GLI STATI UNITI BACCHETTANO ISRAELE: NON DEMOLITE IL VILLAGGIO DI SUSIYA

427

sabato 18 luglio 2015

 45

Gli USA mettono in guardia Israele contro lo sfratto dei palestinesi a Susiya

Sebbene Susiya è stata sotto la costante minaccia di distruzione per anni, il Dipartimento di Stato americano ha ora avvertito Israele che eventuali demolizioni in questo piccolo villaggio della Cisgiordania saranno considerate una provocazione.

By Mairav Zonszein |Published July 18, 2015

Mentre l’accordo nucleare con l’Iran questa settimana ha catturato la maggior parte dell’attenzione e ha evidenziato continue tensioni nei rapporti israelo-statunitensi, il piccolo villaggio palestinese rurale di Susi ya nella Cisgiordania occupata è anche riuscito a ottenere l’attenzione del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, a causa di indicazioni da parte di Israele che prevede di demolire subito dopo il Ramadan, ufficialmente concluso venerdì come i musulmani hanno inaugurato l’Eid al Fitr.

Secondo il residente e attivista Nasser Nawajeh, che è anche un ricercatore per B’tselem, la settimana scorsa l’amministrazione civile israeliana ha comunicato ai residenti la sua intenzione di demolire circa la metà delle strutture del villaggio una volta finito il mese di Ramadan: dieci case residenziali, una clinica, otto rifugi per animali, 12 magazzini e rustici. La petizione all’Alta Corte di appello contro la mossa di espulsione è prevista solo per il 3 agosto.

Alla domanda circa la situazione, il portavoce John Kirby del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha detto giovedì:

Stiamo seguendo da vicino gli sviluppi nel villaggio di Susiya in Cisgiordania, e vivamente esortiamo le autorità israeliane ad astenersi dal compiere qualsiasi demolizione nel villaggio. La demolizione di questo villaggio palestinese o di parti di esso, e gli sfratti dei palestinesi dalle loro case sarebbero dannosi e provocatori. Tali azioni hanno un impatto al di là delle persone e delle famiglie che stanno per essere sfrattate. Siamo preoccupati che la demolizione di questo paese possa peggiorare l’atmosfera per una soluzione pacifica e sarebbe uno standard dannoso per lo spostamento e la confisca delle terre, soprattutto in considerazione delle attività di insediamento legate alla zona. Esortiamo le autorità israeliane a lavorare con i residenti del villaggio per finalizzare un piano per il villaggio che affronti i bisogni umanitari dei residenti.

Mentre è significativo il fatto che il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha messo in guardia Israele contro l’andare avanti con la demolizione, Israele ha già più volte “fissato uno standard dannoso per lo spostamento e la confisca delle terre”, e l’amministrazione Obama non ha fatto nulla. Al Araqeeb , un “non riconosciuto” villaggio beduino all’interno di Israele, dove i residenti sono cittadini israeliani a pieno titolo, non è a mia conoscenza che abbia ricevuto lo stesso tipo di retorica dagli Stati Uniti di Susiya, perché una tale mossa da parte di Israele sarebbe un altro passo nella sua annessione de facto dell’Area C (il 60% della Cisgiordania) e nel trasferimento forzato dei palestinesi, precludendo ciò che è supportato per far parte di un futuro Stato palestinese.

Attivisti israeliani hanno organizzato una presenza costante nel villaggio a partire da venerdì in solidarietà con gli abitanti di Susiya e per documentare eventuali azioni da parte delle forze israeliane. Ci sono anche attualmente petizioni in Israele e tra Jewish Voice of Peace negli Stati Uniti per esigere che Israele abortisca il suo piano.

Sfondo su Susiya

Lo scorso maggio, la High Court of Justice ha dato allo stato il via libera di distruggere il villaggio, in qualsiasi momento, rifiutandosi di emettere un’ingiunzione che bloccasse eventuali demolizioni prima che il loro appello fosse sentito. Nel corso degli anni, i militari hanno emesso ordini di demolizione ripetuti nel villaggio sulla base della costruzione illegale e della zonizzazione. L’unica ragione per cui i palestinesi nel sud di Hebron Hills costruiscono illegalmente, tuttavia, è che le autorità israeliane non hanno mai concesso loro permessi di costruzione nonché i diritti di pianificazione. L’esercito israeliano rifiuta il 90 per cento delle richieste di pianificazione palestinesi in Area C, e la maggior parte dei villaggi della zona affrontano restrizioni quasi identiche e minacce di demolizione. Le colonie di ebrei israeliani, tuttavia, continuamente fioriscono nella zona, tra cui un insediamento adiacente che prende il nome anch’esso di Susiya.

