I coloni israeliani prendono il controllo delle proprietà e dei terreni palestinesi a Gerusalemme est

633

tratto da: http://reteitalianaism.it/reteism/index.php/2021/04/08/coloni-israeliani-prendono-il-controllo-di-proprieta-e-terreni-palestinesi-a-gerusalemme-est/

https://www.middleeasteye.net/

8 aprile 2021

Tre edifici residenziali e un appezzamento di terreno venduto in segreto espandono la presenza dei coloni in aree per lo più palestinesi della capitale contesa.

Una bandiera israeliana è appesa a un edificio abitato da coloni israeliani nel quartiere Silwan di Gerusalemme est occupata, 15 giugno 2016 (AFP)

Secondo l’agenzia di stampa Wafa, giovedì mattina più di 100 coloni israeliani hanno preso possesso di proprietà e terreni palestinesi nel quartiere di Silwan, Gerusalemme est occupata.

Accompagnato dalla polizia israeliana e da guardie di sicurezza private, il gruppo è arrivato alle 2 del mattino a Silwan, un’area alla periferia della città contesa, e si è trasferito in tre edifici e un appezzamento di terreno di proprietà di residenti palestinesi.

Dal 2007, l’area di Silwan è stata un sito di scavi per gli archeologi israeliani che sperano di trovare la città biblica di David.

Il Wadi al-Hilweh Information Center, che monitora le violazioni israeliane e gli scavi archeologici dei coloni nella zona, ha dichiarato in un documento che i proprietari degli edifici non erano presenti quando i coloni e la polizia sono arrivati.

Ateret Cohanim, un’associazione di coloni attiva a Silwan, al-Bustan, Batn al-Hawa e Wadi al-Hilweh, tutti quartieri a sud della moschea di Al-Aqsa, ora ha il controllo degli edifici di quattro piani e del terreno, secondo Wadi al -Hilweh.

Due degli edifici appartenevano alla famiglia Awad, che vive ancora nelle vicinanze e afferma di averli venduti a due palestinesi quattro mesi fa.

La famiglia ha detto di essere stata sorpresa di apprendere che le proprietà erano state vendute segretamente a coloni israeliani, aggiungendo che uno dei termini dell’accordo di vendita ai due uomini era “consultare la famiglia Awad su qualsiasi vendita futura e non venderla agli ebrei“.

Il terzo edificio residenziale, anch’esso di quattro piani, e con un seminterrato, apparteneva a un uomo che non era in zona quando i coloni sono arrivati ​​nelle prime ore del giovedì mattina.

L’appezzamento di terreno era di proprietà della famiglia Abu Sbieh, che ha affermato di essere stato venduto a un altro uomo, secondo Wadi al-Hilweh.

Giovedì i coloni israeliani hanno installato due stanze e una scala sul terreno, hanno aperto un nuovo ingresso a uno degli edifici e vi hanno issato bandiere israeliane, installando telecamere a circuito chiuso nell’area.

Turismo biblico
Attualmente, 400 coloni israeliani vivono in circa 12 aree – protetti dall’esercito israeliano e dalla polizia militare – in mezzo ai circa 55.000 palestinesi di Silwan, al-Bustan, Batn al-Hawa e Wadi al-Hilweh.

A marzo, centinaia di palestinesi a Gerusalemme est hanno protestato contro il progetto del comune israeliano di demolire 100 proprietà per far posto a un parco turistico “biblico” nell’area di al-Bustan.

Il comune sta portando avanti il ​​suo piano per costruire il parco Gan Hamelech sul terreno di al-Bustan e collegarlo al parco archeologico della città di David. Ciò richiederà la demolizione di 100 proprietà, che ospitano quasi 1.550 palestinesi, il 63% dei quali sotto i 18 anni di età.

Le autorità israeliane hanno anche annunciato a novembre che stavano iniziando i lavori di scavo nell’area di Silwan per preparare la costruzione di una funivia, un progetto controverso che altererebbe drasticamente la storica Città Vecchia di Gerusalemme ed espandere la presenza israeliana nei quartieri a maggioranza palestinese.

Le demolizioni israeliane di case palestinesi ad al-Bustan sono state giustificate con il fatto che i residenti non avevano un permesso di costruzione. Tuttavia, Israele rende praticamente impossibile per i palestinesi ottenere quei permessi, mentre il governo israeliano annuncia ed espande regolarmente gli insediamenti a Gerusalemme est e nella Cisgiordania occupata.

 

http://reteitalianaism.it/reteism/index.php/2021/04/08/coloni-israeliani-prendono-il-controllo-di-proprieta-e-terreni-palestinesi-a-gerusalemme-est/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.