GIDEON LEVY // UNA TEMPESTA IN UNA VASCHETTA DI GELATO HA RIVELATO ALCUNE VERITÀ AGLI ISRAELIANI

0
463

tratto da: https://www.haaretz.com/opinion/.premium-a-tempest-in-an-ice-cream-tub-revealed-some-truths-to-israelis-1.10017871

Un cliente acquista il gelato di Ben & Jerry’s a Gerusalemme questa settimana Credit: AHMAD GHARABLI – AFP
22 luglio 2021 1:56 AM

Se Ben & Jerry’s mantiene la parola data e ritira il suo prodotto dagli insediamenti tra un anno e mezzo (e ci sono buone ragioni per dubitarne, vista la pressione attesa dagli ebrei americani), comincerò a mangiare il suo gelato. Potrò godere di un prodotto che mostri un po’ più di attenzione, più coinvolgimento, più coscienza e, soprattutto, più decenza.

Fino ad allora, si può solo ridere della frenesia estiva che è scoppiata e scomparirà quando emergerà la prossima tempesta di vanità. Gli israeliani devono ora boicottare il gelato per protestare contro la decisione dell’azienda? O dovremmo comprare di più in una dimostrazione di sostegno per il patriottico franchisee locale, che continuerà a vendere negli insediamenti fino alla scadenza del contratto? Nel frattempo, quello che abbiamo è una tempesta in una vaschetta di gelato che ci insegna più su Israele di mille articoli accademici.

La storia di Ben & Jerry ha reso felici gli israeliani. Non ci sono molte cose che amano più dell’apparenza di una minaccia esterna. Ci unisce, per crogiolarci nell’amaro destino che noi di tutti i popoli dobbiamo affrontare, per creare un’unità ripugnante e un pensiero di gruppo, e per lanciare un contrattacco roboante, con l’accusa istintiva di antisemitismo per dessert.

Quando l’affiliato del nostro amato McDonald’s, Omri Padan, ha deciso di boicottare i territori, il collettivo Israel ha gridato molto meno. Perché? Perché Padan è un patriota che in nessun modo può essere etichettato come antisemita. È intoccabile. Con un’azienda americana è molto più facile.

Il gelato è riuscito dove la morte di 67 bambini a Gaza ha fallito, per ricordare agli israeliani l’occupazione. Tuttavia, la follia rimane: l’occupazione è una vittima, l’unica vittima. Sbalordisce la mente che ogni volta che qualcuno osa ricordare agli israeliani che qualcosa non va ancora, il problema diventa immediatamente come Israele sia la vittima. Titoli, chiacchiere interminabili e l’unica cosa che nessuno chiede è: perché?

Perché una persona ragionevole dovrebbe voler boicottare Israele? Beh, forse a causa della pressione esercitata dal BDS. Solo a causa di tale pressione. Altrimenti, non c’è modo che un’azienda di gelati giunga alla conclusione da sola di non voler più addolcire la vita dei coloni. Non c’è possibilità che ci siano uomini d’affari con valori. È solo la conseguenza della pressione. I meccanismi di repressione e di negazione che la società israeliana ha sviluppato non berranno dalla tazza di Chubby Hubby. È l’Iron Dome della società, non può essere abbandonato.

Pertanto, la situazione richiede niente di meno che un vero boicottaggio di Israele, di tutti gli israeliani, ovunque – doloroso, costoso, distruttivo. Non un boicottaggio leggero sul gelato venduto al supermercato Rami Levy a Etzion Junction, ma uno che tutto Israele si sentirà in tasca. L’unico che può alleviare Israele dalla sua cecità ed esporre la menzogna che si è nutrita per così tanti anni.

Altrettanto sorprendente è tutta l’unità e il pensiero di gruppo che la relazione ha creato. Improvvisamente, è diventato chiaro che siamo tutti coloni. La Linea Verde ha da tempo cessato di esistere. L’affare Ben & Jerry ha rivelato che non c’è differenza tra la destra radicale e la sinistra. Tutti sono per gli insediamenti. Tutti si oppongono al fatto che vengano danneggiati, anche se si tratta di un danno minore al contenuto dei loro congelatori.

Ma è davvero così improvviso? Yair Lapid parla di antisemitismo e il ministro dell’Economia e dell’Industria Orna Barbivai agisce se sogna di essere Miri Regev da grande. Nel frattempo, possiamo chiederci perché meritiamo politici ridicoli come questi e perché nessuno ha trovato il coraggio di ringraziare Ben & Jerry’s per aver agito nel loro piccolo.

In ogni caso, il passo che l’azienda ha compiuto è artificiale: non è più possibile separare i coloni e il resto di Israele. La tempesta nella vasca lo dimostra.

Dovremmo lodare i gelatieri del Vermont: non porranno fine all’occupazione – non è il loro lavoro – ma in una calda giornata estiva hanno rivelato alcune verità agli israeliani. Rimane solo una domanda che tutti gli israeliani ragionevoli devono porsi: cosa penserebbero di un’azienda di gelati che ha boicottato il Sudafrica?

 

 

https://www.haaretz.com/opinion/.premium-a-tempest-in-an-ice-cream-tub-revealed-some-truths-to-israelis-1.10017871

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.