Il “Giorno della Rabbia” è esploso in tutti i Territori Occupati: 42 feriti durante scontri con l’IOF

Evidenza Prigionieri palestinesi – 20/5/2017

 18557113_10211661059415609_4246634400406330840_n

Cisgiordania-PIC e Quds Press. Decine di cittadini palestinesi sono stati feriti, venerdì, a seguito di scontri scoppiati le forze di occupazione israeliane (IOF) in varie parti della Cisgiordania nella “Giornata della rabbia” indetta a sostegno dei prigionieri palestinesi in sciopero della fame nelle carceri israeliane da 34 giorni consecutivi.

La società palestinese della Mezzaluna Rossa ha dichiarato che negli scontri sono stati segnalati almeno 42 feriti.

Scontri sono esplosi dopo la preghiera del venerdì alle entrate delle cittadine di Beit Dajan e Beita, nel distretto di Nablus. L’IOF ha chiuso gli ingressi a Beita con blocchi di cemento.

Il giornalista Mohammed Abu Thabet, di Beit Dajan, ha dichiarato che le truppe israeliane si erano dispiegate un’ora prima della preghiera del venerdì sulla strada adiacente all’entrata di Beit Dajan, che è chiusa da anni.

Testimoni oculari hanno riferito che la tensione esplosa nella zona ha portato agli scontri con l’IOF, che ha sparato proiettili metallici e bombe lacrimogene contro i manifestanti.

Un ingegnere radiofonico, Jouda Abu Nejma, che lavora per un’azienda che fornisce servizi satellitari ai canali televisivi, è rimasto asfissiato ed è stato trasferito in una clinica locale per il trattamento.

Coloni israeliani del villaggio di Yitzhar hanno attaccato i veicoli palestinesi che passavano lungo la strada di Huwara, a sud di Nablus.

I coloni si sono riuniti in tre snodi a sud di Nablus mentre i soldati di IOF hanno chiuso l’ingresso di Madma che porta alla città di Burin.

A Ramallah si sono svolte manifestazioni di massa provenienti dalle moschee, scontrandosi con i soldati di occupazione. I manifestanti hanno intonato slogan che chiedevano di affrontare l’occupazione israeliana per costringerla a rispondere alle giuste richieste dei prigionieri.

Testimoni oculari hanno dichiarato che scontri sono esplosi a Ni’lin e Budrus, a Ramallah, durante marce anti-insediamento e anti-occupazione. Sono stati intonati slogan a sostegno dei prigionieri e un giovane è stato ferito.

Una marcia di massa si è svolta anche a Abud, sempre a Ramallah. I soldati israeliano hanno chiuso l’ingresso e hanno sparato i proiettili di metallo rivestiti di gomma, bombe sonore e gas lacrimogeni contro i manifestanti. I giovani palestinesi hanno risposto lanciando pietre.

Nella città di Ni’lin, a ovest di Ramallah, tre giovani palestinesi sono stati feriti con proiettili di metallo rivestiti di gomma, mentre altri sono rimasti asfissiati dai lacrimogeni.

I residenti di Bil’in hanno organizzato un sit-in sulla tangenziale e hanno bloccato l’accesso dei coloni, causando una congestione nel traffico.

I soldati di IOF hanno attaccato i cittadini con bombe acustiche e a gas e proiettili di in metallo rivestiti di gomma, e hanno assalito i giornalisti che coprivano la marcia.

Un giornalista di PIC ha riferito che sporadici scontri si sono scatenati tra i giovani palestinesi e l’IOF nella zona di Bab al-Zawiya a Hebron, durante i quali i soldati hanno sparato bombe a gas e e sonore.

Scontri analoghi sono scoppiati all’entrata di Beit Ummar a seguito di una marcia in solidarietà con i prigionieri in sciopero della fame.

Migliaia di cittadini palestinesi hanno partecipato a una marcia di massa a Hebron a sostegno dei prigionieri, a cui hanno partecipato numerose figure politiche di spicco e attivisti, nonché le famiglie dei prigionieri.

Manifestazioni anche a Betlemme, dopo la preghiera del venerdì, nella Piazza della Natività e dirette all’ingresso nord della città. Mentre la manifestazione si avvicinava all’entrata, l’IOF ha attaccato con bombe acustiche e lacrimogeni. Giovani locali sono stati aggrediti da soldati sotto copertura che li hanno colpiti con gas paralizzanti. Sei sono stati rapiti.

A Kafr Qaddum, a Qalqilya, 9 cittadini palestinesi sono stati feriti, tra cui due bambini, con proiettili di metallo rivestiti di gomma, secondo quanto ha reso noto il coordinatore della resistenza popolare della città, Murad Shtewi.

Shtewi ha aggiunto che i soldati dell’IOF hanno distrutto i vetri di cinque automobili mentre tentavano di impedire la marcia pacifica anti-insediamento di Kafr Qaddum che richiedeva la riapertura della strada cittadina chiusa da oltre 14 anni.

Scontri sono scoppiati all’entrata orientale della città di Qalqiliya, dopo la preghiera di venerdì svoltasi davanti alla tenda di solidarietà, alla presenza di centinaia di cittadini.

Due palestinesi sono stati feriti da proiettili metallo rivestiti di gomma durante gli scontri all’entrata sud della città di Gerico.

Due giovani palestinesi sono stati colpiti con proiettili metallici rivestiti di gomma durante scontri violenti nelle vicinanze del check-point di Qalandiya, nel nord di Gerusalemme, a seguito della marcia organizzata dal campo profughi a sostegno dei prigionieri impressionanti.

I giovani hanno lanciato pietre e bottiglie vuote contro i soldati che si nascondevano dietro blocchi di cemento.

Circa 1.500 prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane hanno avviato uno sciopero della fame il 17 aprile 2017, chiedendo il rispetto dei loro diritti fondamentali, negati dal Servizio carcerario israeliano.

I detenuti chiedono prevalentemente la fine delle politiche di detenzione amministrativa, del confinamento solitario, della negligenza medica e permessi per regolari visite dei familiari.

 

18527991_10211661057615564_5945311329090264990_n18620048_10211661059855620_4730937288348897534_n

© Agenzia stampa Infopal
E’ permessa la riproduzione previa citazione della fonte “Agenzia stampa Infopal – www.infopal.it”

 

Il “Giorno della Rabbia” è esploso in tutti i TO: 42 feriti durante scontri con l’IOF

http://www.infopal.it/93664-2/

Contrassegnato con i tag: , , , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam