Il 29 Marzo con la Solidarity March attraverso i villaggi di At-Tuwani, Ar-Rakeez, Al Mufaqarah e Khallet Athaba si è conclusa l’iniziativa del Freedom Bus.

0
MARZO 31, 2013 AT 6:46 PM

gaza

Il Freedom Theatre di Jenin è arrivato a Tuwani il 24 sera con circa 50 partecipanti da tutto il mondo. Durante la settimana gli internazionali hanno aiutato i palestinesi nei lavori presso la scuola e nella costruzione di una piccola casa di pietra su Khelly Hill per accogliere i bimbi di Tuba e Maghayr Al Abeed durante le attese della scorta militare.

L’esercito israeliano è stato presente nel villaggio tutta la settimana per monitorare e limitare le azioni degli internazionali ma tutte le iniziative sono andate avanti lo stesso e ogni sera gli artisti hanno coinvolto gli abitanti con musica e spettacoli teatrali.
Il 29 Marzo i soldati e la polizia israeliana hanno tentato di fermare la marcia, e hanno aggredito e ferito diversi partecipanti. Un internazionale ha riportato una slogatura alla caviglia e altri sono stati colpiti alla testa con il calcio del fucile. Si stima che alla marcia abbiano partecipato circa 150 persone.Durante la marcia Luke Nephew, poeta e attivista del Freedom Bus, è stato arrestato dell’esercito israeliano.
Nephew, residente a New York, USA, è stato allontanato dal gruppo e portato alla stazione di polizia di Kiryat Arba, dove lo hanno informato che sarebbe stato rimpatriato.

 Questo arresto è avvenuto a seguito del tentato arresto di Abu Mosa, membro del Comitato Popolare locale, che ha perso i sensi mentre era detenuto dall’esercito israeliano ed è stato portato via dall’ambulanza presente.

Le forze di sicurezza israeliane aveano già in precedenza interferito con questa iniziativa. Infatti ad alcuni artisti arabi provenienti dall’Egitto, dalla Tunisia e dal Sudan che hanno cercato di partecipare all’evento, sono stati negati i permessi di viaggio da parte della Amministrazione Civile Israeliana.

La marcia ha comunque continuato il suo percorso anche dopo l’arresto, ed è stata arricchita da incontri con le comunità locali, dibattiti e musica. Si sono uniti alla marcia musicisti palestinesi e artisti, tra cui Abu Naji, rinomato poeta tradizionale Zajaal, e musicisti di Ard il Toot band.

http://tuwaniresiste.operazionecolomba.it/?p=2221

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.