IL GIUDICE RIFIUTA L’APPLICAZIONE DELLA LEGGE ISRAELIANA IN UN EMBLEMATICO CASO PER DIFFAMAZIONE CONTRO L’ATTIVISTA PALESTINESE

546

tratto da: https://www.invictapalestina.org/archives/42079

13/03/2021

“Ciò che questo giudice ha brillantemente scoperto è che la legge israeliana è intrinsecamente incoerente con i valori americani.” – Avvocato Haytham Faraj

Fonte: english version

Alan Macleod – 10 marzo 2021

Foto di copertina: Nell’immagine a sinistra una foto di Rebecca Rumshiskaya scattata per una campagna promozionale dell’IDF e, a destra, una foto di Suhair Nafal.

SANTA ANA, CALIFORNIA – Un’attivista palestinese-americana ha promesso di continuare a combattere l’apartheid israeliano dopo aver vinto una causa legale intentata contro di lei negli Stati Uniti da un ex soldato delle Forze di Difesa Israeliane (IDF). Suhair Nafal stava affrontando una causa per diffamazione per un post su Facebook del 2018 che condannava l’omicidio dell’infermiera palestinese Razan al-Najjar durante la Grande Marcia del Ritorno. Il caso è stato presentato dall’israeliana-americana Rebecca Rumshiskaya, che chiedeva 6 milioni di dollari di risarcimento dopo che Nafal l’ha definita “il male” per essersi arruolata nell’esercito israeliano.

Stranamente, Rumshiskaya stava anche tentando di convincere il tribunale della California a processare Nafal secondo la legge israeliana. Tuttavia il tentativo è fallito, poiché il giudice dell’Alta Corte della Contea di Orange Craig Griffin ha respinto la causa, ordinando persino a Rumshiskaya di pagare le spese legali di Nafal ai sensi delle leggi anti-SLAPP (un’azione per promuovere il diritto di appello o libertà di parola ai sensi della Costituzione degli Stati Uniti o della California in relazione a una questione pubblica), ritenendolo effettivamente un tentativo di intimidire Nafal e zittirla.

Nafal si è trasferita negli Stati Uniti all’età di otto anni ed è stata relativamente apolitica fino a quando non ha visto le immagini della distruzione causata dall’operazione Protective Edge (Margine di Protezione), l’assalto israeliano del 2014 a Gaza che è costato la vita a più di duemila persone. Da allora, ha avuto un notevole seguito online e si è unita a numerose organizzazioni filo-palestinesi, tra cui New Generation for Palestine (Nuova Generazione per la Palestina). Il post che ha innescato la causa può essere visto di seguito.

Il post su Facebook di Suhair Nafal che ha innescato la causa contro di lei.

Mentre il post non fa alcun collegamento tra Rumshiskaya e l’omicidio di Razan al-Najjar, altri post simili lo hanno fatto, sostenendo esplicitamente che Rumshiskaya fosse l’assassina dell’infermiera. La denuncia di Rumshiskaya afferma che a seguito del post è stata tempestata di messaggi odiosi e violenti. Ma non è chiaro il motivo per cui ha citato in giudizio Nafal e non altri che hanno fatto accuse dimostrabilmente false.

“Non permetterò che mi zittiscano”

Rumshiskaya è un ebrea americana di Brookline, Massachusetts. Nel 2012  decise  di trasferirsi in Israele e arruolarsi nell’IDF. Non contenta del ruolo troppo ordinario che le era stato assegnato, fu  trasferita a un’unità di intelligence militare. L’IDF ha utilizzato le sue immagini nelle proprie promozioni, ed è così che è arrivata all’attenzione di Nafal. Rumshiskaya lasciò  l’esercito nel 2015, molto prima che Razan al-Najjar fosse uccisa. La sua causa descrive Nafal come una “estremista” che la “diffamò ferocemente”, e la Grande Marcia del Ritorno come una rivolta sponsorizzata da Hamas piena di terroristi che usavano i civili come scudi umani.

Rumshiskaya V NafalUn post di Facebook dell’IDF con Rumshiskaya, a sinistra, e una foto di Nafal a destra

Ciò è in conflitto con i rapporti delle organizzazioni per i diritti umani, che descrivono gli eventi come una manifestazione pacifica, attribuendo la colpa delle uccisioni alle forze israeliane e rilevando che 70 dei 183 palestinesi uccisi sono stati colpiti alla testa. Sono stati uccisi anche 78 giornalisti e medici. Nessun israeliano è stato ucciso. “Niente è stato eseguito in modo casuale; tutto era accurato e misurato, e sappiamo dove è caduto ogni proiettile”, ha dichiarato l’IDF. Non c’erano prove dell’uso di scudi umani, sebbene l’IDF abbia utilizzato bambini palestinesi come tali in passato.

“Ad essere onesta, ero incredula”, ha detto Nafal, quando ha appreso per la prima volta delle accuse, “sono rimasta sbalordita dalla loro sfrontatezza. Ma a dire la verità, immaginavo sarebbe successo. Sapevo che sarebbe arrivato il giorno in cui mi avrebbero attaccato, a causa del mio seguito sui social media”. Nafal rifiuta la sua caratterizzazione come estremista, dichiarando: “Se l’ideologia politica estremista significa difendere le persone che sono occupate, oppresse, affamate e uccise impunemente dagli occupanti colonialisti che giustificano la loro violenza sulla base di una rivendicazione della loro supremazia religiosa, allora sì. Sono un estremista.”

Nafal ha detto di essere determinata a non farsi intimidire dalla causa:

“Non avevo altra scelta che continuare quello che stavo facendo. Non avrei lasciato che mi zittissero. Continuo a pubblicare come ho sempre fatto. Non ho smesso per un solo minuto. E continuerò a condividere le notizie di ciò che sta accadendo. E continuerò a fare quello che sto facendo. Semmai, lo farò ancora di più”.

Nessun primo emendamento israeliano

Forse la cosa più strana del caso è che i rappresentanti del querelante hanno cercato di convincere il tribunale della Contea di Orange ad applicare la legge israeliana al caso tra un bostoniano e un californiano. “Gli atti processuali che hanno presentato rendono chiaro che si trattava di interessi israeliani, anche se hanno usato Rebecca come appiglio per la causa”, ha detto Haytham Faraj, l’avvocato di Nafal.

Faraj ha detto che la sentenza ha inflitto un duro colpo a qualsiasi futuro tentativo di zittire le critiche su Israele, sottolineando la sostanziale discrepanza tra la legge israeliana e il Primo Emendamento:

“Ciò che questo giudice ha brillantemente scoperto è che la legge israeliana è intrinsecamente incoerente con i valori americani. La verità sostanzialmente è sempre una difesa contro la diffamazione nelle democrazie di tutto il mondo, tranne che in Israele, dove non è una difesa a meno che non sia nell’interesse dello stato. Quindi se cercano di perseguire altre sfide, non avranno successo.”

Contattato via e-mail all’avvocato di Rumshiskaya, Michael Weiser, ha espresso il suo disappunto per la decisione. Weiser contesta la lettura degli eventi da parte di Faraj, affermando che il caso è stato “respinto per motivi procedurali e i meriti di quanto accaduto non sono mai stati affrontati.”

Tentando di rassicurarsi

Se Nafal avesse perso la causa, le sarebbe stato chiesto di pagare alla querelante 6 milioni di dollari di danni, che non ha. Per questo motivo, tutte le sue proprietà e possedimenti e persino i guadagni futuri potrebbero essere congelati o confiscati. Inoltre, i ritardi per questi casi in California si accumulano a un ritmo del 10% all’anno, il che significa che sarebbe stata destinata a una vita di povertà. Fortunatamente per lei, il giudice Griffin ha archiviato il caso, ordinando persino a Rumshiskaya di pagare le spese processuali. Faraj ha visto questo caso molto più grande della singola Nafal:

“Questa è una causa che ha tentato di stabilire un precedente negli Stati Uniti per l’applicabilità della legge israeliana contro le critiche a Israele e agli agenti israeliani. Non è altro che quello. Avrebbe potuto citare in giudizio Suhair ai sensi della legge degli Stati Uniti nelle poche settimane successive al post, quando c’era la maggior quantità di attività e lei era, presumibilmente, più colpita da tutto ciò. Ma questa non è solo la causa di Rebecca, questa è la causa di un’istituzione che cerca di mettere a tacere chiunque osi criticare Israele”.

