Haftar che stenta in Libia torna a Washington a chiedere ‘consigli’

0

«Haftar alla Casa Bianca invitato da Trump» rivela Libyan Express. Trump con Merkel in Normandia ha parlato del terrorismo in Libia e dell’offensiva del generale a Tripoli. L’Italia non c’era. Ma dietro c’è molto altro. L’alluvione a Ghat.

Haftar alla Casa Bianca
sorpresa ma non troppo

Haftar che stenta in Libia torna a Washington a chiedere ‘consigli’
‘Offensiva lampo’ per la conquista di Tripoli, arenata da due mesi alla porte della capitale, ed il ‘generalissimo’, autonominato (un altro) ‘maresciallo dell’esercito libico’ (di quale Libia?) ha qualche problema che da militare, diventa politico. E allora lui, cittadino anche americano (mai scordarselo), torna a casa. L’indiscrezione, clamorosa ma ancora senza confermata ufficiale, viene da Libyan Express, secondo cui il generale della Cirenaica, a metà giugno a Washington, si incontrerà con il presidente Donald Trump, col quale finora avrebbe solo parlato al telefono.

Notizia ‘grassa’ e imbarazzi

Dietro all’evento, fine ufficiale della incerta ‘neutralità Usa’ tra le parti libiche, ci sarebbe lo zampino saudita, sostengono i media libici. Utile ricordare che Kalifa Belqasim Haftar, ex fedelissimo del fu colonnello Gheddafi regnante sulla Libia, in rottura col Rais per i suoi insuccessi della guerra in Ciad, fuggì negli Stati Uniti, accolto, coccolato e fatto cittadino. Dettaglio ‘buffo’ (diciamo così) del suo lungo soggiorno americano, la residenza a Langley, sobborgo di Washington dove ha anche sede il quartier generale della Cia. Evviva evviva.

Casa Bianca via Langley?

«La visita, prevista il 18 giugno -dice la fonte all’agenzia di stampa italiana Nova- inizierà con un incontro con il presidente Trump e il generale Haftar alla Casa Bianca alla presenza del segretario di Stato Mike Pompeo». All’ordine del giorno tra i due, raccontano, la lotta alle formazioni terroristiche in Libia, ma forse non è  l’argomento centrale. In Libia la battaglia tra le milizie del premier Serraj e il Libyan national army di Haftar resta bloccata alla periferia della capitale. Problemi militari che potrebbero costringere gli Usa ad uscire alla scoperto su alleanze e interessi in campo.

Intanto è anche alluvione

Negli ultimi giorni però l’attenzione dei media locali va soprattutto alla cittadina sud-occidentale di Ghat, ricorda al mondo Rachele Gonnelli sul manifesto. Quattro giorni da piogge torrenziali che hanno provocato una vera e propria alluvione con morti e oltre duemila sfollati climatici (oltre a quelli di guerra). Ora il timore di epidemie e infezioni in assenza di di aiuti umanitari sia da Bengasi sia da Tripoli. Un Paese con due governi, due parlamenti, due sistemi bancari, eppure la Libia non riesce a soccorrere gli alluvionati di Ghat. Col sindaco che ieri si è rivolto alla vicina Algeria.

 

Haftar che stenta in Libia torna a Washington a chiedere ‘consigli’

Haftar che stenta in Libia torna a Washington a chiedere ‘consigli’

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.