Il bimbo palestinese arrestato e il padre bendato e legato

0

Una serie di video mostrano la vicenda scandalosa dell’arresto del bambino palestinese di 5 anni. E quello che è successo dopo…

redazione

 venerdì 12 luglio 2013 10:20

immagine1

La prima parte della storia del bimbo palestinese arrestato dai soldati israeliani armi in pugno per aver tirato un sasso. Ecco una serie di video di Manal al-Ja’bari di B’Tselem

Il primo arresto

Nella sua testimonianza a B’Tselem, Karam Maswadeh ha detto: “Quando sono arrivato a casa, ho visto alcuni soldati in piedi all’ingresso di casa mia. Un ufficiale è venuto da me e mi ha ordinato di consegnare mio figlio, Wadi’a. Prima avevano cercato di convincere mia moglie ma lei si era rifiutata di consegnare il bambino farlo fino a quando non fossi tornato. L’ufficiale mi ha detto che stava per arrestare Wadi’a. Gli ho chiesto: “Perché arrestare un bimbo di cinque anni?” Un soldato in piedi accanto al funzionario mi ha mostrato una pietra e ha affermato che mio figlio l’aveva gettata, e che aveva colpito l’auto di un colono. Ho cercato di convincere l’ufficiale di non prendere Wadi ‘a, ma ha detto che mi avrebbero arrestato. Sono andato all’interno della casa e mio figlio stava piangendo.”

Padre e figlio sono stati portati alla base militare, dove sono stati trattenuti per mezz’ora. Poi, i soldati hanno ammanettato e bendato Karam e lo hanno accompagnato pubblicamente, insieme con il figlio, al posto di blocco dove i soldati li hanno tenuti per altri trenta minuti. A quel punto un ufficiale ha interrogato il bimbo. E ha anche rimproverato i soldati per aver arrestato il padre e il figlio in presenza di telecamere, dicendo: “Si sta danneggiando la nostra immagine pubblica”. L’ufficiale ha chiarito ai soldati che, quando ci sono le telecamere in giro, i detenuti devono essere “trattati bene”. Poi, uno dei soldati slegato le mani del padre, ha tolto la benda e gli ha dato l’acqua. Pochi minuti dopo i due sono stati portati in una stazione di polizia palestinese, dove sono stati brevemente interrogati e rilasciati.

La seconda parte documentata dal volontario ‘Imad abu-Shamsiyeh per B’Tselem:

Padre e figlio detenuti al checkpoint

L’arrivo degli ufficiali

Il trasferimento

http://www.globalist.it/Detail_News_Display?ID=46656&typeb=0&Il-bimbo-palestinese-arrestato-e-il-padre-bendato-e-legato

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.