La natura giuridica della critica a Israele negli Stati Uniti è nel limbo. “L’antisionismo è antisemitismo” ha dichiarato categoricamente a gennaio il Segretario di Stato uscente Mike Pompeo, aggiungendo che il BDS (Boicottaggio Disinvestimento e Sanzioni, la pratica del rifiuto di cooperare economicamente con Israele fino a quando non si ritira dai Territori Occupati) è una manifestazione di razzismo antiebraico.

Obiettivo BDS

Attualmente, la maggior parte degli Stati americani richiede a coloro che ricevono fondi pubblici (come gli appaltatori statali) di firmare impegni a non praticare il boicottaggio di Israele pena il licenziamento. Alcuni appaltatori del Texas hanno perso i contratti dopo essersi rifiutati di firmare. L’anno scorso, anche un’università della Georgia ha annullato una conferenza sull’alfabetizzazione mediatica dopo che la giornalista Abby Martin si è rifiutata di firmare l’impegno. Martin sta attualmente facendo causa allo Stato.

Nel 2019, il Dipartimento dell’Istruzione Americano ha ordinato sia all’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill che alla Duke di modificare i loro programmi congiunti di studi sul Medio Oriente, poiché aveva stabilito che stavano presentando Israele in una luce troppo negativa. Henry Reichman, presidente dell’American Association of University Professors Committee on Academic Freedom and Tenure (Associazione Americana dei Professori Universitari – Comitato per la Libertà Accademica e il Mandato), ha descritto l’interferenza dell’Amministrazione Trump come una “spaventosamente inappropriata intrusione politica nelle decisioni didattiche meglio prese dalla facoltà.”

Sul BDS, Nafal rifiuta categoricamente la posizione di Trump:

“Il BDS è uno dei più importanti strumenti di resistenza non violenta che abbiamo. E sta funzionando. Ed è proprio per questo che stanno investendo e si stanno mobilitando per cercare di delegittimarlo. A mio avviso, per loro è probabilmente la più grande minaccia, insieme ai social media. Sono stati smascherati.”

L’amministrazione Biden, finora, ha mostrato poca rottura con il suo predecessore quando si tratta di Israele e Palestina. Il presidente ha deciso di mantenere l’ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme, una controversa decisione dell’era Trump che approva pienamente l’occupazione. La scorsa settimana, la Vice Presidente Kamala Harris ha incontrato il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu per ribadire “l’impegno incrollabile” dell’Amministrazione americana nei confronti della sicurezza israeliana. Per Nafal, invece, il cambiamento arriva dal basso:

“Non dipende dall’Amministrazione. Ci vorrà l’impegno di tutti negli Stati Uniti e a livello internazionale per perseguire la verità. E col tempo, la giustizia prevarrà”.

 

Alan MacLeod scrive per MintPress News. Dopo aver completato il suo dottorato di ricerca nel 2017, ha pubblicato due libri: “Cattive Notizie Dal Venezuela: Vent’anni di notizie false e Mistificazioni” e “propaganda nell’era dell’informazione: Ancora consenso alla produzione”. Ha anche contribuito a Correttezza e accuratezza nella segnalazione, The Guardian, Salon, The Grayzone, Jacobin Magazine, Common Dreams, American Herald Tribune e The Canary.

 

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

Il giudice rifiuta l’applicazione della legge israeliana in un emblematico caso per diffamazione contro l’attivista palestinese

 

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.