Il Ku Klux Klan di Israele sta per andare al governo?

594

tratto da: https://www.invictapalestina.org/archives/42084

15/03/2021

Il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha mediato un’alleanza elettorale che quasi sicuramente porterà la versione israeliana del Ku Klux Klan nel parlamento israeliano quando si terranno le elezioni alla fine del mese.

Fonte: english version

Jonathan Cook – 12 marzo 2021

Foto di copertina: Manifesti elettorali con Benjamin Netanyahu e Itamar Ben Gvir affissi sulla barriera di cemento in un posto di blocco militare israeliano nella Cisgiordania occupata. Heidi Levine Sipa Press

Il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha mediato un’alleanza elettorale che quasi sicuramente porterà la versione israeliana del Ku Klux Klan nel parlamento israeliano quando si terranno le elezioni alla fine del mese.

L’obiettivo principale di Netanyahu è assicurarsi di ottenere una maggioranza decisiva che sorregga lo schieramento di estrema destra in modo che possa approvare una legge sull’immunità per neutralizzare il suo attuale processo per corruzione.

Entra Otzma Yehudit (Potere Ebraico).

Potere Ebraico è fortemente influenzato dal defunto rabbino Meir Kahane, il cui partito Kach, violentemente anti-palestinese, è stato escluso dalle elezioni israeliane più di 30 anni fa.

Da quando fu bandito, Kach è stato dichiarato organizzazione terroristica nella maggior parte dei paesi occidentali, inclusi Stati Uniti, Canada e Unione Europea.

La maggior parte della dirigenza di Potere Ebraico era stata precedentemente coinvolta con Kach, compreso il suo attuale leader, Itamar Ben Gvir, che occupava una posizione nel movimento di Kahane ai suoi tempi da studente.

All’ex leader e attuale presidente di Potere Ebraico, Michael Ben Ari, è stato vietato l’ingresso negli Stati Uniti a causa dei suoi legami con il terrorismo ebraico.

Tuttavia, si dice che Netanyahu abbia offerto degli incentivi per convincere Potere Ebraico e altri due partiti di estrema destra a formare una nuova alleanza chiamata Sionismo Religioso.

E nonostante le affermazioni di Netanyahu secondo cui a Ben Gvir non verrà assegnato un incarico ministeriale nel suo governo dopo le elezioni del 23 marzo, Netanyahu potrebbe dover capitolare se la sua coalizione di estrema destra e religiosa ha bisogno di Potere Ebraico per assicurarsi la maggioranza dei seggi.

I sondaggi attualmente suggeriscono che nessuno disponga di una netta maggioranza.

“Certificato Kosher”

Dalla sua fondazione nel 2012, Potere Ebraico non è riuscito da solo a superare la soglia elettorale del 3,25% dei voti espressi, l’equivalente di circa quattro seggi alla Knesset, il parlamento israeliano, composto da 120 membri.

Il mese scorso, tuttavia, il partito Likud di Netanyahu ha firmato un accordo di condivisione dei voti in eccesso con il Sionismo Religioso.

La mossa di Netanyahu riflette in parte la sua disperazione per ottenere una vittoria decisiva il 23 marzo dopo tre elezioni in stallo negli ultimi due anni.

Senza una chiara maggioranza parlamentare, non può approvare una legge sull’immunità che bloccherà il suo processo in corso per diverse accuse di frode, corruzione e abuso d’ufficio. Finora ha trascinato con successo il procedimento, usando le restrizioni della campagna anti-Covid-19 come pretesto.

Dopo l’intervento di Netanyahu, è quasi certo che il patto elettorale con Potere Ebraico assicurerà a Ben Gvir di entrare nel prossimo parlamento.

Ha il terzo posto nella lista dei candidati del Sionismo Religioso e gli attuali sondaggi suggeriscono che il gruppo vincerà tra i quattro ei cinque seggi.

Criticando il ruolo di Netanyahu come mediatore, il quotidiano Haaretz lo ha accusato di aver assegnato “un certificato kosher al kahanismo”, l’ideologia razzista alla base della politica di Potere Ebraico.

Massimizzazione dei seggi

L’obiettivo di Netanyahu è garantire che i partiti religiosi più piccoli ed estremisti della destra si uniscano per superare la soglia e non disperdano voti che potrebbero fare la differenza tra la vittoria del suo blocco ultranazionalista e una vittoria dei suoi avversari.

Come ha notato un analista israeliano, la dipendenza di Netanyahu dal Sionismo Religioso che massimizza il suo numero di seggi significa che sarà impegnato a fare tutto il possibile per spingere la Lista “oltre la soglia” nelle fasi finali della campagna.

Allo stesso tempo, mentre aiutava l’estrema destra, Netanyahu ha anche lavorato duramente per indurre una spaccatura nella Lista Congiunta, una fazione che rappresenta la grande minoranza israeliana di cittadini palestinesi.

Non sta solo cercando di massimizzare i seggi a suo favore, sta cercando di indebolire la coalizione di partiti schierati contro di lui.

Non è la prima volta che Netanyahu tenta di far entrare Potere Ebraico in parlamento, nonostante la sua palese politica suprematista ebraica. Ha mediato un accordo simile in tempo per le elezioni dell’aprile 2019, anche se Ben Gvir non è stato sufficientemente votato per ottenere un seggio.

Itamar Ben Gvir partecipa a un evento della campagna elettorale nel 2019. Gili Yaari ZUMA Press

In quell’occasione, le principali organizzazioni ebraiche americane, inclusa l’AIPAC, hanno espresso la loro opposizione, definendo Potere Ebraico un “partito razzista e riprovevole”.

È stato notevole che in questa occasione ci sia stato molto meno di un contraccolpo.

