Giornata della Terra 2012: manifestazioni popolari e repressioni israeliane

Evidenza – 31/3/2012

 

Palestina occupata – InfoPal. Nel 36° anniversario del Giorno della Terra palestinese, tutta la Palestina occupata è scesa in strada: si parla di una presenza di 3 milioni di palestinesi e resta ancora imprecisata la portata della presenza internazionale.

Nella Striscia di Gaza erano circa 100mila i presenti alla sfilata. Preventivamente, Israele aveva disposto cecchini, mezzi blindati e carri armati sul confine orientale e su quello a nord. Dopo l’orario della preghiera del mezzogiorno, la folla è più che raddoppiata.

La sfilata di Gaza si è diretta anzitutto a nord, verso il valico di Beit Hanoun (Eretz), dove si sono registrati i dati più gravi sui ferimenti.Mahmoud Mohammed Zaqout, 20enne di Gaza, non è sopravvissuto alle ferite, ed è la vittima palestinese di questo 36° anniversario, con il quale si sono volute ricordare le 6 vittime palestinesi del 1976, sempre per mano israeliana.

34 palestinesi sono stati feriti a Gaza, tra cui un bambino, nella repressione a Beit Hanoun. Altri tre sono stati feriti a sud di Gaza (Khan Younes), tra i quali un altro bambino.

Rientra nel dato anche Yousef Hammad, giornalista corrispondente della radio locale al-Watan.

Gli eventi di Gaza. Numerosi manifestanti sono riusciti ad avvicinarsi alla base militare israeliana di Kissufim, e qui hanno innalzato la bandiera palestinese. E’ stato a quel punto che i cecchini israeliani hanno aperto il fuoco a raffica.

Pesante è stato anche il sorvolo di Gaza per la ricognizione della repressione da terra: elicotteri e aerei da guerra hanno fatto temere il peggio.

Tutti gli eventi di ieri sono stato organizzati dai vari comitati e hanno ruotato intorno alla Global March to Jerusalem (Gmj), matrice anche delle manifestazioni nel resto del mondo, compresi i Paesi arabi confinanti con la Palestina occupata. Localmente, le moschee e i comitati popolari hanno lavorato per la raccolta di adesioni.

Non sono mancate personalità politiche in nessuna delle proteste. A Gaza, il premier Haniyah è intervenuto insieme ad altri ministri di governo, deputati del Consiglio legislativo (Clp) e leader delle fazioni quando la folla è giunta presso la stazione Hammouda dove si è svolto un raduno festivo.

La delegazione egiziana, in questi giorni in visita a Gaza, ha preso parte alla marcia di Gaza. Erano inoltre presenti delegazioni da Gran Bretagna, Irlanda, Turchia e Indonesia.

E’ stata una partecipazione attiva. Majid az-Zibdah, uno dei partecipanti alla marcia di Gaza, ha detto: “I palestinesi a Gaza hanno sfilato nonostante lo stato d’emergenza che ci umilia e ci lascia senza carburante, elettricità o servizi di base”.

A chiusura della manifestazione, in molti hanno riconosciuto il merito del Ministero dell’Interno per essere riuscito ad assicurare una sfilata in piena sicurezza su tutto il territorio. Dall’ufficio del Ministero, tuttavia, non sono mancate accuse rivolte alla sicurezza di Ramallah: “Grave coordinamento con l’occupante anche in questa giornata nazionale”.

Fermare l’ebraicizzazione di Gerusalemme. Ahmed Abu Halbiyah, dal Comitato per Gerusalemme del Clp, ha ricordato che al centro della manifestazione del 2012 vi è Gerusalemme, e ha ricordato l’apprensione di tutti per la colonizzazione e l’ebraicizzazione della città. “Israele cerca di annientare la nostra presenza millenaria e la storia arabo-islamica della Palestina, come se non fossimo mai esistiti. Per questo, nega a oltranza i nostri diritti nazionali violando i nostri Diritti Umani”.

Dalla Cisgiordania, il nostro corrispondenteMohammed Awad ha seguito gli eventi per InfoPal: a fine giornata, le televisioni arabe hanno parlato di 75 feriti, migliaia di intossicati dai gas lacrimogeni e decine di arresti.

Qalandiya, Ramallah (Nabi Saleh, Ni’lin, Bil’in, Budrus) e i villaggi delle manifestazioni non-violente settimanali, ma anche al-Khalil (Hebron) e Betlemme sono stati i teatri delle proteste maggiormente attive.

Presso il checkpoint di Qalandiya, i palestinesi hanno sfilato alla presenza di esponenti politici e di visitatori internazionali, e nessuno è stato risparmiato dalla brutalità usata dai soldati per ordine della propria leadership.

A Qalandiya, alcuni manifestanti sono riusciti ad arrampicarsi sul muro d’Apartheid e a innalzare la bandiera palestinese.

Ieri è stata manifestata tutta la rabbia dei palestinesi per la ghettizzazione alla quale li ha confinati Israele, ed è stato ricordato alla silente comunità internazionale quanto sia sacra e lecitamente perseguibile questa loro causa.

Bil’in è stato ferito anche il cameraman di TV Palestina. Come ogni venerdì, anche ieri i manifestanti si sono spinti fino ad Abu Limun, zona palestinese libertata dagli israeliani.

Ahmed Awad, dal comitato popolare di Budrus, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: “Il nostro sacrosanto diritto alla resistenza e alla difesa della nostra sovranità sulla Palestina, su Gerusalemme e sulla moschea di Al-Aqsa si concretizza oggi più che mai. Gli israeliani non riusciranno a cancellare dalla storia il popolo palestinese”.

Nei pressi del checkpoint adiacente alla moschea Bilal, all’ingresso di Betlemme, ci sono stati altri duri scontri. Anche qui i palestinesi si sono arrampicati sul Muro d’Apartheid e sul posto di blocco noto con il nome di “300”, e vi hanno fissato la propria bandiera.

L’ingresso di Beit Sahour, a sud di Gerusalemme, era stato chiuso preventivamente dagli israeliani.

A Beit Ummar (Al-Khalil/Hebron), secondo Yousef Abu Maria – coordinatore del locale comitato popolar – , la repressione è stata molto pesante.

Repressivo l’intervento israeliano anche a Kafr Qaddoum (Qalqiliya), dove Israele tiene solitamente sigillato l’ingresso principale. Qui sono stati numerosi gli intossicati, e un manifestante è stato ferito. A Kafr Qaddoum gli israeliani hanno impedito alle ambulanze di avvicinarsi per soccorrere i manifestanti intossicati.

Murad Ishtawi, coordinatore per l’informazione di Kafr Qaddoum, ha detto: “Oggi dimostriamo fedeltà a tutti i caduti della Palestina, qui nessuno è morto invano”.  

Riepilogando: sono stati oltre 70 i feriti tra Striscia di Gaza e Cisgiordania. 
Un morto a Gaza, circa 40 gli arrestati o i manifestanti posti in stato di fermo tra Gerusalemme e Cisgiordania.

A fine giornata, all’emittente del Qatar al-Jazeera, l’arcivescovo della chiesa ortodossa di Sebastia, ‘Atallah Hanna, chiederà la liberazione di tutti i palestinesi arrestati ieri e rimarcherà quanto segue: “Non ci sarà nessuna Gerusalemme senza Palestina e nessuna Palestina senza Gerusalemme”.

© Agenzia stampa Infopal
E’ permessa la riproduzione previa citazione della fonte “Agenzia stampa Infopal – www.infopal.it”

http://www.infopal.it/giornata-della-terra-2012/

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam