Giornata della terra : dopo 38 anni, Israele ancora non capisce le proteste arabe sugli espropri

domenica 30 marzo 2014

 giornata della terra

 

Sintesi personale  

La Comunità araba palestinese  ricorda la Giornata della Terra, un evento annuale che commemora protesta scoppiata il 30 marzo 1976 contro gli espropri  voluti dal Governo : sei arabi  furono uccisi dalle forze di sicurezza israeliane.

Quella prima Giornata della Terra iniziò con uno sciopero generale nelle comunità arabe di Israele, sulla scia di una risoluzione del Governo che approvava  l’esproprio di 20.000 dunams (circa 5.000 ettari) in una zona conosciuta come Area 9 o la valle Sakhnin, al fine di  aumentare la popolazione ebraica in Galilea.

Nei successivi 38 anni  due eventi segnano  i rapporti tra lo Stato e i suoi cittadini arabi. Il primo è stato il secondo governo Rabin e il processo di pace di Oslo, quando per la prima volta gli arabi in Israele furono visti come veri e propri partner e un certo numero di comunità beduine in Galilea ricevettero il riconoscimento ufficiale. Il secondo momento di svolta fu nell’ottobre del  2000   che vide precipitare la  fiducia degli arabi israeliani nelle istituzioni .

Negli ultimi dieci anni  molte questioni sono emerse . Le organizzazioni  arabe e  quelle per i diritti umani  hanno rilasciato documenti che sottolineano il desiderio dei cittadini arabi di Israele di preservare la loro identità nazionale pur accettando la cittadinanza israeliana ,basata sulla piena uguaglianza e il loro riconoscimento come minoranza. Lo Stato, invece, è andato nella direzione opposta, sottolineando il carattere ebraico dello Stato in ogni occasione

Proposte specifiche, come ad esempio il cosiddetto piano Prawer per trasferire decine di migliaia di Beduini del Negev dai villaggi non riconosciuti alle comunità riconosciute e  la  proposta di scambio di popolazione del ministro degli Esteri Avigdor Lieberman, inviano agli arabi israeliani un messaggio chiaro : lo Stato vuole  pochi di loro  all’interno dei confini dello stato e nella zona più piccola possibile.

immagine2

Gli arabi israeliani sventolando bandiere palestinesi durante un comizio nella città settentrionale arabo-israeliana del Sakhnin il 30 marzo 2013 per commemorare il 37 ° anniversario della ‘Giornata della Terra’. AFP

Questa politica è confermato nella grave carenza di alloggi all’interno della comunità araba. Secondo un recente studio dell’organizzazione non governativa Hagalil, la comunità araba di Israele avrà bisogno di almeno 100.000 abitazioni aggiuntive nel prossimo decennio.

El Baqa, un’organizzazione specializzata nei problemi della pianificazione, cita cifre provenienti dal Ministero dell’interno  e dal Ministero dell’edilizia , secondo cui solo il nove per cento dei permessi di costruzione rilasciati tra marzo e settembre 2012, o 2.200 unità, erano per le comunità arabe, un 43 per cento  in meno erano previsti  tra il 2012 e il 2013 . Il risultato pratico è un aumento nella costruzione senza licenza e migliaia di ordini di demolizione che pendono sopra le teste dei proprietari di casa.

La linea di fondo è che lo Stato non è riuscito non solo di imparare le lezioni della prima Giornata della Terra, ma  sempre  di più volta le spalle ai suoi cittadini arabi.

  La manifestazione per la Giornata della Terra tradizionale avrà luogo a Sakhnine in Arabeh e  nel villaggio beduino non riconosciuto  del Negev di Suween,

E ‘dubbio tali proteste riceveranno  un’ampia copertura mediatica; l’ opinione pubblica israeliana non ha veramente a cuore i problemi che non sono cambiati da un anno all’altro.

È arrivato il momento per tutte le parti di cercare una nuova politica, in base alla quale  lo Stato  considera gli arabi come cittadini uguali  e dall’altro la leadership araba   esponga i propri piani  e chieda il rispetto del diritto fondamentale alla casa prima che sia troppo tardi. Sfilate e slogan da soli non sono sufficienti  e la giovane generazione di arabi sta cominciando a perdere la sua fiducia in tutti.

