Herzog atteso dai coloni di Hebron, protestano palestinesi e pacifisti

556

Di Michele Giorgio

Il presidente israeliano ha scelto di recarsi oggi nella zona H2 della città cisgiordana, al centro di tensioni e violenze, per l’accensione della candela dell’Hannukah segnalando una particolare vicinanza ai settler.

Avrebbe potuto recarsi in tanti luoghi per celebrare la prima notte della festività ebraica dell’Hannukah. Invece l’ex leader laburista Isacc Herzog, da qualche mese capo dello Stato di Israele, per questa tradizionale occasione sarà oggi al Tomba dei Patriarchi nella zona H2 di Hebron, la parte della città che gli Accordi del 1997 hanno assegnato temporaneamente al controllo di Israele e dove sono insediati centinaia di coloni israeliani ritenuti tra i più oltranzisti. Si tratta del luogo dove la tradizione religiosa, islamica ed ebraica, vuole siano stati sepolti Abramo e alcuni membri della sua famiglia. Ed è un punto di tensione elevata sin dall’inizio della seconda Intifada 21 anni fa, dove i coloni fanno il bello e il cattivo tempo tra circa 20mila residenti palestinesi, non pochi dei quali hanno preferito lasciare la zona H2 per sottrarsi ad abusi e all’impossibilità di condurre una esistenza normale. Un clima che è ben rappresentato dalle strade deserte e dai negozi palestinesi chiusi. Ed è ancora vivo il ricordo del massacro di 29 palestinesi in preghiera nella Tomba dei Patriarchi compiuto nel 1994 da un colono del vicino insediamento di Kiryat Arba, Baruch Goldstein.

Herzog conosce bene la situazione nella città, quindi la sua decisione è consapevole e manda un segnale preciso: sono il presidente di tutti gli israeliani, anche di quelli che infrangendo le leggi internazionali sono andati vivere nei Territori occupati palestinesi, come i coloni a Hebron. Le proteste fioccano. Non solo dei palestinesi che annunciano manifestazioni oggi contro l’arrivo di Herzog – il movimento islamico Hamas che vanta ad Hebron molti simpatizzanti – ha chiesto alla popolazione di sollevarsi e di fare il possibile per impedire la visita di Herzog alla Tomba dei Patriarchi – ma anche di gruppi israeliani come Peace Now, Breaking the Silence, Crime Minister, Mothers Against Violence che accusano il presidente di essersi schierato con gli «autori (i coloni, ndr) della grande ingiustizia che si svolge quotidianamente a Hebron» per  ottenere il loro appoggio, e di voler legittimare «il regime dell’apartheid e la violenza dei coloni contro i residenti palestinesi della città». Peace Now afferma che «è inconcepibile che il presidente, che dovrebbe essere una figura unificante, scelga tra tutti i posti per accendere la prima candela (dell’hannukah) nel luogo diventato il bastione del kahanismo (estrema destra, ndr) e un simbolo di oppressione e violenza».

La città vecchia di He30bron – foto: Shady Giorgio

Un editoriale del quotidiano Haaretz definisce la visita di Herzog «Un gesto di riconoscimento e solidarietà con i coloni più violenti e un’ulteriore prova che Hebron occupata è stata annessa a Israele, almeno de facto. Altrimenti, il presidente non ha motivo di andarci». A Herzog, prosegue l’editoriale, non verrà in mente di incontrare, durante la sua visita, le vittime dei coloni e di riconoscere così l’apartheid che viene praticato in città».

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.