GIDEON LEVY: DEPORTATE ANCHE ME. Il caso di Omar Shakir

0

tratto da: FRAMMENTI VOCALI IN MO

https://frammentivocalimo.blogspot.com/2019/11/gideon-levy-deportate-anche-me-il-caso.html

– 

sintesi personale

Se Omar Shakir merita di essere espulso, lo merito anche io e altri come me. Shakir viene espulso per le sue opinioni, ma i suoi punti di vista sono esattamente i miei punti di vista, anche se non ci siamo mai incontrati. Se sono proibiti e pericolosi, allora tutti coloro che li sostengono devono essere espulsi.

Pertanto è obbligatorio espellere tutti coloro che ricoprono quelle posizioni che sono state vietate martedì dalla Corte suprema, in quanto pensiero dello Stato di Israele.

Non  lasciamoci trasportare: questa è  l’intenzione di coloro che hanno legiferato sulla legge BDS, i propagandisti del Ministero degli Affari Strategici e le ONG di destra, con il sostegno dell’Alta Corte di Giustizia che ha dato alla legge il suo imprimatur.

Oggi sono gli stranieri, domani saranno gli israeliani. Perché qual è la differenza? Se un’opinione è pericolosa, dovrebbe essere vietata a tutti. Inizieremo con gli stranieri, passeremo alla deportazione dei cittadini arabi che sostengono un boicottaggio e finiremo con la sinistra. Inizieremo con coloro che sostengono le sanzioni contro Israele, continueremo con quelli che si oppongono all’occupazione e finiremo con coloro che osano criticare Israele.

La corte ha dato una chiara luce verde a questo inevitabile pendio scivoloso. Cos’altro potranno dire di illuminante i giudici Justin Neal Hendel, Noam Sohlberg e Yael Willner, che hanno approvato la deportazione di Shakir  sulla deportazione di un arabo israeliano che chiede un boicottaggio, dopo che è stato apportato un emendamento rilevante alla legge?

C’è già un precedente per espellere una persona a causa delle sue opinioni, approvato dalla Corte Suprema. che ha spianato la strada  per continuare su questa via distruttiva, si continuerà a far tacere fino a quando non rimarrà più nessuno a opporsi.

Il tribunale può spiegare questa discriminazione tra Shakir e me citando il vantaggio che un cittadino israeliano ha su un cittadino straniero. L’emendamento 27 della legge sull’entrata in Israele afferma che un visto non sarà concesso a una persona, ad eccezione dei cittadini israeliani, se  sostiene il BDS.

Gli ebrei israeliani sono al sicuro. Per adesso. Ma non c’è logica per questa discriminazione. Ora che le redini sono state allentate, sarà possibile ampliare l’apertura alare della legge per coprire chiunque richieda un boicottaggio, indipendentemente dall’origine etnica o dalla nazionalità. Deporterete anche noi. La maggioranza della gente sosterrebbe questo e cos’è la democrazia se non si realizza la volontà della maggioranza? Sarà vietato opporsi all’occupazione in una prossima  legge. Ora l’occupazione
non  può essere contrastata con la forza; non può essere contrastata da nessuna azione. Si potrà solo sussurrare debolmente contro di essa fino a nuovo avviso. Shakir, come tutte le persone di coscienza in Israele e in tutto il mondo, pensa che l’occupazione sia criminale e che sia un dovere agire contro di essa.

Per 52 anni  è stata consolidata e rafforzata, ora è giunto il momento di agire in modo efficace per eliminare l’ultimo regime dell’apartheid, come  in Sudafrica. Nessuno ha osato criminalizzare boicottaggi e sanzioni che costituivano fonte di orgoglio globale. Ora metà del mondo ha criminalizzato il BDS. Tale è l’incredibile potere della macchina del ricatto al servizio della propaganda sionista.

Tuttavia ho alcune domande per i giudici della Corte Suprema alle quali mai hanno  risposto:
L’occupazione, che nessuna nazione al mondo riconosce e che nessuna istituzione internazionale ha mai definito come qualcosa di diverso da una serie infinita di violazioni del diritto internazionale, è legale ai tuoi occhi? In caso contrario è permesso impegnarsi contro di essa? Se é così, come?

Credi che l’occupazione crollerà da sola? che gli israeliani si sveglieranno una mattina e diranno: “Oops, abbiamo fatto un errore. Quello che abbiamo fatto non è carino ”? In caso contrario cosa porterà alla sua fine? Non hai qualche responsabilità nel sostenere la legge in un’area dove Israele sta commettendo più crimini di qualsiasi altro Stato?

È consentito chiedere un boicottaggio sui prodotti perché la loro fonte è illegale o immorale? È consentito il commercio di beni rubati prodotti attraverso furto, sfruttamento? Inoltre, se l’espulsione di Shakir è valida dal tuo punto di vista, permetteresti la deportazione degli israeliani a causa delle loro opinioni? Come chiameresti quel regime?

E come chiameresti il ​​tuo tribunale?

Onorevoli onorevoli che dite?

ALLEGATO

 

NENA-NEWS.IT
I massimi giudici israeliani hanno accolto le motivazioni del governo e messo fine alla battaglia legale che il direttore locale di Human Rights Watch, accusato di sostenere il boicottaggio di Israele, combatteva da oltre un anno

 

 

GIDEON LEVY: DEPORTATE ANCHE ME. Il caso di Omar Shakir

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.