Hebron: Youth Against Settlements lancia campagna di resistenza all’occupazione

0

(Hebron, 02/10/2012)

La campagna “Rimanere Saldi” è stata lanciata venerdì scorso, dallo Youth Against the Settlements (YAS) per aiutare le famiglie che abitano aree soggette quotidianamente agli attacchi dei coloni ebrei e dell’esercito di occupazione. La campagna intende rafforzare i cittadini contro la Giudaizzazione e la confisca di terre a Hebron.

Essa è iniziata a casa di ‘Emad Abu Solar nei circondari di Tel Rumeida, dove i volontari di YAS hanno ritinto gli esterni della casa e hanno riparato l’impianto elettrico, il sistema di approvvigionamento di acqua e la fognatura. Sono state anche installate grate protettive e rimosso il filo spinato lasciato dall’esercito di occupazione e dai coloni. Sono state infine  ripulite le aree esterne. Il lavoro è stato condotto da 20 volontari con varie professionalità relative alla ristrutturazione di case.

L’ingegnere Issa Amro, coordinatore dello YAS, ha detto che la campagna è iniziata deliberatamente in coincidenza con il dodicesimo anniversario della Intifada detta di al-Aqsa. Questo per dimostrare che la resistenza continua in molte forme a dispetto della continua pressione da parte della colonizzazione e dell’occupazione. Amro ha aggiunto: “Il nostro programma visiterà molte famiglie in varie parti di Hebron per aiutarle il più possibile a rimanere nelle loro case. Il numero di artigiani e ingegneri è però basso e la campagna ha bisogno di più volontari con diverse specializzazioni.”

Amro desidera che la campagna rappresenti un incentivo per le istituzioni palestinesi e i cittadini al fine di fornire servizi e aiuto concreto alle famiglie della regione.

(FD)

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.