I coloni distruggono 1200 ulivi palestinesi vicino a Hebron

0
96

domenica 29 marzo 2015

immagine1

L’ULIVO, L’ALBERO DELLA PACE, PER I COLONI ISRAELIANI E’ SOLO UN DISTURBO.

I coloni distruggono 1200 ulivi palestinesi vicino a Hebron

Pubblicato oggi 10:02

Hebron (Ma’an) – Sabato i coloni israeliani hanno distrutto più di 1.000 alberi di ulivo vicino al villaggio di al-Shuyukh a nord di Hebron, nel terzo attacco sui mezzi di sussistenza degli abitanti del villaggio nella memoria recente. L’attivista locale Ahmad al-Halayqa ha detto a Ma’an che gli israeliani del vicino insediamento di Asfar, noto anche come Metzad, hanno attaccato il villaggio e distrutto 1.200 alberi. Ha detto che tutti gli alberi distrutti erano stati recentemente piantati in seguito ad un attacco simile portato da individui dello stesso insediamento che avevano distrutto alberi nella zona il mese scorso. Egli ha detto che gli alberi nella zona appartenevano al contadino palestinese locale, Muhammad Abu Shanab al-Ayaydah così come ai figli di Abd al-Qader Abu Shanab al-Ayaydah e Mousa Abu Shanab al-Ayayadah.

Al-Halayqa ha detto a Ma’an che l’insediamento di Asfar si trova sui terreni confiscati, da parte delle autorità israeliane, ai residenti palestinesi di al-Shuyukh, e ora sperano di espandere il territorio sotto il loro controllo rilevando l’area in cui sono stati presi di mira gli ulivi .

Gli attacchi contro gli ulivi sono un modo fondamentale con cui i palestinesi sono costretti ad andare via dalle loro case e dalle loro terre confiscate per la costruzione degli insediamenti, in quanto la perdita del raccolto di un anno può significare la miseria per molti. Gli attacchi sono abbastanza frequenti per cui i palestinesi non possono più accedere regolarmente ai loro alberi, nel frattempo i coloni possono sostenere che i palestinesi hanno abbandonato le proprietà e quindi prenderne possesso.

Dal 1967, circa 800.000 alberi di ulivo sono stati sradicati nella Cisgiordania occupata, secondo un rapporto congiunto da parte dell’Autorità e palestinese e dall’Istituto di Ricerca Applicata di Gerusalemme. L’industria delle olive sorregge il sostentamento di circa 80.000 famiglie nella Cisgiordania occupata. La violenza dei coloni contro i palestinesi e le loro proprietà nella Cisgiordania occupata è sistematica e ignorata dalle autorità israeliane, che raramente intervengono negli attacchi violenti o perseguono gli autori. Ci sono stati 324 episodi di violenza dei coloni contro i palestinesi nella Cisgiordania occupata nel 2014, secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari.

http://www.maannews.com/eng/ViewDetails.aspx?ID=760161

Tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

………………………………………………………………………………………………………….

Settlers destroy 1200 Palestinian olive trees near Hebron

Published today 10:02
immagine2

Armed settlers overlook a Palestinian village south of Nablus during confrontations following the setting on fire of Palestinian-owned fields on Jan. 1, 2010. (AFP/Jaafar Ashtiyeh)

HEBRON (Ma’an) — Israeli settlers on Saturday destroyed more than 1,000 olive trees near the village of al-Shuyukh north of Hebron, in the third such attack on the villagers’ livelihood in recent memory.

Local activist Ahmad al-Halayqa told Ma’an that Israelis from the nearby settlement of Asfar, also known as Metzad, attacked the village and destroyed 1,200 trees.

He said that all of the destroyed trees had been recently planted following a similar attack by individuals from the same settlement which had destroyed trees in the area last month.

He said that the trees in the area belonged to local Palestinian farmer, Muhammad Abu Shanab al-Ayaydah as well as the children of Abd al-Qader Abu Shanab al-Ayaydah and Mousa Abu Shanab al-Ayayadah.

Al-Halayqa told Ma’an that the settlement of Asfar is located on land confiscated by Israeli authorities from Palestinian residents of al-Shuyukh, and now they hope to expand the land under their control by taking over the area where the olive trees were targeted.

Attacks on olive trees are a key way that Palestinians are forced out of their homes and their lands confiscated for settlement construction, as the loss of a year’s crop can signal destitution for many.

If attacks are frequent enough that Palestinians can no longer access their trees regularly, meanwhile, settlers can argue that Palestinians have abandoned the properties and thus take possession of them as well.

Since 1967, approximately 800,000 olive trees have been uprooted in the occupied West Bank, according to a joint report by the Palestinian Authority and the Applied Research Institute Jerusalem.

The olive industry supports the livelihoods of roughly 80,000 families in the occupied West Bank.

Settler violence against Palestinians and their property in the occupied West Bank is systematic and ignored by Israeli authorities, who rarely intervene in the violent attacks or prosecute the perpetrators.

The were 324 incidents of settler violence against Palestinians in the occupied West Bank in 2014, according to the UN Office for the Coordination of Humanitarian Affairs.

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.