha aperto  ai visitatori una sorgente naturale nella parte meridionale di Gerusalemme,, ma a condizione esplicita che i palestinesi non possano accedere al sito.
Di conseguenza, la sorgente di Ein Hanya è stata tenuta sotto forte controllo dalla polizia e dalla polizia di frontiera, che ha persino chiuso la strada che porta alle città palestinesi. Centinaia di israeliani hanno visitato il sito.

Ein Hanya è una delle sorgenti naturali più grandi e importanti nell’area di Gerusalemme. Si trova all’interno dei confini municipali di Gerusalemme, ma i residenti del vicino villaggio palestinese di Al-Walaja lo visitano regolarmente. Di conseguenza, è stato apprezzato da israeliani e palestinesi per anni prima che Israele decidesse di trasformarlo in un parco ufficiale.

La sorgente è stata ufficialmente inaugurata come sito turistico due anni fa, ma la sua apertura è stata ripetutamente ritardata per due motivi: uno era una disputa sull’obbligo di addebitare le quote di iscrizione, l’altro la richiesta della polizia di impedirne l’ingresso ai palestinesi.
La polizia ha anche richiesto che il checkpoint di Ein Yael fosse spostato più a sud, in modo da separare le città palestinesi dalla sorgente. Il costo stimato per lo spostamento del checkpoint è di 12 milioni di shekel ($ 3,4 milioni).

Qualche giorno fa, la Israel Nature and Parks Authority e il comune di Gerusalemme hanno annunciato che il sito sarebbe stato aperto per tre giorni durante la settimana di vacanza di Sukkot. Ma dopo ciò, si chiuderà di nuovo fino a quando il checkpoint non verrà spostato.
Negli ultimi giorni, la polizia ha intensificato gli impedimenti contro gli agricoltori palestinesi che cercano di lavorare la terra vicino alla sorgente, e martedì hanno persino costretto un contadino ad andarsene.

Una vista della sorgente di Ein Hanya e delle colline circostanti di Al-Walaja, 2018. Emil Salman

Shaul Goldstein, il direttore dell’autorità per la natura, ha affermato che la sua agenzia non ha obiezioni nei confronti dei palestinesi che visitano la sorgente, né ha alcun interesse a spostare il checkpoint.

Abbiamo anche proposto allo stabilimento di difesa di aprire un cancello posteriore in modo che i residenti di Al-Walaja potessero accedere, ha detto. Non sono favorevole all’esclusione dei palestinesi, soprattutto perché non hanno così tanti altri posti dove andare”.

Tuttavia, ha aggiunto, dal momento che Ein Hanya si trova a Gerusalemme, dal punto di vista dell’establishment della difesa, qualsiasi palestinese che vi si rechi è illegalmente nella capitale.

La polizia israeliana ha risposto: La sorgente è all’interno dell’area municipale della città di Gerusalemme, a cui i palestinesi sono autorizzati ad entrare solo con un permesso, come nel caso degli altri valichi di sicurezza in tutto il Paese. La polizia ha osservato che le forze di sicurezza hanno emesso un ordine di chiusura generale durante l’attuale festività del Sukkot, vietando l’ingresso ai palestinesi, compresi quelli con un permesso. Qualsiasi tentativo di presentare la realtà effettiva in altro modo e di collegarla alla polizia è privo di fondamento”, ha detto la polizia.

 

 

 

Gerusalemme riapre le sorgenti naturali, ma non ai palestinesi

Gerusalemme riapre le sorgenti naturali, ma non ai palestinesi

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.