Il mondo è pronto!

novembre 30, 2012

 

Erano le 22:30, ce ne stavamo ranicchiati sul nostro divano a seguire il collegamento in diretta su Al Jaseera International. La folla radunata intorno al mega schermo, bandiere dappertutto, l’eccitazione della gente, l’elettricità nell’aria, un’atmosfera quasi calcistica, sembrava di assistere ad una finale mondiale.

Sul mega schermo, dall’altra parte del mondo, da New York, inizia a parlare l’ambasciatore del Sudan, il mio inglese non mi permette di capire tutto quello che sta dicendo, ma alcune parole, come pezzi di un puzzle, si incastrano insieme alla perfezione “right..”, ”Palestine”, “recognize”, “vote”, e a quelle parole segue un fiume di nomi che sembra un raggio di sole, “Sudan, Gibuti, Algeria, Argentina, Sri Lanka…” e molti, molti altri. La lista è così lunga che fatico a memorizzare tutte le nazioni che vengono citate, faccio prima a riassumerle così: il mondo intero.

A New York, il mondo intero è pronto a votare all’assemblea generale dell’ONU a favore del riconoscimento della Palestina come stato osservatore. A Ramallah la gente radunata intorno al mega schermo aspetta di vedere se il mondo è pronto a riconoscere il loro diritto ad esistere.

Poche sono le voci dissonanti, le conosciamo tutti, il portavoce Israeliano accusa il presidente palestinese Mahomoud Abbas (meglio conosciuto come Abu Mazen) di non volere la pace, e sostiene che un vero percorso di pace non potrà essere percorso finchè Abu Mazen si ostinerà a negare il diritto all’esistenza dello stato di Israele.

Peccato che giusto prima di lui, allo stesso microfono, il presidente Mahmoud Abbas abbia pronunciato queste parole: “Non siamo venuti qui per cercare di delegittimare uno Stato stabilito anni fà, che è Israele, ma piuttosto siamo venuti per affermare la legittimità dello Stato e che ora deve affermare la propria indipendenza, e che è la Palestina”, ed ha aggiunto l’urgenza del raggiungimento di una pace per il popolo di Israele e per il popolo palestinese, strangolato da 64 anni di occupazione Israeliana.

Tradotto, in un sol colpo Abu Mazen, agli occhi di tutto il modo, ha spazzato via ogni scusa e paravento dietro il quale Israele possa nascondere i propri reali intenti nei confronti del popolo palestinese, ovvero la pulizia etnica e la cancellazione di qualsiasi possibilità di nacita di uno stato palestinese. Ora la posizione palestinese è chiara agli occhi di tutto il mondo, ed è la stessa che abbiamo vissuto e respirato un anno fà per le vie di Betlemme, vivendo e parlando con i palestinesi della Cisgiordania. Il popolo palestinese è un popolo logorato da anni di feroce occupazione e di negazione dei più fondamentali diritti umani, ma non è un popolo vinto. Ma soprattutto, è un popolo che vuole solo due cose, e le vuole fortemente, disperatamente, le vuole come i nostri polmoni vogliono l’aria da respirare:

vogliono che venga riconosciuto il loro diritto ad esistere, ma soprattutto vogliono LA PACE.

Che è quello che voleva il popolo ebreo scampato agli orrori della Shoah 64 anni fa, e che ha ottenuto proprio grazie all’intervento dell’ONU, che nel 1948 riconobbe il diritto all’esistenza dello stato di Israele.

Ma il portavoce israeliano sembra avere la memoria corta quando dichiara che “c’è solo una strada per uno stato palestinese e quella via non passa attraverso l’ONU. Questo percorso si snoda attraverso negoziati diretti tra Gerusalemme e Ramallah che porteranno ad una pace sicura e duratura tra israeliani e palestinesi. Non ci sono scorciatoie. Non ci sono soluzioni rapide. Non ci sono soluzioni immediate”.

Ma come? L’ONU viene buona per riconoscere lo stato di Israele, ma non va bene per riconoscere uno stato Palestinese?

Come al solito Israele usa due pesi e due misure, e soprattutto abusa delle uniche armi che gli sono rimaste in alternativa ai bombardamenti e alla forza bruta, ovvero la dissimulazione e il discredito.

Ma ormai la storia è fatta, con lo sguardo incollato al televisore guardo accendersi le luci sul tabellone delle votazioni, e aspetto il verdetto con l’ansia con cui, in quella notte di Berlino del 2006, aspettavo che Fabio Grosso calciasse il rigore che avrebbe regalato il quarto titolo mondiale all’Italia.

E il tabellone sentenzia: 138 paesi favorevoli, 9 contrari, 41 astenuti.

Un boato si alza da Ramallah! Tifo da stadio, le bandiere palestinesi si alzano al cielo! Storia è fatta! L’ONU riconosce la Palestina come stato osservatore non-membro alle Nazioni Unite. E’ vero, la Palestina non è ancora uno stato, quello che è stato fatto è solo un piccolo passo di un cammino lungo e difficile, ma la strada è tracciata!

“Sfortunatamente oggi è stata approvata una risoluzione controproducente, che allontanerà uteriormente qualsiasi prospettiva di pace” dichiara l’ambasciatrice degli Stati Uniti Susan Rice ai microfoni dell’assemblea, ma sappiamo che questi sono solo i colpi di coda di un animale ferito. “La risoluzione approvata oggi non sancisce la nascita di uno Stato della Palestina» dichiara Susan Rice, è vero, ma il processo oggi è iniziato, e un giorno, non si sa quando, festeggieremo la nascita di uno stato Palestinese, e con la memoria torneremo a questo giorno, perchè è oggi che tutto inizia.

Un giorno lo stato Palestinese nascerà e pace sarà fatta, i voti favorevoli di 138 paesi diversi ci dicono che il mondo è pronto!

http://lavaligiadeimondi.wordpress.com/2012/11/30/il-mondo-e-pronto/

Contrassegnato con i tag:

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam