Il comandante dei droni dell’esercito israeliano: gli attacchi chirurgici erano la chiave nell’Operazione Pilastro della Difesa

sabato 16 novembre 2013

 immagine1

PARLA L’UOMO DEI DRONI ISRAELIANI CHE FECERO SCEMPIO DI GAZA UN ANNO FA

Il comandante dei droni dell’esercito israeliano: gli attacchi chirurgici erano la chiave nell’Operazione Pilastro della Difesa

Un anno dopo l’operazione dell’IDF a Gaza, il comandante dell’esercito discute l’utilizzo della IDF di veicoli aerei senza equipaggio e le implicazioni per gli operatori di droni a terra.

Di Gili Cohen | novembre 16, 2013

Un anno dopo la fine della Operazione Pillar of Defense , il comandante della prima squadriglia degli Heron-1, veicoli aerei senza equipaggio, si è espresso circa il ruolo giocato dai droni in essa, e circa i soldati che li manovrano da lontano.

Secondo il settimanale Economist , l’assassinio mirato di Ahmed Jabari, che ha aperto l’ operazione della IDF a Gaza , è stato effettuato con un aereo drone telecomandato Hermes 450 . In un documento che ha raggiunto Wikileaks, l’ex avvocato generale militare e attuale segretario di gabinetto Magg. Gen. (Res.) Avichai Mandelblit è citato come dicendo che l’IDF usa i droni senza pilota armati per eliminare i militanti armati via aerea.

Questi droni senza pilota hanno giocato un ruolo importante in tale operazione, ma l’IDF non conferma l’uso di armi controllate a distanza. “Non posso riguardare le citazioni o messaggi in Wikileaks”, dice il tenente colonnello Shay, sottolineando che il suo squadrone si concentra sulla raccolta di informazioni e “a garantire che facciamo tutto il possibile per evitare di colpire civili che non sono designati come bersagli. “

Secondo i dati forniti dalla organizzazione dei diritti umani B’Tselem, 167 palestinesi sono morti in nell’Operazione Pilastro della Difesa, una cifra che comprende 87 uomini non combattenti , donne e bambini. L’IDF ha presentato numeri diversi, mettendo il numero delle vittime non combattenti a 60.

Un avvenimento straordinario è stato l’attacco alla casa della famiglia Al-Dalou, in cui sono morti 12 palestinesi – tra cui quattro bambini e cinque donne della stessa famiglia. L’avvocato generale della IDF ha deciso sei mesi fa che nessuna indagine penale sarebbe stata lanciata, dal momento che nessuna azione criminale aveva avuto luogo.

Spetta agli operatori di droni senza pilota verificare che che non ci sono civili non coinvolti nelle vicinanze di un attacco. Questo è particolarmente un problema significativo se si considerano le condizioni di sovraffollamento della Striscia di Gaza: un errore di giudizio o l’analisi di una fotografia aerea può facilmente provocare la morte di civili innocenti. “In ultima analisi, siamo in guerra”, spiega il comandante. “Per quanto l’esercito israeliano si sforza di realizzare gli attacchi chirurgiche più precisi, gli errori possono capitare in aria o per terra. Questo è parte delle nostre condizioni di funzionamento con questi sistemi. “

“L’Operazione Pillar of Defense è finita come doveva , a causa di questi interventi chirurgici”, aggiunge. “Quando prendiamo il volo ci rendiamo conto che parte della nostra missione è garantire il minimo di vittime civili .”

La mancanza di discussione all’interno di Israele circa l’uso dei droni, che secondo fonti estere controllate da operatori situati lontano dalla zona di attacco, non incide sul modo in cui vengono utilizzati, né pregiudica gli operatori, dice Shay.

“Come comandante di questa squadra, che si occupa principalmente nella raccolta di intelligence, abbiamo a che fare con questi dilemmi morali per tutto il tempo. Noi non abbiamo riserve circa il nostro modo di operazioni, dal momento che sappiamo che noi facciamo del nostro meglio per compiere la nostra missione di colpire i terroristi, mentre provochiamo il minimo danno alle persone non coinvolte “.

Quando gli hanno chiesto a quanti dei 1.235 attacchi della Air Force segnalati in quell’operazione fosse stato coinvolto il suo
squadrone , egli ha risposto: “Molti di loro”. Durante gli otto giorni del l’Operazione Pillar of Defense il suo squadrone ha quadruplicato le sue normali ore di volo. Ciò ha avuto conseguenze per gli operatori dei droni, che hanno lavorato più ore, partecipando alla battaglia, mentre erano fisicamente assenti.

Secondo una ricerca condotta dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, il tasso di operatori di droni che soffrono di stress post-traumatico è pari al tasso visto nei piloti da combattimento che sorvolavano Iraq e in Afghanistan. Il Ten. Col. Shay dice che ha letto questi rapporti, ma non gli pare che questo accada nel suo squadrone. “Io non vedo tali intense risposte post-traumatiche , come riportato in tale ricerca. Come comandanti noi abbiamo a che fare con problemi simili, ma con tutti i nostri dilemmi morali e le domande che sorgono di fronte, parte del processo è capire che non abbiamo altra scelta se non quella di affrontare alcuni di queste situazioni sgradevoli. Dove viviamo, la minaccia è immediata, e c’è sempre una comprensione della necessità di proteggere le nostre case. Credendo nella giustezza della nostra causa, mentre impiegano il nostro miglior giudizio, rende gli operatori a loro agio con quello che fanno, capiscono la necessità. Si rendono conto che si trovano ad affrontare i dilemmi che non sono di fronte a tutti “.

