Home Primo Piano I cristiani continuano a lasciare Gerusalemme per la grave situazione di instabilità

I cristiani continuano a lasciare Gerusalemme per la grave situazione di instabilità

501

Articolo pubblicato originariamente su Al-Monitor

Di Ahmed Melhem

Il numero dei cristiani a Gerusalemme continua a diminuire a causa della continua instabilità politica e del deterioramento delle condizioni economiche, spingendo le chiese locali e il clero a dare l’allarme.
cristiani

RAMALLAH, Cisgiordania — Il numero dei cristiani a Gerusalemme è in costante calo a causa dell’instabilità politica e del deterioramento dell’economia, e ora rappresentano meno dell’1% della popolazione della città.

Quattro anni dopo aver lasciato Gerusalemme diretta a  Chicago negli Stati Uniti, per Clara Nasrallah, 27 anni, è molto difficile tornare in patria oggi, soprattutto dopo essere diventata madre.

Clara è nata e cresciuta nel quartiere musulmano della Città Vecchia di Gerusalemme e ha studiato economia aziendale all’Università di Bethlehem. Nel 2018 si è sposata e ha seguito suo marito negli Stati Uniti.

Ha dichiarato ad Al-Monitor: “Prima del matrimonio, ero contraria all’idea di emigrare e mi chiedevo sempre perché le persone lo facessero. Ho sempre avuto un profondo attaccamento a Gerusalemme, ma il matrimonio è stato un punto di svolta per me”.

“Prima di diventare mamma,  pensavo di tornare un giorno a Gerusalemme. Ma dopo la nascita del bambino, è diventato difficile tornare per molte ragioni, comprese le opportunità di lavoro, la stabilità e la libertà che invece ho trovato qui. Gerusalemme è la mia città e spero che la situazione migliori un giorno in modo da poter tornare”, ha aggiunto.

Il marito di Clara Nasrallah si era trasferito con la sua famiglia negli Stati Uniti più di 10 anni fa, quando a suo padre fu offerta un’opportunità di lavoro. Negli States ha completato gli studi studiò e ha iniziato a lavorare mentre a Gerusalemme è difficile trovare lavoro e stabilità a causa dell’occupazione israeliana.

“Ho zii e zie che hanno lasciato il paese per gli Stati Uniti e l’Australia anni fa, e tutti quelli che hanno avuto un’opportunità all’estero se ne sono andati. La situazione a Gerusalemme non permetteva di trovare un lavoro, di assicurare una vita stabile e di costruire un futuro per i figli, in particolare i cristiani che si sentono una minoranza”.

Il numero dei cristiani a Gerusalemme è in rapido calo, a causa dell’instabilità politica e di sicurezza e delle precarie condizioni economiche peggiorate con la pandemia di COVID-19. 

Wadih Abu Nassar, portavoce del Consiglio dei capi delle chiese cattoliche a Gerusalemme, ha detto ad Al-Monitor che il numero dei cristiani a Gerusalemme è calato drasticamente nel corso della recente storia. Sebbene nel 1922 costituissero circa il 25% della popolazione di Gerusalemme, ora costituiscono meno dell’1% (meno di 10.000 persone).

“Gerusalemme è la città delle tre religioni: Islam, Cristianesimo ed Ebraismo”, ha detto Abu Nassar. “Il Cristianesimo sta quasi scomparendo, e questo è un elemento di preoccupazione per il carattere e l’identità della città. La minoranza numerica, sia etnica, settaria o religiosa, vive in subbuglio e si preoccupa più di ogni altro gruppo”.

Per mantenere i cristiani nella città e sostenere la loro resilienza, Abu Nassar ha affermato che le chiese si prendono cura delle famiglie povere e creano progetti abitativi, opportunità di lavoro e scuole. 

La pandemia di COVID-19 ha peggiorato la situazione ulteriormente. Le donazioni straniere alle chiese sono diminuite, così come il turismo, che rappresentava per i cristiani una fonte di reddito. Di conseguenza, molti hanno perso il lavoro. Inoltre, le chiese sono state chiuse per lunghi periodi e le proprietà cristiane e i luoghi santi a Gerusalemme non sono stati risparmiati dai progetti di insediamento .

I patriarchi e i capi delle chiese di Gerusalemme hanno sottoscritto in una dichiarazione congiunta nel dicembre 2021 la loro preoccupazione per la “attuale minaccia alla presenza cristiana in Terra Santa”, sottolineando che “In tutte le parti della città di Gerusalemme i cristiani sono diventati il bersaglio di ripetuti e continui attacchi da parte di gruppi estremisti”.

La dichiarazione citava “innumerevoli attacchi fisici e verbali contro sacerdoti e altri membri del clero, per non parlare degli attacchi alle chiese cristiane, vandalismo e profanazione di luoghi santi, nonché le continue intimidazioni ai cristiani locali che cercano semplicemente di svolgere i loro rituali liberamente e andare avanti con la loro vita quotidiana”. 

La strategia in atto è “un tentativo sistematico di spingere la comunità cristiana fuori da Gerusalemme e da altre parti della Terra Santa”, hanno dichiarato.

Read more: https://www.al-monitor.com/originals/2022/04/christians-continue-leave-jerusalem-amid-ongoing-instability#ixzz7QckR4rLk

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com