GUERRA IN YEMEN, BASTA COMPLICITA’: l’appello dei comboniani al governo italiano

0

Giampaolo Petrucci 04/12/2018, 14:22

Si moltiplicano le voci della società civile e del mondo cristiano che chiedono al governo italiano lo stop dell’export di bombe made in Italy impiegate dalla coalizione a guida saudita contro i ribelli yemeniti houti, in una guerra che ha già causato 50mila vittime (10mila civili) e oltre 2 milioni di sfollati. «L’Italia deve smettere di essere complice della catastrofe umanitaria che si sta consumando nello Yemen», avvertono i missionari comboniani nell’editoriale di dicembre del mensile Nigrizia.

Le bombe prodotte nello stabilimento sardo della Rwm Italia vengono sganciate anche sulla popolazione civile, proseguono i missionari: «In questi anni, l’aviazione saudita ha colpito scuole, mercati, abitazioni, fabbriche, ospedali, strade, porti e campi per la produzione di cibo». Secondo i comboniani è «inconcepibile che si faccia finta di niente e si continui a far soldi esportando i nostri ordigni al regime saudita. È un comportamento ingiustificabile» sotto ogni punto di vista, morale e anche legale, perché «la legge 185 del 1990 ci impedisce di esportare armi a paesi in conflitto».

L’aggressione saudita ha inoltre provocato quella che l’Onu ha definito la più grave crisi umanitaria degli ultimi anni: «Centinaia di migliaia di famiglie nel nord sono rimaste senza reddito», avverte Nigrizia. «C’è il rischio, ammonisce l’Onu, di una imminente carestia su vasta scala: già oggi otto milioni di yemeniti sopravvivono grazie agli aiuti alimentari, ma il numero potrebbe quasi raddoppiare in breve tempo, toccando metà della popolazione. Ancora: 2 milioni di bambini soffrono di malnutrizione e il sistema sanitario è sull’orlo del collasso».

Di fronte a tutto questo non possiamo tacere, invoca l’editoriale, «come cittadini e come missionari comboniani chiediamo al governo italiano l’immediata sospensione di fornitura di armi all’Arabia Saudita e a tutte le parti in conflitto».

Inoltre, i comboniani chiedono al governo di adottare «la risoluzione del Parlamento Europeo che l’ottobre scorso ha votato a favore di un embargo sulla vendita di armi all’Arabia Saudita (il maggior acquirente mondiale con 4,1 miliardi di dollari), agli Emirati Arabi Uniti e gli altri membri della coalizione militare guidata da Riyadh. Spagna, Germania e Paesi Bassi hanno già interrotto la fornitura di armi all’Arabia Saudita. L’Italia ne segua l’esempio».

* Foto di mashleymorgan, tratta da Flickr, immagine originale e licenza. L’immagine è stata tagliata

 

 

GUERRA IN YEMEN, BASTA COMPLICITA’: l’appello dei comboniani al governo italiano

https://www.adista.it/articolo/60325

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.