Nel corso dell’ultimo anno, l’IDF è stata alle prese con la spinosa questione di come definire un combattente IDF. Gli operatori di droni ricadono tra le categorie, pur fisicamente non prendendo parte ai combattimenti, ma sono intimamente coinvolti durante tutto il corso dei combattimenti.

Gli operatori di droni stessi hanno opinioni divise in materia. Alcuni ex militari dicono che spesso partecipano alla battaglia più di un soldato di fanteria che attende i suoi ordini al di fuori della zona di combattimento.

Il Ten. Col. Shay non esita a definire i suoi uomini come combattenti. “Ma capisco il concetto di mettere la tua vita in prima linea. Come comandante, vedo la differenza. “I suoi uomini, dice, stanno partecipando ad azioni richieste da” un nuovo mondo di contenuti, uno diverso. ” Ma mentre il mondo sta cambiando, conclude, la loro missione rimane la stessa – difendere le loro case.

tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

……………………………………………………………………………….

ARTICOLO ORIGINALE

http://www.haaretz.com/news/diplomacy-defense/.premium-1.558353

Israeli army’s drone commander: Surgical strikes were key in Operation Pillar of Defense

One year following the IDF operation in Gaza, the army commander discusses the IDF’s use of unmanned aerial vehicles and the implications for the drone operators on the ground.

By | Nov. 16, 2013 | 6:19 PM

immagine1

IDF drone base.Photo by Olivier Fitoussi

One year after the end of Operation Pillar of Defense, the commander of the first squadron of the Heron-1 unmanned aerial vehicles has spoken out about the role drones played in it, and about the soldiers who man them from afar.

According to the weekly Economist, the targeted assassination of Ahmed Jabari, which opened the IDF’s operation in Gaza, was carried out using an unmanned Hermes 450 drone. In a document which reached Wikileaks, the former military advocate general and current cabinet secretary Maj. Gen. (Res.) Avichai Mandelblit is quoted as saying that the IDF uses armed unmanned drones to eliminate armed militants from the air.

Such unmanned drones played a major part in that operation, but the IDF does not confirm using remotely controlled weapons. “I can’t relate to quotes or posts in Wikileaks”, says Lt. Col. Shay, stressing that his squadron focuses on intelligence gathering and “on ensuring that we do everything possible to avoid harming civilians who aren’t designated as targets.”

According to figures provided by the human rights organization B’Tselem, 167 Palestinians died in Operation Pillar of Defense, a figure which includes 87 non-combatant men, women and children. The IDF presented different numbers, putting the number of non-combatant victims at 60.

One outstanding incident was the attack on the house of the Al-Dalou family, in which 12 Palestinians died – among them four children and five women from the same family. The IDF advocate general decided six months ago that no criminal investigation would be launched, since no criminal actions had taken place.

The onus is on the operators of unmanned drones to verify that that there are no uninvolved civilians in the vicinity of an attack. This is particularly a significant issue when considering the overcrowded conditions of the Gaza Strip: An error in judgement or in the analysis of an aerial photograph can easily result in the death of innocent civilians. “Ultimately, we are at war,” explains the commander. “As much as the IDF strives to carry out the most precise surgical strikes, mistakes can happen in the air or on the ground. That’s part of our operational conditions with these systems.”

“Operation Pillar of Defense ended the way it did because of these surgical operations,” he adds. “When we take to the air we understand that part of our mission is to ensure minimal civilian casualties.”

The absence of discussion within Israel about the use of drones, which according to foreign sources are controlled by operators situated far away from the strike zone, does not impact the way they are used, nor does it affect the operators, says Shay.

“As the commander of this squadron, which deals mostly in collecting intelligence, we deal with such moral dilemmas all the time. We have no reservations about our mode of operations, since we know that we do our best to fulfill our mission of striking at terrorists while causing minimal harm to uninvolved people.”

When asked in how many of the Air Force’s reported 1,235 strikes in that operation was his squadron involved, he replied, “Many of them.” During the eight days of Operation Pillar of Defense his squadron quadrupled its normal flying hours. This had implications for the drone operators, who worked longer hours, participating in the battle while physically absent from it.

According to research conducted by the U.S. Defense Department, the rate of drone operators who suffer from post-traumatic stress is equal to the rate seen in combat pilots who flew over Iraq and Afghanistan. Lt. Col. Shay says that he’s read these reports but does not see this happening in his squadron. “I don’t see such intense post-traumatic responses, as reported in that research. As commanders we do have to deal with similar problems, but with all the moral dilemmas facing us and the questions that arise, part of the process is to understand that we have no choice but to deal with some of these unpleasant sights. Where we live, the threat is immediate, and there is always an understanding of the need to protect our homes. Believing in the justice of our cause, while employing our best judgement, makes the operators comfortable with what they do, they understand the necessity. They realize that they face dilemmas not everyone faces.”

Over the last year, the IDF has been grappling with the thorny issue of how to define an IDF combatant. Drone operators fall in-between categories; they do not physically take part in battles, but are intimately involved throughout the course of the fighting.

The drone operators themselves have split opinions on the matter. Some former soldiers say that they often participate in the battle more than an infantry soldier who waits for his orders outside the fighting zone.

Lt. Col. Shay is unhestitant to define his men as fighters. “But I understand the concept of putting your life on the line. As a commander, I see the difference.” His men, he says, are participating in actions demanded by “a new world of content, a different one.” But while the world is changing, he concludes, their mission remains the same – defending their homes.

Contrassegnato con i tag: , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam