Hamas accetta accordo per rilascio Shalit. Mediatore l’Egitto. Speriamo

M.O.: HAMAS ACCETTA ACCORDO PER RILASCIO SHALIT, EGITTO MEDIATORE =(AGI) –

Gerusalemme, 9 mag. –

Hamas avrebbe dato il suo assenso in via di principio alla liberazione del soldato israeliano, Gilad Shalit, rapito dal gruppo islamista il 25 giugno 2006. A riferirlo e’ stata l’emittente al-Jazira, secondo cui il piano – che prevede uno scambio del militare ebraico con diversi prigionieri palestinesi – e’ stato messo a punto dall’Egitto.
Il quotidiano israeliano Haaretz ha tuttavia precisato, citando fonti del Cairo, che le trattative tra le due parti non sono ancora iniziate. Ma il nuovo esecutivo egiziano, dopo aver sponsorizzato l’accordo di riconciliazione tra Fatah ed Hamas firmato il 3 maggio al Cairo, starebbe esercitando forti pressioni sull’organizzazione islamista affinche’ si arrivi presto a una definizione della questione. E tra breve, almeno secondo quanto riferito da fonti qualificate, il governo egiziano dovrebbe presentare il piano a un inviato israeliano, forse il mediatore David Meidan, recentemente nominato dal premier Benjamin Netanyahu e atteso al Cairo a breve.
Secondo Al Jazira la liberazione di Shalit, di cui tra poco piu’ di un mese ricorrera’ il quinto anniversario della cattura, era stata discussa dalle autorita’ egiziane direttamente con il leader di Hamas, Khaled Meshal, quando questi si trovava al Cairo per la cerimonia di riconciliazione con Fatah. E proprio il riavvicinamento tra le due fazioni palestinesi rivali potrebbe aver favorito lo sblocco della situazione. Alle elezioni che si terranno nei Territori, infatti, il gruppo islamista dovra’ presentarsi di fronte all’opinione pubblica con alcuni obiettivi raggiunti: costringere Israele a un compromesso sullo scambio di prigionieri potrebbe essere uno di questi, considerata anche la legittimazione che ne deriverebbe.
Noam Shalit, il padre del soldato rapito, ha affermato di non aver ricevuto alcuna informazione in merito ad un possibile accordo tra Hamas e Tel Aviv. Israele continua a lavorare per riportare a casa Gilad Shalit, “tenuto in ostaggio da un nemico crudele”, ha assicurato ieri Netanyahu durante una cerimonia per il Giorno della Memoria a Gerusalemme. (AGI)
RmM. O.: HAMAS ACCETTA ACCORDO PER RILASCIO SOLDATO SHALIT

Commento:  spero che Shalit sia restituito alla sua famiglia al più presto. Un’inutile atto di crudeltà rifiutare l’intervento della Croce Rossa 

Pubblicato da arial
Contrassegnato con i tag: , , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam