Gideon Levy: DA ORA IN POI OGNI PALESTINESE E’ UN ANTISEMITA

442

tratto da: FRAMMENTI VOCALI IN MO

– 

Sintesi personale

Articolo in lingua originale qui 

La peste si sta diffondendo. Sotto la copertura della (giusta) guerra contro l’antisemitismo, l’Europa e gli Stati Uniti mettono a tacere ogni voce che osa criticare Israele. Sotto la copertura di questa guerra, stanno minando la libertà di parola. Incredibilmente questo nuovo fenomeno non sta scatenando alcuna protesta, come ci si aspetterebbe.

 Le leggi che identificano l’antisionismo come antisemitismo e il movimento antioccupazione come antisemita sono approvate con schiaccianti maggioranze. Ora si sta giocando nelle mani di Israele e dell’establishment ebraico, ma si rischia di innescare l’antisemitismo quando sorgono domande sull’entità della loro ingerenza.

La scorsa settimana tale fenomeno ha colpito la Francia, culla della rivoluzione. L’Assemblea nazionale francese ha  approvato a larga maggioranza un disegno di legge che adotta la definizione di antisemitismo, emessa dalla International Holocaust Remembrance Alliance,  che identifica l’antisionismo con l’antisemitismo.

Libertà? Uguaglianza? Fraternità? Non quando coinvolge Israele.

Sylvain Maillard ha formulato il disegno di legge. È un altro amico di Israele che, secondo quanto riferito, ha partecipato a un incontro con il colono Yossi Dagan, capo del consiglio regionale della Samaria, alcuni mesi fa. “Criticare l’esistenza stessa di Israele come comunità composta da cittadini ebrei equivale a odiare la comunità ebraica nel suo insieme; considerare collettivamente gli ebrei responsabili delle politiche delle autorità israeliane è un’espressione antisemita “, afferma l’introduzione della legge. Il gatto è fuori dal sacco: è vietato sollevare dubbi sul sionismo, unica ideologia al mondo che non può essere messa in discussione dalle nazioni del mondo libero.

Innanzitutto la terminologia: Israele “come un collettivo composto da cittadini ebrei”. La legge dello stato-nazione è stata accettata anche nell’Assemblea nazionale di Parigi. Se Israele è un collettivo di cittadini ebrei, come si definiscono  i cittadini palestinesi  e quelli  che vivono sotto l’occupazione?

I 154 parlamentari che hanno alzato la mano a sostegno della decisione non possono eludere queste domande. Liberté, égalité, fraternité solo per gli ebreiE cosa offrono ai sei milioni di palestinesi che vivono sotto “il collettivo di cittadini ebrei”? Libertà, uguaglianza, fratellanza di secondo grado?

D’ora in poi nessuno è autorizzato a porre queste domande.
Chiunque lo fa è un antisemita.

L’antisionismo è una posizione legittima nella storia ebraica, e ha anche una lunga storia in Israele“, ha affermato una petizione firmata da 129 professori e intellettuali ebrei e israeliani contro l’approvazione della legge. I firmatari della petizione hanno affermato che c’erano molti sopravvissuti all’Olocausto anti-sionisti.
Ora anche loro sono antisemiti.

Da ora in poi,ogni palestinese e ogni arabo, tranne  Ayoub Kara, è un antisemita.

Anche ogni ebreo e ogni israeliano che sostiene la soluzione di uno stato democratico ed egualitario,  è un antisemita.

Quindi anche qualcuno per il quale il sionismo è un movimento colonialista – non  è questa una posizione legittima? – è un antisemita.

Per generazioni di palestinesi il sionismo è l’essenza della loro esistenza; li espulse dal loro paese, li privò delle loro terre, li disonorò, rovinò le loro vite, li uccise e li tormentò  ieri come  oggi, senza che la fine sia in vista. E’ proibito a loro essere anti-sionisti? Sono in grado di non odiare il sionismo? Non stanno combattendo il sionismo perché sono antisemiti. Sono antisionisti solo perché il sionismo ha distrutto le loro vite. I manifestanti della recinzione attorno alla gabbia di Gaza sono antisemiti? Non sono combattenti per la libertà? E le persone di coscienza in tutto il mondo che si identificano con loro da ora in poi sono tutti antisemiti e questo è fuorilegge in Francia. E se negare il diritto all’autodeterminazione ebraica è antisemitismo, in che modo l’Assemblea nazionale francese farà riferimento alla negazione di Israele dei diritti dei palestinesi? Perché non viene approvata una legge a tal proposito? Solo perché i palestinesi e la giustizia non hanno una potente lobby in Francia.

Evviva, Gilad Erdan! Ottimo, ebrei di Francia. Congratulazioni, signor Maillard. Hai vinto.

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.