GIDEON LEVY: PREPARATEVI A RIMANERE NAUSEATI DAL NUOVO DOCUMENTARIO “VENGA IL TUO REGNO”

0
4667

tratto da: Beniamino Benjio Rocchetto

giovedì 29 ottobre 2020   13:47

Di Gideon Levy – 29 ottobre 2020

https://archive.is/7yAUZ

Ci sono persone che dovrebbero vergognarsi delle proprie azioni. Altri dovrebbero vergognarsi delle azioni del loro governo. Ma in Israele si è manifestata un nuovo tipo di vergogna: la vergogna di sapere chi sono i propri alleati. I sostenitori di Israele nel 2020 o sono tiranni o ignoranti. Questo è ciò che ci rimane.

Martedì l’emittente Kan 11 ha trasmesso un documentario su quest’ultima. Il film della regista vincitrice dell’Emmy Maya Zinshtein, “‘Til Kingdom Come” (Venga il tuo Regno) getta uno sguardo sui rozzi adoratori di Israele, i cristiani evangelici americani. Invece di un sacchetto di popcorn, sarebbe tornato utile un sacchetto per vomitare.

Trailer The Kingdom Come: https://youtu.be/5r5rhUNQaXY

Se questi sono gli amici di Israele, non ha bisogno di nemici. Se questa è l’alleanza che dovrebbe sostenere Israele, sarebbe meglio nessun supporto. Milioni di fondamentalisti primitivi, ignoranti e devoti guidati come pecore da pastori ciarlatani altrettanto ignoranti, non sarebbe di buon auspicio per nessun paese. Il fatto che stiano aspettando l’Armageddon in cui gli ebrei saranno distrutti o si convertiranno al cristianesimo aggiunge solo un’altra dimensione bizzarra a questa relazione contorta, una relazione d’amicizia e di grande oscurità. La connessione con le loro controparti ebraiche, i coloni e le organizzazioni sioniste che chiedono donazioni, rende il quadro ancora più cupo. Guardate il film e valutate. Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei.

Essere colpiti da una dose così concentrata di questa mostruosità è un’esperienza molto difficile e rivoltante. Basti pensare a quanto lontano sia arrivato Israele dall’era degli ingenui volontari scandinavi che sono venuti qui per la loro estimazione dell’istituzione kibbutzim (villaggi collettivi), ai volontari evangelici che vengono ad aiutare i violenti ladri di terra sionisti a coltivare le terre palestinesi rubate negli insediamenti. Basti pensare a cosa è successo da quando abbiamo lasciato cadere una moneta nella scatola blu della raccolta fondi, forse è stato un contributo discutibile, ma c’era un’ingenuità al riguardo, e ora ai bambini poveri d’America viene chiesto di donare a un ricco e consolidato paese con un esercito di occupazione forte e ben equipaggiato. Centesimi per comprare un nuovo sottomarino? Un quarto di dollaro per allestire il nuovo aereo del Primo Ministro?

L’insegnante di questi bambini sottoposti al lavaggio del cervello, il pastore Boyd Bingham IV, spiega loro: “Israele e gli ebrei sono migliori di noi, dovete accettarlo”, si rivolta lo stomaco al pensiero di cosa ne sarà di questi bambini. “Gesù aveva ragione quando disse che la salvezza verrà dagli ebrei”, continua, facendo sembrare improvvisamente meraviglioso e illuminato il peggio del peggio dei rabbini degli insediamenti sionisti.

Con il loro particolare cinismo, i coloni si sono avventati su questo movimento di massa, prosperato nell’era di Donald Trump, per spremerlo di tutto il suo valore. A loro si sono uniti i soliti opportunisti esibizionisti, Sheldon Adelsons e Haim Sabans, e la Fondazione dell Amicizia (Friendship Foundation) che spreme denaro da questi cristiani, che probabilmente non hanno mai sentito parlare dell’esistenza di un popolo palestinese che vive nella loro Terra Santa, o del regime segregazionista implementato dall’occupazione israeliana. Le donazioni vengono inviate a un “superstite di attacco terroristico” di 77 anni che piange quando gli viene consegnata una confezione di cibo. Niente più sopravvissuti all’Olocausto, ora abbiamo sopravvissuti al terrorismo con cui fare leva sui cuori. I buoni cristiani si sono uniti anche ad Amici dell’IDF (Friends of the IDF), un’altra ridicola organizzazione, perché l’esercito israeliano ha bisogno di chiedere donazioni in modo stravagante, con i soldati disabili che salgono sul palco per mostrare le loro mutilazioni, come Haim Saban e Sheldon Adelson, i salvatori di Israele in America. Il paese dove solo il denaro conta, guarda con le lacrime agli occhi.

Che ripugnante. Che disgusto vedere Yael Eckstein, figlia del defunto rabbino Yehiel Eckstein, fondatore dell’Associazione Internazionale di Cristiani ed Ebrei (International Fellowship of Christians and Jewish), agire quasi come un predicatore cristiano solo per ricevere più donazioni. Perché queste persone dovrebbero donare denaro a Israele? Né le sue difficoltà né la moralità del suo percorso lo giustificano. Che disgusto sentire un colono compiacere i sui suoi ospiti americani: “Gli ebrei sono i protagonisti del film. Se lasciamo che i cristiani sostengano i protagonisti, almeno avranno un ruolo nel film”. E che disgusto vedere Benjamin Netanyahu dire al pastore antisemita John Hagee: “Non abbiamo un amico al mondo migliore di te”. Ebbene, almeno questa volta Netanyahu ha detto la verità.

Gideon Levy è editorialista di Haaretz e membro del comitato editoriale del giornale. Levy è entrato in Haaretz nel 1982 e ha trascorso quattro anni come vicedirettore del giornale. Ha ricevuto il premio giornalistico Euro-Med per il 2008; il premio libertà di Lipsia nel 2001; il premio dell’Unione dei giornalisti israeliani nel 1997; e il premio dell’Associazione dei Diritti Umani in Israele per il 1996. Il suo nuovo libro, La punizione di Gaza, è stato appena pubblicato da Verso.

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Liberamente
https://www.facebook.com/morfeus.morfeus.395/posts/811488086310714?__cft__[0]=AZVv8R_MvtnqJrXX2AIKhK04UPMESrvoL3Tvlh8ab3D3mQifj6_T5-aC1qjQBj6tY618SNzgiL9wvFC9YLGQfxRGPOhmB-2kJJ3YJASScL0fYv2xWaJysv4ykR4hL2_p65I&__tn__=%2CO%2CP-R

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.