HIROSHIMA, 31 AGOSTO 2019 – di Ludovica Ruggeri

0

31 agosto alle ore 13:34

Hiroshima, 31 agosto 2019,

Ludovica: Guarda dove sono! Da qui è più facile, caro Nandino, ma in ogni parte del mondo non dovremmo dimenticare fin dove può arrivare la follia della guerra…

Nandino: Mamma mia, Ludo, se solo pensassimo a cosa causerebbero oggi le 15.000 testate nucleari che non vogliamo eliminare, pronte ad incendiare il mondo. E pensa che da luglio 2019 i cosiddetti “grandi” della terra hanno deciso di cancellare definitivamente il Trattato che impediva la proliferazione nucleare!

Ludovica: Guardando qui in Giappone i memoriali delle infinite forme di morte causate dalla bomba atomica capisco perché in Italia ci sono tanti ostinati costruttori di pace che denunciano le inutili spese per le armi e provocano le nostre coscienze indifferenti.

Nandino: E nessuno sa che anche l’Italia possiede 90 testate nucleari, negli aeroporti di Ghedi e di Aviano ma i nostri governanti fanno finta di non sapere e noi teniamo a due passi da casa un ordigno che può distruggere tutto e tutti. Che follia! Cosa possiamo fare?

Ludovica: Intanto potremmo pensarci di più e raccontarlo soprattutto ai bambini . Qui ad Hiroshima mi hanno raccontato delle gru di Sadako e rientrata in Italia insegnerò ai bambini a far nostro il sogno di questa ragazza. La leggenda in Giappone dice che se si realizzano mille origami a forma di gru (Senbazuru) si può esprimere un desiderio di pace. Anche Sadako Sasaki (7 gennaio 1943- 25 ottobre 1955) era a conoscenza di questa leggenda quando si ammalò di leucemia in seguito alle radiazioni rilasciate dalla bomba atomica. Le fu diagnosticata una grave forma di leucemia e in ospedale, con le amiche, cominciò a realizzare le gru di origami, coinvolgendo tutto l’ospedale. Qui le versioni della leggenda sono diverse: al Museo della Pace di Hiroshima dicono che Sadako nell’agosto del 1955, pochi mesi prima di morire, sia riuscita a farne 1000.

Nandino: Ma quando torni, Ludo, ricordiamoci di coinvolgere gli scout nel costruirne ancora un bel po’, perché temo che il desiderio di Sadako, per realizzarsi, abbia ancora bisogno del sogno di tanti.

L'immagine può contenere: spazio all'aperto
L'immagine può contenere: 2 persone, tra cui Ludovica Ruggeri, persone che sorridono, cielo, spazio all'aperto e acqua

HIROSHIMA, 31 AGOSTO 2019

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.