Gideon Levy // La ragazza di Gaza che combatteva il cancro è morta dopo che Israele ha negato la visita dei suoi genitori. Lei non sarà l’ultima

0
491

tratto da: HAARETZ

Miral, la paziente di cancro di Gaza di 10 anni i cui genitori non potevano stare con lei in un ospedale di Nablus, è morta lo scorso fine settimana. Ora Israele sta impedendo a un’altra giovane palestinese, che ha la leucemia, di ricevere cure vitali

sintesi personale

Miral Abu Amsha è morta lo scorso venerdì sera. Il direttore dell’An-Najah University Hospital, a Nablus, il dott. Kamal Hijazi, ha inviato un messaggio di WhatsApp domenica: “Ci spezza il cuore per farti sapere che Miral è morta venerdì sera. Ha aspettato per quasi due mesi per essere trasferita a un livello di assistenza più elevato. L’ospedale [a Gerusalemme est] e due ospedali in Giordania non l’avrebbero accettata. Che triste fine per una bellissima bambina che ha sofferto inutili sofferenze a causa della politica”.

Abbiamo visitato Miral due mesi e mezzo fa nel reparto pediatrico per il cancro di An-Najah. Miral, una bambina di dieci anni, è stata quindi sottoposta a trattamenti di chemioterapia aggressiva mentre veniva tagliata fuori dai suoi genitori, che erano rimasti rinchiusi nella prigione della Striscia di Gaza. Israele aveva rifiutato di lasciarli accompagnare a Nablus; solo a sua nonna era stato permesso di stare al suo fianco negli ultimi mesi della sua vita.

Quando abbiamo incontrato Miral nella sua stanza d’ospedale, era seduta sul suo letto in un tailleur rosso, con indescrivibili sofferenze, dolore e agonia impressi sul viso. Cercò di non piangere di fronte agli estranei, ma occasionalmente scoppiò a piangere. Sua nonna ci ha implorato di fare qualcosa in modo che i suoi genitori potessero stare con lei. Non è difficile immaginare cosa abbiano attraversato, ascoltando il pianto della figlia al telefono ogni poche ore ma incapaci di stare con lei. Dopo la pubblicazione dell’articolo, a sua madre fu permesso di sostituire sua nonna, ma Miral non rivide mai più suo padre. Rimase a Gaza, impossibilitato a stare al fianco della figlia morente.

Sabato scorso, Steve Watters, un lettore di Newcastle, in Inghilterra, mi ha mandato una e-mail per dire che due bambini sudanesi che vivono in quella città – Ashraf, che ha 10 anni, e sua sorella Shafag, di 8 anni, i figli di un suo amico – avevano sentito parlare di Miral e, commossi dal suo destino, ognuno le scrisse una lettera.

Shafag ha disegnato cuori e bandiere della Palestina sulla sua e ha scritto a matita: “Cara Miral, odio che tu sia in ospedale e spero che tu stia meglio. D’ora in poi, per favore, pensa a migliorare e sicuramente migliorerai. Il mondo intero dipende da te. Spero davvero che tu stia meglio. So come ti senti.

Suo fratello, Ashraf, scrisse: “Cara Miral, so come ti senti in ospedale. Sono profondamente dispiaciuto per te. So come ti senti a non avere accanto la tua famiglia. Capisco, ma non devi preoccuparti d’ora in poi perché hai una nuova famiglia piena di adorabili bambini.

Una lettera inviata a Miral.  lettera inviata a Miral.

Le lettere sono state consegnate a Miral lo scorso giovedì, il giorno prima della sua morte. Miral rispose inviando una foto di se stessa, un debole sorriso sul suo viso sofferente, mortalmente pallido, i suoi capelli scomparsi, facendo il segno del pollice in su.

Watters ha scritto di aver visto i due bambini sudanesi il giorno successivo e hanno chiesto come stava Miral. Non poteva convincersi a dire che era morta – avrebbe chiesto al padre dei bambini di dare loro la notizia.

Watters ha aggiunto nella sua e-mail: “Ho scoperto che alla madre di Miral era stato permesso di unirsi a sua figlia … Immagino fosse stato dicembre quando il padre ha visto Miral l’ultima volta, prima che iniziassero le sue cure. Così triste essere separati per così tanto tempo e ora non ci vediamo mai più.” E, “Perché alcuni israeliani sono così malvagi? Perché pensano che questo sia accettabile? Il pubblico israeliano sa che questo succede? Per favore, dimmi che gli israeliani sono meglio di così.”

Il dottor Hijazi dice che incornicerà le lettere dei bambini per Miral e le appenderà in un angolo commemorativo per lei che il suo ospedale ha intenzione di allestire.

Miral non è l’ultimo figlio di Gaza che morirà senza entrambi i genitori al suo fianco. Forse non è anche l’ultima che morirà perché ai suoi genitori non è stato permesso di stare con lei nel suo tempo di tormento. Essere tagliati fuori dai genitori ha un grave impatto mentale e fisico su un bambino con il cancro.

Miral non sarà anche l’ultimo bambino di Gaza ad avere difficoltà a ottenere cure mediche a Gerusalemme Est o in Cisgiordania, a causa di infiniti e malvagi ostacoli burocratici accumulati dall’ufficio del Coordinatore delle attività governative nei Territori. COGAT apparentemente ignora il fatto che si tratti di casi di morte che coinvolgono bambini con cancro. Dimenticano anche che l’idea è quella di trasferire i giovani negli ospedali palestinesi a Gerusalemme est o in Cisgiordania, non in Israele. Tutte le scuse legate alla sicurezza e burocratiche dovrebbero essere messe da parte per salvare la vita di un bambino o alleviarne la sofferenza. Ma quando si tratta dei meccanismi dell’occupazione israeliana, tutto è fatto dal libro, il libro dell’occupazione.

Physician for Human Rights sta attualmente affrontando il destino di altri tre bambini di Gaza che hanno il cancro, uno dei quali ha solo 2 anni. A loro viene negato il permesso di lasciare la Striscia per cure mediche vitali; rifiuti sono fondati su varie strane scuse. Un caso terribile è quello di Yassin Razaka, una bambina di 4 anni affetta da leucemia. In un’occasione le fu negato l’ingresso a Nablus, come se fosse un rischio per la sicurezza; un’altra volta le autorità hanno informato la famiglia che era “illegalmente presente” (apparentemente a Gaza) e che quindi il suo ingresso in Cisgiordania per un trattamento salvavita era stato negato. Questo è una bambina che soffre di cancro.

Una lettera inviata a Miral.
 

articolo originale

https://www.haaretz.com/israel-news/.premium-gazan-girl-died-after-israel-denied-her-parents-visit-she-won-t-be-the-last-1.8631960

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.