I 340 abitanti di Khirbet Susiya sono da anni lotta in tribunale per il diritto di rimanere nella loro terra. Susiya si trova nella zona sud delle Hebron Hills, in zona C della Cisgiordania, che secondo gli Accordi di Oslo è sotto il pieno controllo israeliano. I suoi abitanti sono stati espulsi dalle loro terre nel 1986, dopo che l’insediamento ebraico di Susiya è stato istituito e un sito archeologico costruito sulla sua posizione precedente. Gli abitanti del villaggio palestinese poi hanno spostato il villaggio ai loro terreni agricoli adiacenti e hanno lottato per sopravvivere lì da allora.

http://972mag.com/u-s-warns-israel-against-evicting-pale…/…/

Although Susya has been under constant threat of destruction for years, the U.S. State Department has now warned Israel that any demolitions in this tiny village…
972MAG.COM

Tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

………………………………………..

U.S. warns Israel against evicting Palestinians from Susya

Although Susya has been under constant threat of destruction for years, the State Department is now warning Israel that any demolitions in this tiny village in the West Bank would be considered a provocation.

45

Susya, West Bank, Palestinian village under threat of destruction (Activestills)

While the Iran nuclear deal captured most of the attention and highlighted continued tensions in the U.S.-Israeli relationship this week, the tiny rural Palestinian village of Susya also managed to get the U.S. State Department’s attention. Israel has indicated that it plans to demolish parts of the West Bank village after Ramadan, which officially ended Friday, or after the current Muslim holiday of Eid el-Fitr.

According to Susya resident Nasser Nawaj’ah, who is also a B’Tselem researcher, the Israeli army’s Civil Administration (the military government in the West Bank) notified residents of its intention to demolish about half of the village’s structures once the month of Ramadan is over: 10 residential homes, a clinic, eight animal shelters, 12 storerooms and outhouses. A High Court petition appealing the demolitions and a plan to expel Susya’s residents is only scheduled for August 3.

Asked about the situation, U.S. State Department spokesperson John Kirby said on Thursday:

We’re closely following developments in the village of Susya in the West Bank, and we strongly urge the Israeli authorities to refrain from carrying out any demolitions in the village. Demolition of this Palestinian village or of parts of it, and evictions of Palestinians from their homes would be harmful and provocative.

Such actions have an impact beyond those individuals and families who are evicted. We are concerned that the demolition of this village may worsen the atmosphere for a peaceful resolution and would set a damaging standard for displacement and land confiscation, particularly given settlement-related activity in the area.

We urge Israeli authorities to work with the residents of the village to finalize a plan for the village that addresses the residents’ humanitarian needs.

While it is significant that the State Department warned Israel against moving forward with demolition, Israel has already, many times over, “set a damaging standard for displacement and land confiscation,” and the Obama administration has done nothing about it. Al Araqib, an “unrecognized” Bedouin village inside Israel proper, whose residents are full Israeli citizens, has not to my knowledge received the same kind of attention from Washington.

The only reason that Susya has is that its demolition would constitute another step in Israel’s de facto annexation of Area C (more than 60 percent of the West Bank) and forcible transfer of Palestinians, precluding the inclusion of Area C into what is supported to be part of a future Palestinian state.

Israeli activists have organized a constant presence in the village as of Friday in solidarity with the people of Susya and to document any actions by Israeli forces. There are also currently petitions circulating in Israel and among Jewish Voice for Peace supporters in the U.S. demanding Israel abort its plan.

Decades of struggle and a history of dispossession

Israel first expelled Susya’s residents from their land in 1986 in order to build a Jewish settlement of the same name, and to establish an archaeological site on top of the Palestinian village. The displaced Palestinians moved the village to their adjacent agricultural lands and have been fighting to subsist there ever since.

The Israeli army, however, never gave Susya’s residents permission to build their homes on the current location. Susya is located in the south Hebron Hills, in Area C of the West Bank, which according to the Oslo Accords is under full Israeli control.

The reason Palestinians in the south Hebron Hills build illegally is because Israeli authorities systematically refuse to grant them building permits or recognize any planning rights. The Israeli army rejects 90 percent of Palestinian planning requests in Area C, and most villages in the area face almost identical restrictions and demolition threats. Settlements for Jewish Israelis, however, continuously pop up in the area.

Last May, the High Court of Justice gave the state the green light to destroy the village at any moment by refusing to issue an injunction until an appeal is heard.

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.