I COLONI ISRAELIANI FERISCONO DUE BAMBINI PALESTINESI DURANTE GLI ULTIMI ATTACCHI

0
300

tratto da: Beniamino Benjio Rocchetto

sabato 23 gennaio 2021  15:14

I figli di Alaa Sawafta, di sei e tre anni, feriti nella recrudescenza incontrollata della violenza contro i palestinesi in Cisgiordania.

Majd, sei anni, è stato colpito in faccia da un sasso lanciato dai coloni israeliani (Social media)L’auto di Alaa Sawfta dopo l’attacco (Social media)

Di Akram Al-Waara – 22 gennaio 2021

Un bambino palestinese di sei anni e suo fratello di tre sono stati feriti giovedì sera dopo che un gruppo di israeliani a volto coperto hanno attaccato a sassate l’auto della loro famiglia fuori dalla città di Ramallah, nella Cisgiordania occupata.

Majd, sei anni, ha riportato ferite al volto dopo essere stato colpito da una pietra, mentre Jad è stato ferito da un vetro rotto. Il loro padre, Alaa Sawfta, è rimasto relativamente illeso, mentre la madre è stato ferita al braccio da un altro sasso lanciato contro il veicolo.

La famiglia aveva appena lasciato la loro casa a Ramallah e stava andando a visitare i parenti nella città di Tubas, nel nord della Cisgiordania. Era un viaggio che Sawafta, sua moglie e i figli facevano alla fine di ogni settimana, e all’inizio tutto sembrava normale.

Erano circa le 20:10, quindi non era affatto tardi“, ha detto Sawafta. “Eravamo in viaggio quando due figure sul ciglio della strada hanno iniziato a farci segno con le torce.

All’inizio, Sawafta pensava che le due persone fossero agenti della polizia israeliana che gli segnalavano di accostare.

Non riuscivo a capire che aspetto avessero perché era buio e c’è pochissima illuminazione sulla strada, ma chi altro usa torce simili oltre agli agenti di polizia?” mi chiesi. “Così ho iniziato a rallentare e ad accostare.

Questa, ha detto Sawafta, è stata una decisione che rimpiangerà per sempre.

Solo due secondi dopo che mi sono fermato, decine di persone sono sbucate dal nulla dai lati della strada e hanno iniziato a prendere a sassate la macchina“, ha detto.

Quando vide i loro vestiti e che alcuni di loro erano mascherati, portando coltelli, mazze, grossi bastoni ed enormi pietre, Sawafta si è reso conto che la sua famiglia era sotto attacco da parte di un gruppo di coloni israeliani.

Hanno iniziato a lanciare grosse pietre contro la macchina e a colpirla con bastoni, mazze e altri oggetti“, ha detto Sawafta. “Eravamo nel panico, i finestrini erano completamente in frantumi, mia moglie e i miei figli urlavano e piangevano, non sapevamo cosa stesse succedendo“.

A un certo punto, ha detto Sawafta, i coloni hanno iniziato a tirare violentemente le maniglie delle porte dall’esterno dell’auto, nel tentativo di aprirle. “Grazie a Dio avevamo le porte bloccate. Penso che stessero cercando di tirarci fuori dall’auto e ucciderci.

Fu a quel punto, disse, che si rese conto di dover fare tutto il possibile per sfuggire ai coloni. “Ho premuto sull’acceleratore e in qualche modo sono riuscito a eluderli e scappare“, ha detto Sawafta.

Se fossimo rimasti bloccati lì più a lungo, sono sicuro che ci avrebbero ucciso.”

SOTTO SHOCK

Dopo la sua scampata fuga, Sawafta ha guidato l’auto con la sua famiglia fino a un checkpoint israeliano in prossimità dell’insediamento di Beit El, appena fuori dalla strada principale.

Avevamo bisogno di aiuto, e questi soldati al checkpoint erano la cosa più vicina che potevamo trovare“, ha detto.

Secondo Sawafta, quando si è avvicinato al checkpoint, i soldati israeliani gli hanno puntato contro le armi e l’hanno avvertito di non avvicinarsi.

Ho iniziato a gridare e dire loro che avevamo bisogno di aiuto, mostrandogli i miei figli in macchina che erano coperti di sangue“, ha detto. “Gli dissi che eravamo stati attaccati dai coloni e li ho pregati di chiamarci un’ambulanza“.

Dopo più di mezz’ora di attesa al checkpoint e tentando di calmare i suoi figli, che Sawafta ha descritto come molto agitati, è arrivato un medico israeliano in motocicletta.

Il medico israeliano ci ha prestato i primi soccorsi finché non è arrivata un’ambulanza palestinese che ci ha trasportati all’ospedale di Ramallah. Ci hanno sottoposto a una serie di esami e alla fine siamo stati dimessi, ma siamo dovuti tornare la mattina dopo per ulteriori controlli.

Secondo Sawafta, mentre la sua famiglia era in ospedale, un certo numero di altri palestinesi è entrato per le ferite che sostenevano fossero state subite negli attacchi dello stesso gruppo di coloni.

Sono ancora scioccato per quello che è successo“, ha detto Sawafta. “Non abbiamo dormito tutta la notte, non possiamo credere di essere stati attaccati in quel modo e di essere sopravvissuti“.

È inimmaginabile la sensazione di sapersi in pericolo di vita e sentirsi nell’impotenza di difendere e proteggere la tua famiglia, tua moglie e i tuoi figli“, ha detto.

Sawafta dice che sta ancora cercando di capire perché i coloni abbiano attaccato la sua famiglia in quel modo, ma è sicuro che la sua auto è stata presa di mira a causa della targa palestinese.

