Gli occhi che brillano

  • Amira Hass
  • 4 febbraio 2011   14.48

In questi giorni, in Cisgiordania sorridono tutti. E se non sorridono, hanno gli occhi che brillano. Da quattro settimane i palestinesi sono incollati alla tv. Apprezzano anche l’ironia dei manifestanti egiziani. Ripetono spesso uno slogan sentito in piazza al Cairo: “Traducete le nostre rivendicazioni in ebraico, così Mubarak potrà capirci”.

C’è un singolare contrasto tra la gioia dei palestinesi per la rivolta in Egitto e il silenzio delle autorità. Alcuni giorni fa si è saputo che il presidente palestinese Abu Mazen ha telefonato a Mubarak per esprimergli incoraggiamento, sostegno e solidarietà. Invece le manifestazioni di solidarietà dei palestinesi per il popolo egiziano sono ostacolate.

Un sit-in davanti all’ufficio di rappresentanza egiziano a Ramallah, organizzato su Facebook, è stato vietato. L’organizzatore è stato rintracciato alla vigilia dell’evento, fermato e interrogato a lungo. A Gaza alcune donne coraggiose hanno manifestato in pieno centro.

Avevano informato la polizia di Hamas, ma quando le hanno invitate a rinunciare, hanno deciso di sfilare comunque. Dopotutto la legge non richiede autorizzazioni per riunirsi pacificamente. Ma la polizia ha represso l’evento con la forza e ha arrestato i partecipanti. Così la rivolta in Egitto ha finito per mettere d’accordo Hamas e Al Fatah.

Paradossalmente, invece, le manifestazioni di solidarietà organizzate a Gerusalemme, Haifa e Tel Aviv si sono svolte senza interferenze della polizia israeliana.

Traduzione di Nazzareno Mataldi.

Internazionale, numero 883, 4 febbraio 2011

Contrassegnato con i tag:

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam