I piloti della compagnia El Al pregano i colleghi internazionali di rifiutarsi di far volare i rifugiati in Africa

209

 

Copertina: I rifugiati africani sostengono cartelloni durante una dimostrazione sulle vie di Tel Aviv, Israele

di Daniel K. Eisenbud, 24 gennaio 2018

I piloti della compagnia El Al (la principale compagnia aerea e la compagnia di bandiera di Israele) si rifiutano di trasportare in Africa rifugiati eritrei e sudanesi nel mezzo di un piano aggressivo di espulsione da parte del governo israeliano,  mercoledì hanno contattato i loro colleghi internazionali nel tentativo di non far decollare tutti i potenziali voli di espulsione verso pericolosi paesi terzi.

L’iniziativa, lanciata due settimane fa dall’ONG Zazim Community Action, arriva nel momento in cui il ministero dell’Interno intende, in  aprile, imprigionare indefinitamente o deportare con la forza in Ruanda migliaia dei 38.000 rifugiati.

Secondo Raluca Gena, CEO della ONG, la campagna online è il primo passo verso una serie di attività contro ciò che loro, e molte altre organizzazioni per i diritti umani e comunità ebraiche in tutto il mondo, ritengono una deportazione immorale.

“I piloti [El Al] hanno chiesto a compagnie aeree straniere – alcune delle quali stanno già partecipando all’espulsione – di non collaborare, e il loro messaggio può avere un grande impatto su queste aziende”, ha detto Gena mercoledì.

“Stiamo assistendo a un’ondata senza precedenti di protesta da parte di cittadini di ogni ceto sociale”, ha proseguito. “Se questa ondata continuerà – ed è responsabilità di ognuno di noi far sì che continui -fermerà il governo israeliano dal deportare i rifugiati verso la morte”.

Ad oggi, Gena ha detto che i piloti hanno contattato i colleghi di Turkish Airlines, Royal Jordanian ed Ethiopian Airlines nelle loro lingue native per far cessare qualsiasi cooperazione con il governo israeliano nel deportare i rifugiati.

Uno dei piloti di El Al, Ido Elad, ha scritto su Facebook la scorsa settimana: “Ho raggiunto molti dei miei migliori amici dichiarando che non farò volare i profughi verso la morte. Non sarò partner di questa barbarie.”

Notando gli stessi pericoli che gli ebrei hanno affrontato nel corso della storia, il pilota Yoel Piterbarg ha pubblicato una lunga missiva su Facebook che spiega perché si rifiuta di riportare i rifugiati in Africa.

“Lo Stato di Israele è popolato principalmente da ebrei che erano nel loro lontano e recente passato rifugiati in tutti i paesi del mondo”, ha scritto Piterbarg. “Molti di loro hanno vissuto l’Olocausto, molti sono stati espulsi con la forza dai loro paesi e molti sono emigrati volontariamente per migliorare la loro situazione in paesi migliori che sono stati d’accordo ad accettarli e a prendersi cura di loro”.

Piterbarg ha proseguito: “Siamo proprio noi, gli ebrei, che dobbiamo essere attenti, empatici, morali e leader di opinione pubblica nel mondo per affrontare l’immigrazione di rifugiati che hanno sofferto e soffrono nei loro paesi di origine”.

Mentre il pilota ha ammesso la necessità di controllare la migrazione, cosa che a partire dallo scorso anno il paese è riuscito a fare al 100%, ha insistito affinché i richiedenti asilo che sono ora in Israele siano trattati con compassione.

“I rifugiati dovrebbero rimanere ed essere trattati come esseri umani – proprio come gli ebrei erano rifugiati e volevano essere trattati come esseri umani e non buttati fuori”, ha scritto. “Martin Luther King ha detto che le cose terribili della storia non sono avvenute a causa delle persone cattive che li hanno commessi, ma a causa delle” brave persone “che tacquero quando è successo”.

Un terzo pilota di El Al, Shaul Betzer, ha anche dichiarato su Facebook che non aiuterà il governo nelle deportazioni tuttora in sospeso.

“Non c’è modo che io, come parte di un equipaggio di volo, partecipi a portare rifugiati / richiedenti asilo verso una destinazione in cui le loro possibilità di sopravvivenza sono minuscole”, ha scritto.

Gena ha detto che dall’inizio della campagna, oltre 10.000 cittadini israeliani interessati hanno inviato appelli personali alla Israel Aircraft Association, alla Israeli Pilots Association e alle compagnie che forniscono i servizi di terra all’aeroporto Ben Gurion per i voli internazionali.

“Sono incoraggiata nel vedere che i piloti hanno iniziato a rispondere alla nostra chiamata”, ha detto lunedì, facendo notare che si è ispirata alla campagna dei piloti tedeschi che recentemente si sono rifiutati di trasportare oltre 200 rifugiati deportati in paesi pericolosi.

“Crediamo che abbiamo il potere e la capacità di rifiutarci di prendere parte alla brutale espulsione”.

Nel frattempo, il primo ministro Benjamin Netanyahu e il ministero dell’Interno continuano a sostenere che la grande maggioranza dei rifugiati sono “infiltrati” e “migranti economici”, non vittime di genocidio.

Martedì, l’ambasciata del Ruanda ha rilasciato una dichiarazione in cui  nega categoricamente l’esistenza di più rapporti secondo cui ha accettato un “accordo segreto” proveniente da Netanyahu per assorbire i rifugiati forzatamente deportati a $ 5.000 a testa.

“In riferimento alle voci che sono state recentemente diffuse nei media, il governo del Ruanda desidera informare che non ha mai firmato alcun accordo segreto con Israele per quanto riguarda il trasferimento di migranti africani”, ha detto.

“La posizione del Ruanda sui migranti, provenienti da qualsiasi paese, è stata informata e plasmata da un sentimento di compassione nei confronti di fratelli e sorelle africani che oggi stanno morendo in alto mare, venduti sui mercati come bestiame, o espulsi dai paesi in cui cercavano riparo.”

Il governo ha aggiunto: “Il Ruanda è pronto ad aiutare, in qualsiasi modo pur se limitato, accogliendo chiunque arrivi ai suoi confini in cerca di una casa.

Trad. Carmela Ieroianni – Invictapalestina.org

Fonte: http://www.jpost.com

 

I piloti della compagnia El Al pregano i colleghi internazionali di rifiutarsi di far volare i rifugiati in Africa

https://www.invictapalestina.org/archives/31054

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.