IL GINOCCHIO SUL COLLO, DA TEMPO UN PUNTO FERMO DELL’OCCUPAZIONE ISRAELIANA IN PALESTINA

0
1739

tratto da: rete Italiana ISM

31 maggio 2020

 https://www.trtworld.com/magazine

I palestinesi che vivono sotto l’occupazione militare israeliana affrontano da tempo il tipo di brutalità attuata da alcuni agenti di polizia statunitensi contro gli afro-americani.

Gli agenti di polizia israeliani arrestano un manifestante palestinese durante le colluttazioni fuori dalla moschea di Al Aqsa nella città vecchia di Gerusalemme, il 12 marzo 2019. (Reuters)

Un’immagine ormai infame di un ufficiale di polizia bianco inginocchiato sul collo di un uomo afroamericano, che sarebbe poi morto, ha causato indignazione globale e violenti disordini negli Stati Uniti.

Catturata dal video, la morte di George Floyd è stata apparentemente la goccia che ha fatto traboccare il vaso in quanto è arrivata dopo diverse altre uccisioni di alto profilo di diversi altri afro-americani da parte della polizia o di sospetti che non hanno affrontato conseguenze legali immediate.

Per una comunità, la violenza sproporzionata affrontata dai neri per mano delle forze di polizia statunitensi ha una risonanza speciale in quanto riflette le proprie esperienze con le autorità.

Per i palestinesi che vivono sotto l’occupazione militare a Gerusalemme est e in Cisgiordania occupata, i peggiori eccessi di questo genere, che sono stati osservati negli Stati Uniti di recente, sono un evento quasi quotidiano.

All’indomani dell’uccisione di Floyd, i palestinesi si affrettarono a tracciare parallelismi tra le immagini finali dell’uomo che soffriva sotto il ginocchio dell’ufficiale e immagini di situazioni simili delle forze di occupazione israeliane che trattengono le loro vittime soffocandole.

Incredibile come la stessa cosa succeda in Palestina ma il mondo scelga di ignorarla, ha scritto sul suo Twitter l’atleta palestinese Mohammad Alqadi su quattro immagini separate di soldati israeliani che bloccano i palestinesi a terra con le ginocchia sul collo o sulla testa.

Anche le uccisioni di palestinesi da parte delle forze israeliane sono frequenti: nel 2019, 135 palestinesi sono stati uccisi dalle forze israeliane con 108 a Gaza e altri 27 in Cisgiordania, secondo le Nazioni Unite.

Le somiglianze non finiscono qui, poiché alcuni attivisti hanno tracciato parallelismi tra il modo in cui la polizia americana ha gestito le proteste contro la brutalità della polizia a seguito della morte di Floyd e il modo in cui Israele ha affrontato le proteste a Gaza.

Tali confronti vengono forniti con avvertimenti, poiché gli agenti di polizia statunitensi, nonostante le polemiche sulla loro tattica, non si sono ancora nemmeno avvicinati ai numeri di uccisioni che Israele ha operato nelle proteste della Marcia del Ritorno a Gaza nel 2018, per esempio. Tuttavia, alcune delle tattiche utilizzate sono le stesse, secondo i gruppi pro-palestinesi.

Su Twitter, il gruppo di lavoro sulla solidarietà palestinese e BDS all’interno dei socialisti democratici d’America ha scritto: Le violenze della polizia che si verificano stanotte a Minneapolis vengono direttamente dalla guida IDF. Quante volte abbiamo visto rivolte a Gaza affrontate con una tempesta di gas lacrimogeni? Quante volte i palestinesi in Cisgiordania sono stati inondati di acqua chimica tossica durante una protesta? La polizia americana si allena in Israele.

Dalla pagina twitter di Mohammad Alqadi (@ALQadiPAL)

(link al tweet)

Incredibile come la stessa cosa succeda in Palestina ma il mondo scelga di ignorarla

Addestramento della polizia in Israele

Amnesty International ha avvertito che centinaia di dipartimenti di polizia si sono addestrati in Israele insieme a ufficiali militari, che hanno accumulato violazioni documentate dei diritti umani per anni”.

Il gruppo per i diritti nota che uno dei dipartimenti coinvolti nella formazione, il Dipartimento di Polizia di Baltimora, era stato citato dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti per diffuse violazioni costituzionali, applicazione discriminatoria e cultura delle ritorsioni.

Sia Amnesty che il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti hanno citato episodi di funzionari della sicurezza israeliani impegnati nella brutalità contro i palestinesi.

Il gruppo per i diritti ha dichiarato: Baltimora e altri dipartimenti di polizia dovrebbero trovare partner che si allenino su tecniche di riduzione della scala, su come gestire i cittadini con problemi mentali o malati, sui diritti costituzionali dei cittadini in merito alle riprese video e su come rispondere in modo appropriato a coloro che utilizzano una protesta non violenta come mezzo per esprimere le loro opinioni. Israele non può essere un partner del genere.

L’attivista palestinese Huda Ammori del gruppo Apartheid off Campus ha detto a TRT World che tali legami tra le forze di polizia statunitensi “militarizzate” e l’establishment della sicurezza israeliano hanno sottolineato la necessità di unità tra afro-americani e palestinesi.

Stiamo vedendo gli oppressori uniti nella loro formazione, utilizzano le stesse tecniche. Tra la comunità Black Lives Matter e la comunità palestinese e altre comunità in tutto il mondo, dobbiamo unirci per combattere contro questi sistemi. Ha detto Ammori.

Sono gli stessi sistemi di oppressione che stanno colpendo tutte queste comunità … dobbiamo combattere insieme.

 

Il ginocchio sul collo, da tempo un punto fermo dell’occupazione israeliana in Palestina

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.