Si capiva la premeditazione, lasciavano passare le auto israeliane finché non hanno visto la nostra macchina e ci hanno fermato“, ha detto. “Questo è ciò che fanno i coloni. Commettono questo tipo di attacchi perché odiano il popolo palestinese e stanno facendo tutto il possibile per intimidirci e impadronirsi della nostra terra.

ATTACCHI IN AUMENTO

Sawafta crede che l’attacco alla sua famiglia non sia stato una coincidenza, ma parte di uno “sforzo coordinato dei coloni in Cisgiordania contro i palestinesi”, aggiungendo: “Abbiamo visto attacchi come questi che si verificano quasi ogni giorno nelle ultime settimane.”

Gruppi e attivisti per i diritti umani hanno fatto affermazioni simili, con l’organizzazione israeliana per i diritti umani Yesh Din che ha riferito che oltre all’attacco alla famiglia Sawafta, giovedì sera ci sono stati diversi episodi di coloni israeliani che hanno bloccato strade e raccordi in tutta la Cisgiordania, così come lanciare pietre contro le auto palestinesi.

Secondo Wafa, l’agenzia di stampa ufficiale dell’Autorità Palestinese, tre degli attacchi ai veicoli palestinesi avvenuti giovedì sera “sono avvenuti in presenza delle forze di occupazione israeliane, che non hanno fatto nulla per fermare i coloni e anzi hanno fornito loro protezione“. L’esercito non ha commentato l’accaduto.

Yesh Din ha affermato di aver documentato 44 attacchi di coloni contro i palestinesi nelle ultime settimane. L’aumento degli attacchi ultranazionalisti è qualcosa che i media israeliani hanno attribuito all’uccisione da parte della polizia israeliana di un colono di 16 anni, ucciso in un inseguimento della polizia dopo aver presumibilmente attaccato i palestinesi con le pietre a fine dicembre.

Solo nell’ultima settimana, i media locali palestinesi hanno segnalato episodi di coloni che hanno attaccato case a Masaffer Yatta a sud di Hebron, molotov lanciate contro case a sud di Nablus e l’aggressione a una bambina di 11 anni nella città di Madama, nella zona di Nablus.

Se si guarda agli attacchi dei coloni israeliani dalla fine del 2020 all’inizio del 2021, c’è un forte aumento del numero di attacchi“, ha detto Hani Nassar, ricercatore sul campo per Defence for Children International – Palestine (DCIP).

È anche molto chiaro che gli attacchi vengono organizzati e coordinati, non solo tra i coloni, ma anche con i soldati“.

Nassar ha inoltre posto la questione che i soldati israeliani rimanessero a guardare e consentissero gli attacchi. “Ci sono soldati israeliani di stanza vicino o intorno al luogo degli attacchi dei coloni“, ha detto.

Ad esempio, nel caso dell’undicenne Hala Qat di Madama, Nassar ha raccolto le testimonianze di vicini e testimoni oculari che hanno dichiarato che c’erano soldati israeliani di stanza sulla collina nelle vicinanze quando i coloni si sono scagliati conto la casa di Qat e hanno iniziato a lanciarle pietre mentre era seduta sul balcone, ferendole la testa.

I soldati, racconta Nassar, hanno visto i coloni scendere dall’insediamento di Yitzhar vicino a Madama, attaccare la casa della famiglia e ritirarsi al sicuro nell’insediamento. “E i soldati non hanno fatto nulla per fermarli“, ha detto.

Sono certo al 100% che ci sia una connessione tra questi attacchi dei coloni e le autorità israeliane, polizia e soldati”, ha detto Nassar. “Questa non è solo violenza dei coloni, questa è violenza di stato, gestita dal governo e dall’occupazione“.

La mancanza di responsabilità da parte delle autorità israeliane per i coloni che commettono questi crimini, afferma Nassar, è ciò che ritiene essere uno degli incentivi per i coloni a continuare a commettere attacchi contro i palestinesi.

Se questi fossero palestinesi che attaccano gli israeliani, le autorità userebbero ogni risorsa a loro disposizione, soldati, funzionari di polizia e di intelligence, per arrestare e imprigionare i palestinesi“, ha detto Nassar. “Ma quando sono gli israeliani a commettere i crimini, nessuno interviene“.

Sawafta ha fatto eco ai sentimenti di Nassar, aggiungendo che sebbene intenda sporgere denuncia contro i coloni che hanno attaccato la sua famiglia, ha ben poche speranze di ottenere giustizia.

Le autorità israeliane che ci aspettiamo ci aiutino in queste situazioni, sono le stesse che stanno consentendo ai coloni di commettere questa violenza“, ha detto Sawafta.

A chi dovrei chiedere aiuto, alla polizia israeliana? Forse apriranno un’indagine, ma alla fine la chiuderanno senza risultati, come fanno sempre“, ha aggiunto.

Alla fine, i coloni hanno il via libera dal governo israeliano per attaccarci e ucciderci. E poiché non vengono mai perseguiti, continueranno a farlo senza conseguenze.

Traduzione: Beniamino Rocchetto
https://www.facebook.com/morfeus.morfeus.395/posts/870167443776111?__cft__[0]=AZXcYQ2lAAP3WEku3ifexn92kN9x4hAHvHkXS5b6pyx_Go5-FqT8UTCgdwYnBOMX2Aaykjbabp_8LCwf7Y3uGItKOAZKb5hE8woM4RdD-fbzPluW1KZlvz212xqDx0DRzjU&__tn__=%2CO%2CP-R

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.