Nel nuovo accordo, Ben Gvir ha un posto molto più importante accanto al partito dell’Unione Nazionale di Bezalel Smotrich, che in passato ha partecipato ai governi di Netanyahu. Il terzo alleato è Noam, un altro partito religioso di estrema destra in un campo affollato la cui caratteristica distintiva è la sua feroce omofobia.

Questo ha portato alla decisa opposizione di altri ambienti. Ohad Hizki, coordinatore di una associazione israeliana LGBT, ha risposto: “Netanyahu ha disatteso le sue promesse alla comunità gay più e più volte, ma questa volta è stata superata una linea rossa che non può essere oltrepassata senza conseguenze”.

Vietato candidarsi

Ai precedenti leader di Potere Ebraico è stato vietato di candidarsi dalla Commissione Elettorale Centrale guidato da un giudice e composto da rappresentanti dei principali partiti. Tuttavia, Ben Gvir non ha dovuto affrontare alcun impedimento.

Anzi, è andato lui stesso all’attacco, presentando un ricorso alla Commissione per un divieto totale sui candidati che sono cittadini palestinesi di Israele, sostenendo che erano tutti “sostenitori del terrorismo”.

La debolezza elettorale di Potere Ebraico sin dalla sua fondazione riflette in parte il fatto che ha avuto difficoltà a differenziarsi ideologicamente dai maggiori partiti tradizionali mentre si spostavano sempre più a destra.

È stato anche ostacolato dal vincolo secondo cui la sua piattaforma deve rimanere apparentemente entro la legge. È la sua brutta fama piuttosto che le sue politiche che sembra scoraggiare molti elettori di destra.

Avigdor Lieberman, che guida il partito Yisrael Beiteinu, è un ex membro di Kach che ha servito nei governi con Netanyahu come Ministro della Difesa e degli Esteri.

Lieberman promuove da tempo una delle politiche distintive di Potere Ebraico, cioè che 1,8 milioni di cittadini palestinesi di Israele vengano espulsi a meno che non dichiarino lealtà a Israele come Stato Ebraico.

Lieberman ha persino chiesto che i cittadini palestinesi “sleali” vengano “decapitati”.

Nessun interrazzialità

Altre politiche di Potere Ebraico si sovrappongono con le opinioni prevalenti nel partito Likud di Netanyahu, tra cui il rifiuto della statualità palestinese; sostegno all’annessione formale di tutta o gran parte della Cisgiordania; l’imposizione della sovranità israeliana sulla moschea al-Aqsa a Gerusalemme; e la ferma opposizione all’interrazzialità o alle relazioni tra ebrei e palestinesi.

Smotrich, il principale alleato di Potere Ebraico nel Sionismo Religioso, condivide molte delle sue opinioni anti-palestinesi, ma in precedenza è stato Ministro dei Trasporti di Netanyahu. Ha chiesto che ai cittadini palestinesi venga negato l’alloggio e che vengano riservati reparti di maternità per soli ebrei.

Il leader di Potere Ebraico, Ben Gvir, è anche un promotore della deliberata violenza dei coloni nell’enclave nella città palestinese di Hebron con il sostegno dello stato israeliano.

Nel 2007, è stato condannato per incitamento al razzismo e sostegno a un gruppo terroristico dopo aver esposto cartelli con la scritta “Espelli il Nemico Arabo” e “Il Rabbino Kahane Aveva Ragione: I parlamentari arabi membri della Knesset sono una quinta colonna”.

Una volta espose in modo visibile a casa sua una foto di Baruch Goldstein, un estremista sionista che ha ucciso 29 e ferito altri 125 musulmani raccolti in preghiera nella moschea Ibrahimi di Hebron nel 1994, nel tentativo di far deragliare gli accordi di Oslo.

Come riportato da The Electronic Intifada, un video del 1995 recentemente ritrovato, mostra Ben Gvir vestito da Goldstein per la festa ebraica di Purim che dice: “È il mio eroe”.

Bruciare le chiese

Formatosi come avvocato, Ben Gvir ha difeso una serie di sospetti di estrema destra in casi di terrorismo di alto profilo e crimini d’odio. Tale difesa includeva due coloni accusati di un incendio doloso contro una famiglia palestinese nel villaggio di Duma nel 2015.

Un bambino di 18 mesi era tra le vittime bruciate a morte.

Ben Gvir ha anche lavorato come avvocato per Lehava, un gruppo anti-interrazziale i cui membri aggrediscono fisicamente i palestinesi sospettati di uscire con donne ebree.

Anche il leader di Lehava, Bentzi Gopstein, ha espresso approvazione per l’incendio delle chiese.

Netanyahu ha promesso all’alleanza del Sionismo Religioso un seggio nel Comitato per le Nomine Giudiziarie. Ben Gvir spera di usare quella posizione per portare ancora più coloni nei tribunali come giudici.

Almeno due giudici della Corte Suprema di Israele, Noam Sohlberg e David Mintz, sono noti per vivere negli insediamenti.

Haaretz ha osservato dell’accordo: “Le azioni di Netanyahu sono un’ammissione che il kahanismo è un solido alleato e un sostenitore partecipe nel partito Likud”.

 

Jonathan Cook è vincitore del Premio Speciale Martha Gellhorn per il giornalismo. I suoi libri includono “Israele e lo Scontro di Civiltà: Iraq, Iran e il Piano per Ricostruire il Medio Oriente” (Pluto Press) e “Palestina Scomparsa: Gli Esperimenti di Israele Nella Disperazione Umana” (Zed Books). Visitate il suo sito web www.jonathan-cook.net.

 

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

 

Il Ku Klux Klan di Israele sta per andare al governo?

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.