 

Pubblicato da 

http://frammentivocalimo.blogspot.it/2014/03/38-anni-in-poi-israele-ancora-non.html

…………………….

38 years on, Israel still doesn’t understand Arab protests over land seizures

giornata della terra

38 years on, Israel still doesn’t understand Arab protests over land seizures
www.haaretz.com
Israel’s Palestinian Arab community on Sunday observes Land Day, an annual event commemorating protests that broke out on March 30, 1976 against government land seizures in which six Arabs were killed by Israeli security forces.
That first Land Day began with a general strike in Israel’s Arab communities, in the wake of a cabinet resolution approving the expropriation of 20,000 dunams (some 5,000 acres) in an area known as Area 9 or the Sakhnin valley, as part of the government’s goal of increasing the Jewish population in Galilee.
In the intervening 38 years, two events stand out in shaping the often rocky relations between the state and its Arab citizens. The first was the second Rabin government and the Oslo peace process, when for the first time Arabs in Israel were seen as genuine partners and a number of Galilee Bedouin communities received official recognition. The second watershed moment was the events of October 2000, which precipitated the complete collapse of Israeli Arabs’ trust in the establishments.
Over the past decade, many issues have risen to the surface. The Higher Arab Monitoring Committee and human rights organizations have released documents emphasizing the desire of Israel’s Arab citizens to preserve their national identity while accepting Israeli citizenship based on full equality and their recognition as a minority. The state, however, went in the opposite direction, stressing the state’s Jewish character at every opportunity, to the current juncture in which Prime Minister Benjamin Netanyahu has made the recognition of Israel as a Jewish state a precondition for discussion of ending the Arab-Israeli conflict.
Specific proposals, such as the so-called Prawer plan for relocating tens of thousands of Negev Bedouin from unrecognized villages to recognized communities and Foreign Minister Avigdor Lieberman’s population exchange proposal, send Israeli Arabs a clear message that the state wants as few of them as possible within the state’s borders, and in the smallest area possible.
Israeli Arabs waving Palestinian flags during a rally in the northern Arab-Israeli town of Sakhnin on March 30, 2013 commemorating the 37th anniversary of 'Land Day.'

Israeli Arabs waving Palestinian flags during a rally in the northern Arab-Israeli town of Sakhnin on March 30, 2013 commemorating the 37th anniversary of ‘Land Day.’AFP
This policy is borne out in the severe housing shortage within the Arab community. According to a recent study by the nongovernmental organization Hagalil, Israel’s Arab community will need at least 100,000 additional homes over the next decade.
El Baqa, an organization specializing in planning issues, cites figures from the Interior and the Housing and Construction Ministries, according to which only nine percent of building permits issued between March and September 2012, or 2,200 units, were in Arab communities, for a 43 percent decline between 2012 and 2013 in building permits in Arab communities. The practical result is a rise in unlicensed construction, and thousands of demolition orders that hang over the heads of homeowners.
The bottom line is that the state has not only failed to learn the lessons of the first Land Day, but is increasingly turning its back on its Arab citizens.
The Higher Arab Monitoring Committee has called a general strike for Sunday (including schools). The traditional Land Day parade will take place in Sakhnin and in Arabeh, and the main rally will be held in the latter town in the afternoon. A parade will also be held in the unrecognized Negev Bedouin village of Suween, east of Be’er Sheva on Route 25, whose participants will call for the Prawer plan to be shelved and the unrecognized communities sanctioned.
It is doubtful that the participants’ calls and chants will receive broad media coverage; Israeli public opinion doesn’t really care about the issues, which have not changed from year to year.
The time has come for all parties to look for a new policy, under which on one hand the state views the Arabs as equal citizens whose housing needs must be met, and on the other hand the Arab leadership − whether the Arab Higher Monitoring Committee or the mayors of Arab communities − puts forth its own plans and recommendations and demands the fulfillment of the basic right to housing before it is too late. Parades and slogans alone are not enough, and the younger generation of Arabs is beginning to lose its trust in everyone.

 

 

http://frammentivocalimo.blogspot.it/2014/03/38-years-on-israel-still-doesnt.html

Contrassegnato con i tag: ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam