Gruppi musicali abbandonano il festival di Pop-Kultur di Berlino per la sponsorizzazione israeliana

 

Quattro gruppi si sono ormai tirati fuori dal festival di musica Pop-Kultur di Berlino, perché è co-sponsorizzato dall’ambasciata israeliana.

Ali Abunimah   14 agosto 2017

 

Mohammad Abu Hajar (Copertina) della band siriana Mazzaj Rap Band ha annunciato venerdì su Facebook che “ci troviamo in una posizione in cui non ci resta altro che boicottare”.

Abu Hajar ha affermato di essere stato invitato a partecipare al festival con il partner musicale Jemik Jemowit e che la coppia “ha lavorato per molto tempo insieme per preparare un nuovo progetto musicale che unisce la loro musica alle loro  critiche verso la “cultura dell’accoglienza, la purezza della Germania, la fortezza Europa”.

Ma dopo aver appreso della sponsorizzazione israeliana, Abu Hajar ha dichiarato: “Non c’è voluto un minuto per sapere cosa avremmo dovuto fare. Non parteciperemo ad un festival che accetta la partnership con un’ambasciata che rappresenta uno stato e un governo “guidato dal primo ministro Benjamin Netanyahu del partito di destra Likud “, che ha fatto  apertamente  in molte occasioni dichiarazioni anti-arabi, anti-musulmani e mostrato atteggiamenti anti-neri “.

Abu Hajar ha aggiunto che vede il partenariato del festival con l’ambasciata israeliana “come un tentativo di mascherare l’immagine del suo governo e di ottenere approvazione per il suo comportamento”.

Una dichiarazione simile compare sul sito della Mazzaj Rap Band.

Abu Hajar ha ottenuto l’asilo politico in Germania nel 2014 ed è stato precedentemente imprigionato per il suo attivismo da parte del governo siriano.

Non c’è spazio per il razzismo

Abu Hajar ha aiutato a contrastare l’idea che il festival sia stato progettato per promuovere lo scambio culturale e la discussione.

“I gruppi neo-nazisti, razzisti, antisemiti o omofobi non dovrebbero avere vetrine per promuovere odio e i loro atteggiamenti discriminatori”, ha dichiarato Abu Hajar. “Non possiamo considerare la presenza di una band come un’opportunità per uno scambio costruttivo. Il nostro rifiuto di condividere l’evento con i rappresentanti di un governo oppressivo è in linea per capire quanto detto precedentemente “.

“La nostra posizione non è contro una cultura, ma è resistenza contro un governo coloniale discriminatorio”, ha aggiunto Abu Hajar, invitando altri artisti a prendere parte alla causa.

Domenica, il gruppo egiziano Islam Chipsy ha annunciato il suo ritiro imminente  “a causa della partecipazione dell’ambasciata israeliana”.

“Sappiamo chiaramente che attraverso la nostra musica cerchiamo di resistere alla violenza, alla persecuzione e alla discriminazione di ogni genere l’uno contro l’altro”, ha aggiunto la band.

Lunedì il DJ siriano e produttore Samer Saem Eldahr, conosciuto con il nome di Hello Psychaleppo, è stato il terzo gruppo ad abbandonare l’evento sponsorizzato da  Israele.

“Più di un paio di mesi fa, al momento del mio accordo per partecipare al festival,  gli sponsor non erano stati annunciati”, ha scritto Eldahr.

Martedì Emel Mathlouthi è diventata il quarto gruppo ad abbandonare. “Non vedevo l’ora di partecipare all’iniziativa del prossimo mese a Berlino, fino a quando non è stato chiaro che il festival è sponsorizzato dall’ambasciata israeliana”, ha scritto  su Facebook la cantante  tunisina di New York. “Quando ho accettato di fare Pop-Kultur, gli sponsor non erano stati annunciati”.

Resistere al pinkwashing

Il festival di Pop-Kultur si definisce come un’opportunità che offre agli artisti di Berlino e di tutto il mondo per creare nuove opere d’arte e di presentarle in anteprima sul palcoscenico a tutto il mondo”.

Ma nonostante la sua immagine particolare, il festival vanta una serie di sponsor ufficiali, tra cui l’ambasciata israeliana.

La campagna palestinese per il boicottaggio accademico e culturale di Israele chiede di boicottare eventi culturali se sono “parzialmente o totalmente sponsorizzati da un organismo ufficiale israeliano” o da un’altra istituzione complice con Israele alla negazione dei diritti palestinesi.

Pop-Kultur dice anche di “sottolineare l’internazionalità e la diversità sessuale”.

Members of Berlin Against Pinkwashing protested the Israeli embassy’s role in the German capital’s LGBTQ pride parade on 22 July. Anne Paq ActiveStills

Gli attivisti a Berlino hanno contestato a lungo il pinkwashing di Israele – il governo israeliano ha utilizzato il suo supporto  per le persone LGBTQ per promuovere se stesso come “progressista” per il pubblico occidentale – e talvolta sono stati affrontati con violenza dai sostenitori di Israele.

Attivisti e gruppi di solidarietà con la Palestina a Berlino e all’estero si sono avvicinati ad altri artisti disposti a partecipare al festival e li hanno invitati a riconsiderare la loro partecipazione, che gli attivisti affermano senza dubbio, essere strumentalizzato dal ministero degli Esteri israeliano per promuovere i propri obiettivi politici.

 

Trad. Invictapalestina.org

Fonte: https://electronicintifada.net/blogs/ali-abunimah/bands-pull-out-berlins-pop-kultur-festival-over-israeli-sponsorship

 

Gruppi musicali abbandonano il festival di Pop-Kultur di Berlino per la sponsorizzazione israeliana

Gruppi musicali abbandonano il festival di Pop-Kultur di Berlino per la sponsorizzazione israeliana

Contrassegnato con i tag: , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam