I coloni demoliscono i negozi palestinesi chiusi nella Città Vecchia di Hebron

331

Articolo pubblicato su +972 Magazine e tradotto dall’inglese dalla redazione di Bocche Scucite

Di Basil Adra e Yuval Abraham

Le rovine dei negozi palestinesi dopo che sono stati rasi al suolo dai coloni israeliani, Città Vecchia di Hebron, Cisgiordania occupata, 22 luglio 2022. (Per gentile concessione di Breaking the Silence)

Per due decenni, i coloni hanno saccheggiato e bruciato i negozi palestinesi chiusi dall’esercito israeliano. Ora li stanno buttando giù per espandere un insediamento.
Tareq al-Kiyal aveva un negozio nella Città Vecchia di Hebron. Per più di 20 anni, gli è stato impedito di accedervi dopo che l’esercito ne aveva ordinato la chiusura e vietato ai palestinesi di entrare nell’area. Ora giace in rovina, dopo che un colono israeliano ha distrutto il negozio con un bulldozer il mese scorso.

Il negozio di Al-Kiyal non è stato l’unico; il 6 luglio, i coloni hanno distrutto quattro negozi palestinesi che l’esercito israeliano aveva chiuso per la prima volta all’indomani del massacro della Moschea Ibrahimi nel 1994, quando un colono israeliano uccise 29 fedeli musulmani. Sette anni dopo, al culmine della Seconda Intifada, l’esercito ha emesso un ordine formale di chiusura. Secondo i residenti palestinesi, altri due negozi sono stati parzialmente distrutti dai coloni.

I negozi si trovavano nell’area conosciuta come mercato Kiyal (noto anche come “mercato dei cammelli”), a pochi metri dal complesso dell’insediamento di Avraham Avinu, nel cuore di Hebron. In passato, i negozianti palestinesi vi vendevano dolci, farina e formaggi. “Era la principale fonte di reddito per la mia famiglia allargata”, ha detto al-Kiyal. “Abbiamo circa 20 negozi e magazzini in quest’area”.

Un funzionario dell’Amministrazione Civile – il ramo dell’esercito israeliano responsabile della vita quotidiana dei palestinesi nella Cisgiordania occupata – ha descritto le azioni dei coloni come “lavori di pulizia”, che secondo lui sono stati eseguiti “senza autorizzazione e senza coordinamento preventivo”. Il portavoce dell’Amministrazione Civile ha dichiarato che, dopo l’intervento dell’esercito, “i lavori sono stati immediatamente interrotti, senza alcun danno alle proprietà”.

Ma la documentazione dei palestinesi del giorno delle demolizioni mostra il bulldozer in azione, e una visita al sito due settimane fa ha rivelato che sono stati fatti danni considerevoli agli edifici. “Nulla si muove nella Città Vecchia – e certamente nessun bulldozer entra e distrugge edifici – senza il via libera dell’esercito”, ha detto al-Kiyal.

Soldati israeliani pattugliano Shuhada Street nella città di Hebron, in Cisgiordania, mentre centinaia di ebrei ortodossi arrivano per pregare alla Grotta del Patriarca, durante la festività ebraica della Pasqua. 16 aprile 2014. (Miriam Alster/Flash90)

Dalla Seconda Intifada, circa 2.500 negozi palestinesi sono stati chiusi nell’area conosciuta come H2 – la parte del centro di Hebron sotto il controllo civile e militare israeliano che ospita circa 35.000 palestinesi. Alcuni negozi sono stati chiusi a causa di ordini militari, mentre altri sono stati abbandonati dai proprietari a causa delle severe restrizioni imposte dall’esercito alla circolazione dei palestinesi nell’area.

Quello che era il centro commerciale della Cisgiordania meridionale è diventato una città fantasma, che comprende diverse strade che i palestinesi non possono quasi più utilizzare. Circa 800 coloni ebrei vivono nell’area sotto la piena protezione di un numero analogo di soldati, beneficiando della legge civile israeliana mentre i loro vicini palestinesi vivono sotto il dominio militare.

“In passato, c’era un vivace mercato commerciale”, ha ricordato al-Kiyal. “Nel 2001, i negozi della mia famiglia sono stati chiusi da un ordine militare. Negli anni successivi, i coloni hanno cercato di scardinare le porte e di trasformare il posto in un parcheggio per le loro auto. Ora hanno semplicemente distrutto i nostri negozi”. I membri della famiglia hanno presentato una denuncia alla polizia, che ha dichiarato che “dopo aver ricevuto la denuncia, è stata aperta un’indagine, che è nelle sue fasi iniziali e nell’ambito della quale saranno svolte tutte le azioni necessarie per raggiungere la verità”.

L’obiettivo è eliminare i palestinesi dall’area

I danni agli edifici palestinesi chiusi non sono un fenomeno nuovo. Hagit Ofran, direttrice del programma Settlement Watch di Peace Now, che monitora e fa campagne contro le costruzioni israeliane nella Cisgiordania occupata, ha descritto cosa si prova a camminare tra questi negozi in strade riservate ai soli ebrei: “Ci sono negozi in cui sbircio all’interno e vedo un ristorante con un calendario sul muro in cui l’anno è ancora il 2001. Le sedie sono sollevate, come prima di pulire i pavimenti a fine giornata. Sul tavolo ci sono ancora le ricevute dei clienti.

Un ragazzo palestinese cammina vicino ai soldati israeliani nella Città Vecchia di Hebron, Cisgiordania occupata, 4 luglio 2014. (Nati Shohat/Flash90)

“Un anziano palestinese, che aveva un negozio dove vendeva olio, mi ha detto che non riesce ancora a entrarci per svuotarlo delle sue attrezzature”, ha continuato Ofran. “Ancora oggi ha apparecchi costosi lì dentro”.

I coloni hanno iniziato a fare irruzione in questi negozi dopo la loro chiusura in seguito al massacro della Moschea Ibrahimi, e soprattutto durante la Seconda Intifada. “Hanno fatto dei buchi nei muri e sono entrati negozio per negozio, attraverso i muri, saccheggiando”, ha spiegato Ofran. Ancora oggi, di tanto in tanto, irrompono in un altro negozio e prendono ciò che è rimasto al suo interno”.

“Alcuni negozi sono diventati spazi ricreativi, mentre in altri vivono ancora persone. Hanno semplicemente preso il sopravvento. Molti negozi sono diventati magazzini per i coloni. Ho visto materassi, attrezzi da giardino e tavoli all’interno”.

Tawfiq Jahshan è il direttore del dipartimento legale del Comitato per la Costruzione di Hebron, un’organizzazione palestinese che lavora per lo sviluppo economico della Città Vecchia e per documentare le violazioni dei diritti umani nella zona. Ha raccontato a +972 che i palestinesi presenti sul posto hanno chiamato la polizia mentre i coloni stavano distruggendo gli edifici. “Al telefono ci hanno detto che i coloni operano lì in modo indipendente, senza alcun collegamento con l’esercito, e che verranno ad arrestarli. E in effetti, dopo di ciò, le demolizioni si sono fermate e abbiamo presentato una denuncia alla polizia”.

Secondo Jahshan, durante la Seconda Intifada l’esercito ha emesso 512 ordini di chiusura, presumibilmente temporanei, per negozi di proprietà palestinese nella zona. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, i proprietari dei negozi vivono nelle vicinanze e stanno ancora aspettando di riaprirli.

“Gli ordini di chiusura sono stati emessi con il pretesto della sicurezza, ma ciò che è accaduto dimostra che il vero obiettivo è quello di eliminare i palestinesi dall’area e trasferire la terra nelle mani dei coloni”, ha detto Jahshan. “I negozi che sono stati distrutti si trovano a 30-40 metri dall’insediamento di Avraham Avinu. Li hanno distrutti in modo che sia possibile espandere ulteriormente [l’insediamento]”.

Hanno trasformato questo posto in un museo dell’apartheid”

Secondo una presentazione preparata dall’Amministrazione Civile nel 2001 sul tema “Violazioni legali – Ebrei” nella città di Hebron, i coloni agiscono secondo un metodo “sistematico e pianificato” per introdursi negli edifici e nei negozi palestinesi che sono stati chiusi da ordini militari. In una diapositiva intitolata “Il metodo”, vengono descritte tre fasi: i leader dei coloni “identificano un obiettivo” – un edificio o un negozio di proprietà palestinese; i giovani coloni fanno irruzione, saccheggiando o incendiando le attrezzature all’interno; infine, entrano nell'”obiettivo” attraverso un buco praticato nel muro interno, in un cortile o in uno stretto passaggio, con l’obiettivo di stabilirvisi. La presentazione contiene un lungo elenco di negozi di proprietà palestinese che i coloni hanno bruciato o saccheggiato in questo modo.

Nell’ultima diapositiva, l’Amministrazione civile esprime preoccupazione per i danni all’immagine di Israele derivanti da queste azioni. “Le attività ebraiche a Hebron, così come descritte, vengono ritratte, anche se in modo errato, come se fossero fatte sotto la copertura del governo israeliano”, si legge nella presentazione. “Lo Stato di Israele fa una pessima figura nei confronti dello Stato di diritto a Hebron”.

Imad Abu Shamsiyah, la cui casa si trova nella Città Vecchia di Hebron, ha documentato nel 2016 l’esecuzione di un aggressore palestinese disarmato da parte del soldato israeliano Elor Azaria. Da allora, Abu Shamsiyah è stato vittima di continue vessazioni sia da parte dei coloni che delle forze di sicurezza israeliane.

Oggi Abu Shamsiyah è a capo di un’organizzazione di volontari chiamata Human Rights Defenders, i cui volontari documentano la dura realtà che li circonda e la caricano su Facebook, compreso il video di qualche settimana fa in cui i coloni demoliscono i negozi palestinesi. In un altro video recente caricato sulla pagina Facebook, si vedono i coloni che conquistano una casa palestinese nella Città Vecchia.

Mentre Abu Shamsiyah parlava dei negozi distrutti, i soldati trattenevano un ragazzo palestinese al checkpoint vicino. Nella zona H2, che ammonta a circa il 20% dell’area totale di Hebron, l’esercito israeliano ha istituito circa 20 posti di blocco, rendendo la circolazione dei palestinesi nell’area difficile fino a essere quasi impossibile. Alcuni giovani si sono avvicinati ai soldati e Abu Shamsiyah ha gridato loro di stare lontani.

Ha spiegato che i soldati permettono l’ingresso nell’area solo ai palestinesi che fanno parte di una lista limitata di proprietari di appartamenti. “I miei genitori, ad esempio, non possono venire a trovarmi. Non potranno entrare nel quartiere attraverso il checkpoint. Sono fuori dalla lista. Anche mio figlio non può venire a trovarmi. È stato arrestato diverse volte, quindi il suo nome è stato cancellato.

“La distruzione dei negozi è una piccola parte di una grande ingiustizia”, ha continuato Abu Shamsiyah. “Una volta questo era il centro della città. Ricordo che da qui prendevamo i taxi per Jaffa, Yatta e Gaza. Ora è tutto deserto. Hanno trasformato questo posto in un museo dell’apartheid”.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.