Il leader della Grande Marcia di Gaza agli obiettori di coscienza israeliani : “Trasformate le vostre parole in armi”.

0

Il  leader della Grande Marcia del Ritorno di Gaza ha avuto un incontro con gli Israeliani che si rifiutano di prestare servizio nell’esercito a causa dell’occupazione. “Coloro che si rifiutano di prendere parte agli attacchi contro i manifestanti di Gaza – stanno dalla parte giusta della storia”.

Edo Konrad e Oren Ziv -2 gennaio 2019

Foto di copertina: attivisti israeliani, inclusi obiettori di coscienza vecchi e nuovi, in una conversazione telefonica con Ahmed Abu Artema, il leader della Grande Marcia del Ritorno di  Gaza, alla Hagada Hasmalit, Tel Aviv, il 19 dicembre 2018. (Oren Ziv)

Oggi è difficile immaginarlo, ma un tempo gli incontri tra attivisti palestinesi e israeliani erano un’abitudine. Le giovani generazioni di Palestinesi e di Israeliani, tuttavia,  sono nate in un mondo di muri, recinzioni e segregazione, dove persino una semplice conversazione può essere complicata e a volte impossibile.

Questa cruda realtà è stata svelata due settimane fa quando dozzine di attivisti israeliani, inclusi obiettori di coscienza vecchi e nuovi, hanno avuto  una rara conversazione  con Ahmed Abu Artema, uno dei principali organizzatori della Grande Marcia del Ritorno di Gaza. Per molti dei più giovani obiettori di coscienza, la Grande Marcia del Ritorno è servita  come ispirazione nel rifiutare l’arruolamento nell’esercito israeliano.

È molto bello incontrare persone che hanno deciso di prendere posizione e di ascoltare la loro coscienza nel rifiutarsi di far parte di un’oppressione verso altri”, ha iniziato Abu Artema, il suo arabo spesso fiorito tradotto dall’attivista israeliano Neta Golan, uno dei leader delle recenti proteste di solidarietà davanti alla barriera  di Israele-Gaza. “Coloro che si rifiutano di prendere parte agli attacchi contro i manifestanti di Gaza, che esprimono il loro naturale diritto di protestare contro l’assedio, coloro che si rifiutano di prendere parte agli attacchi contro i cittadini di Gaza, stanno dalla parte giusta della storia” Abu Artema ha detto alla folla.

Era la prima volta che Artema parlava di fronte a una folla di Israeliani. Per molti degli attivisti più giovani, è stata la prima volta che hanno parlato con qualcuno di Gaza.

Lo scorso settembre, Abu Artema aveva avuto una corrispondenza con l’obiettore di coscienza Hillel Garmi, che ha scontato 107 giorni di carcere militare per essersi rifiutato di prestare servizio nell’esercito di occupazione. “La vostra decisione è ciò che contribuirà a porre fine a questo periodo oscuro inflitto ai Palestinesi, mitigando allo stesso tempo le paure delle giovani generazioni israeliane che sono nate in una situazione complicata e in un’area geografica turbolenta priva di sicurezza e pace”, ha scritto Abu Artema a Garmi in una lettera pubblicata sulla rivista +972.

Tra i presenti all’evento a Hagada HaSmalit, uno spazio politico nel centro di Tel Aviv che ospita vari gruppi di sinistra, c’erano Adam Rafaelov, che era stato rilasciato dal carcere militare pochi giorni prima dopo essere stato  condannato per essersi rifiutato di unirsi all’IDF a causa della sua opposizione all’occupazione. Era presente anche Yasmine Eran-Vardi, 18 anni, che ha dichiarato la sua intenzione di rifiutare la sua coscrizione a gennaio.

Potreste essere in numero limitato, ma voi siete forti grazie alla vostra posizione di principio”, ha continuato Abu Artema. “Il potere di un individuo o di un gruppo non è misurato in numeri, ma nella loro moralità.

Abu Artema ha anche mostrato una genuina ed empatica comprensione della realtà in cui sono nati gli obiettori di coscienza. “Siamo tutti nati in una particolare società. Nel tempo, diventiamo parte di questa società e interiorizziamo i suoi valori. La sfida più grande è quella di essere in grado di affrontare le cose immorali che vi si verificano e di poter rifiutare di prendere parte alle sue richieste immorali“, ha detto alla folla.

Gli obiettori Yasmin Vered-Levy (left) and Adam Rafaelov. (Oren Ziv)

Abu Artema ha inoltre affermato che porre fine all’occupazione e all’assedio è nell’interesse sia degli Israeliani che dei Palestinesi. “Abbiamo bisogno di una soluzione che funzioni per tutti, per liberare non solo il lato debole, ma anche il lato che discrimina. La situazione attuale non consente stabilità o sicurezza per nessuno. Abbiamo bisogno di costruire una vita basata sull’uguaglianza – per il bene di tutti.

Seguendo le sue osservazioni, Abu Artema, che stava parlando ad una folla proveniente dalla Giordania, ha risposto ad alcune domande. Ogni volta che un obiettore di coscienza si alzava per fare una domanda, Abu Artema iniziava la sua risposta ringraziandolo per il suo coraggio. Alla domanda su cosa gli Israeliani potrebbero fare per cambiare la situazione, Abu Artema ha optato per proposte più generali: “Dobbiamo abbattere i muri della discriminazione. Senza una realtà diversa, non avremo sicurezza o una soluzione reale“.

Le persone devono essere in grado di trasformare le loro parole in armi. Le loro armi devono essere le loro parole o le loro azioni nonviolente. Prendere una posizione e usarla come strumento“, ha detto alla folla.

Eran-Vardi, che è stata ispirata da Abu Artema quando l’anno scorso ha deciso di obiettare, ha detto che si è emozionata nel sentirlo parlare. “Ho letto le lettere di Hillel e Ahmed mentre stavo già pensando diobiettare. Mi hanno aiutato a prendere la decisione finale e a capirne tutta la complessità.

Dicono che non abbiamo una controparte palestinese, ma vediamo persone che vogliono vivere in pace e in uguaglianza con noi”, ha detto Rafaelov  dopo l’incontro. “Mi fa sperare che le cose possano cambiare e che l’occupazione un giorno possa finire.

All’inizio di questo mese, un corpo disciplinare dell’IDF ha condannato Rafaelov al carcere per la settima volta per il suo rifiuto di arruolarsi. Rafaelov, 18 anni, di Kiryat Motzkin nel nord di Israele, ha scontato un totale di 87 giorni dietro le sbarre.

 

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” Invictapalestina.org

Fonte:https://972mag.com/gaza-return-march-leader-people-must-turn-words-weapons/139532/?fbclid=IwAR3yr_cSDcOe_uQJqCF9PZ-JlqeZ6BgIRuC5R1u6fVW4orpHWOEX7Ma1PhA

 

Il leader della Grande Marcia di Gaza agli obiettori di coscienza israeliani : “Trasformate le vostre parole in armi”.

Il leader della Grande Marcia di Gaza agli obiettori di coscienza israeliani : “Trasformate le vostre parole in armi”.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.