Hagar Shezaf: ISRAELE RIPRENDE A SPRUZZARE PESTICIDI LUNGO IL CONFINE DI GAZA

0

tratto da: FRAMMENTI VOCALI IN MO

Informazioni su questo sito web

 

 

sintesi personale

I pesticidi hanno danneggiato 14.000 dunam di terra agricola a Gaza dal 2014 al 2018, distruggendo tutte le colture seminate lì, afferma il Ministero dell’Agricoltura Palestinese.

Israele ha ripreso a spruzzare pesticidi lungo il confine della Striscia di Gaza, dopo essersi astenuto  dal fare ciò per tutto il 2019.

La scorsa settimana, l’esercito ha spruzzato l’area di confine per tre giorni.

Dal 2014 al 2018 l’esercito ha regolarmente spruzzato il confine in primavera e in autunno. Il ministero della Difesa ha affermato che è necessario spruzzare periodicamente per distruggere la vegetazione che oscura la visione dei soldati della zona e consente ai “terroristi” di nascondersi lì, ma l’anno scorso  Israele si è improvvisamente fermato.

Alla domanda sul perché l’irrorazione è ripresa dopo una pausa di un anno, il ministero ha risposto: La spruzzatura aerea viene effettuata di volta in volta in base alle esigenze di sicurezza, ma esclusivamente all’interno del territorio di Israele“.

Secondo il Ministero dell’Agricoltura palestinese i pesticidi hanno danneggiato 14.000 dunam di terra agricola a Gaza dal 2014 al 2018, distruggendo tutti i raccolti che erano stati seminati lì. Gli agricoltori palestinesi hanno dichiarato ad Haaretz che il 2019, quando non c’è stata alcuna  irrorazione, è stato un anno eccellente per loro.

Il ministero della Difesa ha negato che l’irrorazione abbia danneggiato qualsiasi campo di Gaza. Ha affermato che utilizza solo pesticidi approvati dal Ministero dell’agricoltura israeliano e utilizzati dagli agricoltori nei propri campi sia in Israele che all’estero. Il ministero ha aggiunto di avere esperti che supervisionano la nebulizzazione.

Dopo la ripresa della spruzzatura della scorsa settimana, tre organizzazioni: Gisha, Adalah e Al Mezan  hanno lanciato un appello al ministro della Difesa Naftali Bennett per fermarla  in quanto che c’erano “seri timori” che avessero già danneggiato i contadini della zona.

Anwar Jamali, un contadino di Gaza il cui campo si trova a 300 metri dal recinto di confine, ha riferito che lui e i suoi compagni agricoltori non hanno avuto alcun preavviso: Negli anni precedenti si sono verificati gravi danni“, ha affermato. “A volte dozzine di dunam di grano, orzo e prezzemolo sono stati completamente persi“. Jamali ha aggiunto che la puzza dei pesticidi fa sì che le persone lascino l’area se possono, “ma l’orzo non può alzarsi e andarsene“.

Sia l’agenzia di ricerca Forensic Architecture con sede a Londra che i contadini palestinesi concordano sul fatto che l’irrorazione è effettivamente fatta su Israele. Tuttavia, hanno detto, il vento trasporta i pesticidi a Gaza. Questa affermazione è supportata da videoclip del fumo delle gomme ì bruciate sul lato israeliano poco prima che i pesticidi venissero spruzzati.

Il contratto del Ministero della Difesa con la società che effettua la spruzzatura – una copia della quale è stata ottenuta da Gisha – impone alla compagnia di alzare bandiere e bruciare pneumatici per controllare la direzione del vento prima  di iniziare  a spruzzare.

Il filmato che gli agricoltori palestinesi hanno filmato la scorsa settimana in collaborazione con Forensic Architecture mostra che il vento stava soffiando verso Gaza durante la spruzzatura. Forensic Architectur ha anche raccolto foglie dai campi vicino al recinto il 18 gennaio e, nelle prossime settimane, effettuerà test di laboratorio su di essi per determinare se sono stati danneggiati dai pesticidi.

Uno dei ricercatori dell’agenzia in Israele ha accusato l’esercito di  “reclutare” il vento per i suoi scopi. Il video dimostra che Israele  sapeva con sicurezza dove cadevano  i pesticidi.

Il coordinatore israeliano delle attività governative nei territori ha recentemente pubblicato un post su Facebook a pagamento dove si afferma che i pesticidi utilizzati lungo il confine non danneggiano né la terra né gli esseri umani. I pesticidi sono spruzzati da aerei a bassa quota per garantire che vadano solo dove dovrebbero andare, ha aggiunto, e gli spruzzatori tengono conto della direzione del vento.

Poco dopo, il Ministero dell’Agricoltura palestinese ha pubblicato una risposta denunciando le “bugie” del COGAT esortando i media palestinesi a diffondere il comunicato.

Un rapporto di Forensic Architectur del 2019 ha confermato le affermazioni palestinesi secondo le  quale i pesticidi si diffondono a Gaza, raggiungendo una distanza di oltre 300 metri dalla barriera di confine. Il rapporto ha integrato testimonianze palestinesi, riprese video dell’aprile 2017, fotografie satellitari, dati su tempo e direzione del vento, test di laboratorio sulle foglie danneggiate e sulla composizione chimica del terreno.

ALLEGATI

Hana Salah : Gli agricoltori di Gaza denunciano l’uso di pesticidi da parte di Israele lungo i confini

Amira Hass : I rapporti scomparsi sugli erbicidi a Gaza

Israel has resumed spraying herbicides along the border of the Gaza Strip, after having refrained from aerial spraying throughout 2019.

Last week, the army sprayed the border area for three days.

Forensic Architecture

From 2014 through 2018, the army regularly sprayed the border every spring and fall. The Defense Ministry said periodic spraying is necessary to destroy vegetation that obscures soldiers’ view of the area and allows “terrorists” to hide there. But last year, it suddenly stopped.

When asked why the spraying has resumed after a year’s hiatus, the ministry replied, “Aerial spraying is done from time to time based on security needs, but solely within Israel’s territory.”

According to the Palestinian Agriculture Ministry, the herbicides damaged 14,000 dunams of agricultural land in Gaza from 2014 through 2018, destroying all the crops that had been sown there. In contrast, Palestinian farmers told Haaretz that 2019, when there was no spraying, was an excellent year for them.

The Defense Ministry denied that the spraying damaged any Gazan fields. It said it only uses herbicides that are approved by the Israeli Agriculture Ministry and used by farmers on their own fields both in Israel and abroad. The ministry added that it has experts oversee the spraying.

After the spraying resumed last week, three organizations – Gisha, Adalah and Al Mezan – appealed to Defense Minister Naftali Bennett to stop it, saying there were “serious fears that it had already harmed farmers in the area.

————————————————————————

 

Hagar Shezaf

 

Hagar Shezaf

 

https://frammentivocalimo.blogspot.com/2020/01/hagar-shezaf-israele-riprende-spruzzare.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.